In tarda serata c’è stato l’incontro tra il Presidente Corsi ed una delegazione dei gruppi Ultras Azzurri, Desperados e Rangers, capitanati dal presidente del Centro di Coordinamento Athos Bagnoli. In rappresentanza della società anche il responsabile della comunicazione, Gianni Assirelli, ed il segretario generale Calistri.

 

L’incontro, svoltosi nella sala stampa dello stadio “Castellani” è durato poco più di un ora, un ora fitta di dialoghi e di confronti tra le due parti che alla base hanno il comune sentimento per la squadra azzurra. Un dialogo corretto tra uomini ma soprattutto tra empolesi, dove non sono mancate battute e qualche alzata di voce, ma il rispetto non è assolutamente mai venuto meno, anzi c’è stata molta partecipazione con domande mirate anche al di fuori del mero aspetto calcistico, spaziando dalla gestione al marketing societario.

 

I tifosi, al di la dell’impegno che la squadra deve sempre avere in ogni gara, chiedono maggiori iniziative e maggiore partecipazione da parte della società che sta rischiando di allontanarsi troppo dalla gente, facendo poco, a loro dire,  per riconquistare chi magari nel tempo si è perso e fidelizzare chi ancora ha voglia di Empoli.

 

Il Presidente farà certamente tesoro di tutte le informazioni e di tutti i suggermenti che gli sono arrivati, e sicuramente, magari a partire dal finale di questo campionato ci sarà la possibilità per ulteriori confronti.

Intanto per venerdi la tifoseria più calda sarà regolarmente al suo posto a sostenere gli azzurri, nessuna contestazione e nessuno sciopero, ma solo grandi incitamenti nella speranza di vedere una grande prestazione possibilmente coronata da un bel risultato.

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDal campo…prove di 4-3-2-1
Articolo successivoCon Francesco Marianini…
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

4 Commenti

  1. Insomma tutto a tarallucci e vino…..tutto è andato a finire in una bolla d’aria……allora smettiamo di lamentarci per certi comportamenti in campo per me MOLTO GRAVI che tanto arrivano gli ultras,parlano con il presidente e tutto è risolto….E’ RISOLTO PROPIO UN BEL NIENTE!I tifosi devono chiedere solo il massimo impegno dei giocatori e dell’allenatore….STOP!Le iniziative per portare magari piu’ gente allo stadio la societa’ le ha gia fatte con abbonamenti dal prezzo davvero irrisorio….ha fatto pagare anche un euro a partita….ma tanto in Italia la gente allo stadio sarà sempre meno non tanto per gli spettacoli mediocri che si vedono spesso in campo,ma perchè con quei ridicoli tornelli entrare per andare a vedere una partita assomiglia sempre piu’ all’entrare in una trincea.Poi gli spettacoli come quello con il Padova FANNO IL RESTO e possono solo allontanare la gente!L’UNICA INIZIATIVA CHE DEVE AVERE LA SOCIETA’E QUELLA DI INVESTIRE TUTTI I MILIONI CHE HANNO INCASSATO E INCASSERANNO QUEST’ANNO PER LE COMPROPIETA’DA CHIUDERE naturalmente senza strafare,ma con la competenza che ci vuole da una società che tra l’altro ci sa fare!!Però se volevano provare ad andare in serie A,a gennaio avrebbero preso quei tre o quattro rinforzi che ci volevano..invece non l’hanno fatto!!Perchè? ED QUESTO CHE SI DEVE DOMANDARE AL SIG.CORSI!Forse ci eravamo abituati troppo bene fino ad 3 anni fa,con un’altalena fra serie A e serie B,e forse per la dimensione dell’Empoli e per la scarso pubblico che ormai vediamo sugli spalti del Castellani sarebbe anche troppo sperare di rivivere gli ultimi 10 -12 anni…..però quando tu ti ritrovi a poche giornate dal termine in ottima posizione(dove tra l’altro siamo sempre stati)e vedi che davanti vanno a 2 all’ora tu societa’,tu allenatore,tu squadra non ti devi permettere di giocare col freno a mano tirato….anche perchè anche se tu ti vuoi salvare non è che lo puoi fare pareggiando in casa e perdendo fuori!

  2. Non parlo dell’incontro tra Ultras e Corsi, primo perchè non ero presente e non so cosa si sono detti, secondo perchè non credo che ci debba essere un incontro per spiegare le motivazioni di una contestazione, poichè è sotto gli occhi di tutti come questa squadra manchi di grinta carattere e gioco, terzo perchè mi fa incavolare che dopo 34 partite il presidente caschi dal pero e si accorga che ci sono dei malumori nella tifoseria…sia di lezione, se ci svegliavamo prima probabilmente potevamo dare una scossa e rendere questo campionato perlomeno dignitoso e quarto perchè i nostri FENOMENI sono pagati profumatamente per giocare e per farlo bene, se si vogliono dedicare alla fabbricazione dei BISCOTTI lo dicessero che provvediamo subito a dar loro uno stipendio congruo al nuovo ruolo.
    Mi permetto di aggiungere al discorso di Daniele 57, che il male del calcio non sono i tornelli ma le televisioni. La serie B a 100 € comodamente seduto sulla poltrona o il circolino e i bar che con 2 € ti fanno vedere una partita sono una tentazione troppo allettante per il “tifoso” medio italiano.

  3. 3 punti col Novara, pensiamo a questo.
    A tempo debito, però, tutti quanti, tifosi e dirigenza, dovranno trarre le dovute conseguenze da quanto avvenuto quest’anno ovvero ed in primis che Aglietti è un allenatore di poche p.a.l.l.e.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here