di Gabriele Guastella

 

Era da un pò di tempo che avevo in testa questo pallino. L’idea era nata un pò di tempo fa ascoltando, alle prime luci dell’alba, una rubrica presente in una radio nazionale, di cui adesso francamente non ne ricordo il nome. Pensai… cavolo che ganzata riadattare questa rubrica solo esclusivamente per l’Empoli. In un primo momento l’ispirazione dette luogo alla rubrica Empoli-History, rubrica curata due stagioni fa dall’amico-collega Alessandro Marinai. Rubrica che poi non ha avuto seguito, dopo che è stato completamente ridisegnato il sito quasi un anno fa.

 

Ecco che oggi prende il via una rubrica periodica, vi capiterà insomma qualche mattina di trovarvi una notizia come quella che leggerete quest’oggi. E allora andiamo con la prima puntata di “Accadde Oggi” la nuova rubrica di PianetaEmpoli.it.

 

Accadde Oggi… il 4 novembre 2007

 

L’Rubrica Accadde OggiEmpoli sta disputando il campionato di Serie A numero nove della sua storia. Gli azzurri sono chiamati in campionato a riscattare l’eliminazione dalla Coppa Uefa e qualche risultato non troppo felice in campionato come per esempio la sconfitta bruciante (0-3) nel derby di Siena che seguì proprio la sconfitta di Zurigo. Al Castellani arriva una Roma, dell’ex Luciano Spalletti, vogliosa e affamata di punti, insomma con le chiare intenzioni di fare bottino pieno. Sugli spalti il pubblico delle grandi occasioni, in tribuna grandi personaggi del mondo del calcio, l’attesa è di quelle importanti anche perchè, nonostante gli altalenanti risultati degli azzurri, l’Empoli è considerata comunque una squadra difficile da affrontare, dal momento che appena quindici giorni prima (21 ottobre) la squadra di Gigi Cagni aveva sbancato San Siro piegando il Milan con un gol di testa di Luca Saudati e giocando una partita da grande squadra. Dopo il prestigioso successo esterno sul campo dei rossoneri seguirono però due sconfitte consecutive con Atalanta (0-1) in casa e, nel turno infrasettimanale, il pesante 0-3 di Torino con la Juventus. Ovvio che dunque anche nelle file azzurre ci sia grande voglia di riscatto.

 

Pronti-via e dopo 13′ minuti Giuly porta in vantaggio i giallorossi. La partita si incanala nei giusti binari per la Roma che, aumentando la pressione, trova la rete del raddoppio con Brighi (32′). Partita in salita per l’Empoli che abbozza una timida reazione ma il primo tempo finisce 2-0 per la squadra di Luciano Spalletti.

 

L’Empoli è comunque squadra composta da giocatori dal grande spessore tecnico e, alcuni di loro, grandi anche sotto il profilo caratteriale. La reazione dell’Empoli c’è e a scatenarla ci pensa Ighli Vannucchi che, con un siluro terra-aria dai 30 metri (un tiro di rara bellezza!) gonfia la rete dei giallorossi e accorcia le distanze: 1-2. Il Castellani diventa un catino, la maratona (tutta, inferiore e superiore!) si fa incandescente e inizia a sospingere l’Empoli che si riversa in avanti e sfiora il gol più volte con Vannucchi, Raggi, Pozzi, Tosto…

 

Quando tutti gli sforzi sembrano ormai vanificarsi con il triplice fischio finale l’Empoli, è il 92′, guadagna un calcio di punizione sul fronte offensivo destro piuttosto defilato quasi all’altezza della linea laterale. Sul pallone si presenta Giovinco… la maratona si fa silenziosa, ma è un silenzio assordante, che si trasforma in vera e propria bolgia quando la sfera calciata dalla Formica Atomica va ad infilarsi sotto l’incrocio dei pali alla destra dell’estremo difensore romanista… sono le 16.54 del 4 novembre 2007. Poi arriverà il triplice fischio finale. L’esultanza da ultras del presidente Corsi farà il giro d’Europa. Il gol di Giovinco, ma anche quello di Vannucchi, entrano di diritto nell’album dei momenti magici dell’Empoli.

 

14 Commenti

  1. Questa fu una grande partita, la goduria al gol di Ighli e a quello di Giovinco fu storica. Non per riaprire discorsi gia’ fatti ma quell’anno se Malesani non fosse mai venuto, il buon Gigi Cagni ci avrebbe salvato….

    • Puoi dire quello che vuoi di Malesani, ma l’empoli con lui ha giocato il miglior calcio che abbia mai visto. Diciamo che siamo stati parecchio sfortunati con lui, partite dominate, perse ingiustamente.. Se non si infortunava pozzi, le cose sarebbero andate diversamente.

      • ?
        MI sa che forse sei troppo giovane e non hai mai visto l’empoli di Spalletti, compreso quello dell’anno trionfale della vittoria del campionato di C1 e della Coppa Italia di categoria…
        😉

        • Nono l’empoli di spalletti l’ho visto.. Ma i giocatori erano quelli che erano, in difesa c’era fusco baldini bianconi.. A me l’empoli di malesani piaceva di più. Io mi ricordo una partita dominata a Roma e persa ingiustamente, ma anche una grande partita vinta 3-1 a Napoli, dove purtroppo si è fatto male pozzi, che era in grandissima forma.. Ripeto secondo me se non si faceva male, le cose sarebbe andate diversamente.. Comunque sia non puoi paragonare il campionato di c-1 con la serie a.

          • Tutto è relativo…
            L’empoli in C e B di Spalletti esprimeva, a mio avviso, un gioco spettacolare avendo comunque giocatori di quella categoria e contro squadre della stessa serie.
            In A incontri squadre + forti, ma hai anche nella tua rosa giocatori + forti…
            Quindi, della serie tutto è relativo, secondo me il gioco dell’Empoli di Spalletti è superiore all’Empoli di Malesani…
            Questa è la mia opinione, almeno. Comunque sono contento di aver conosciuto qualcuno (come Te) a cui l’Empoli di Malesani è rimasto dentro. A me proprio no…

  2. Ma io dico si può essere così sadici! Accidenti a voi della redazione, a ri-vedere quella squadra, quei giocatori, soprattutto quel gol di Vannucchi mi avete fatto quasi commuovere. Ma io dico PERCHÈ PERCHÈ hanno fatto andar via Vannucchi!?!

  3. Questo gol me lo ricorderò a vita.
    Ero in Olanda per terminare i miei studi, e proprio in quel fine settimana ricevetti la visita dei miei genitori e la domenica andammo ad Amsterdam.
    Seguivo l’Empoli via messaggio, con i miei amici presenti al castellani che mi informavano via sms ogni 10 minuti. A pochi passi da piazza Dam trovammo un bar e ci sedemmo per bere un caffè quando mi accorsi che alla TV stavano trasmettendo Empoli-Roma ed eravamo circondati da ragazzi con le sciarpe giallorosse al collo.
    io e mio padre seguimmo gli ultimi minuti come se fossimo seduti accanto allo stadio…e non vi descrivo la nostra esultanza al gol della formica atomica tra lo stupore degli altri presenti.
    Magico Empoli, non ha mai smesso di sorprendermi.

  4. Indubbiamente in una mia personale classifica di emozioni questa gara non è al primo posto, ma il singolo gol di giovinco, al pareggio, mi mandó in visibilio. Resta ancora un mistero quella retrocessione.

    • Esatto… un gran bel mistero…
      perchè anche con tutto l’impegno, pur mettendoci tutti gli errori di “tutti”, quella squadra AVREBBE DOVUTO COMUNQUE SALVARSI!

  5. Che gol si ighli, se lo faceva Totti lo mettevano come sigla del tg1. Ma di ritorna sl solito discorso, bacino di utenza, interesse, soldi.. Ennesima riprova

  6. CHE LA RABBIA E LA GRINTA DEGLI AZZURRI IN
    QUELLA PARTITA SERVA DA ESEMPIO PER GLI
    AZZURRI DI OGGI!!!!
    FORZA RAGAZZI MANGIAMOLI TUTTI!!!!
    P.S. PER GUASTELLA:
    TI RICORDO UN 4 DICEMBRE 1994
    L’EMPOLI A PONTEDERA DA 0-2 (DOPPIO MONTELLA)
    A FARE 2-2 NELLA RIPRESA, LO STESSO GIORNO
    LA FIORENTINA A TORINO CON LA JUVE DA
    0-2 A 3-2 CON GOL DI DEL PIERO…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here