Emozioni a non finire nel 2-2 tra Albinoleffe e Piacenza che salva i bergamaschi relegando in Lega Pro la squadra di Madonna. Alla fine si salvano i padroni di casa, premiati nel ritorno dei playout di B dal miglior piazzamento ottenuto al termine della regular season. Dopo lo 0-0 dell’andata, i ragazzi di Mondonico avevano a disposizione 2 risultati su 3, eppure hanno potuto festeggiare solo dopo 15′ finali di interminabile sofferenza.

 

Ottima la partenza dell’Albinoleffe, che dopo 10′ è già in vantaggio grazie al guizzo vincente di Girasole, lesto a farsi trovare al punto giusto sugli sviluppi di un tiro-cross di Previtali. Per i bergamaschi il match sembra mettersi tutto in discesa al 35′, quando Grossi trova il raddoppio con un bel sinistro dalla distanza che supera Cassano. A riaprire le speranze del Piacenza, ora bisognoso di ben 3 reti, ci pensa il calcio di rigore realizzato da Cacia al 49′ dopo un fallo di Piccinini ai danni dello stesso centravanti.

 

Poi, torna tutto in bilico dopo il 2-2 firmato da Graffiedi al 75′. L’ultimo quarto d’ora è palpitante, visto che una sola rete degli ospiti completerebbe una clamorosa rimonta. Al 77′, un’uscita a vuoto di Layeni fa tremare lo stadio, ma il risultato non cambia facendo esplodere di gioia il tecnico Mondonico, protagonista dell’ennesima salvezza al termine di un’annata per lui molto dura alla luce del delicato intervento chirurgico subito per rimuovere un tumore all’addome. Piacenza di nuovo in Lega Pro a 20 anni di distanza dalla stagione ’90-’91.

 

A.C.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCalcioscommesse: Sky minaccia lo stop
Articolo successivoA caccia di Fabbrini
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here