Lo sport italiano piange Marco Simoncelli

Lo sport italiano piange Marco Simoncelli

Marco Simoncelli non ce l’ha fatta. Si è spento nel centro medico del circuito dove era giunto in condizioni gravissime e dove è stata tentata una disperata rianimazione. L’incidente nel corso della gara della classe MotoGp del gran premio della Malaysia a Sepang. Il pilota di 24 anni è caduto pe

Commenta per primo!

Marco SimoncelliMarco Simoncelli non ce l’ha fatta. Si è spento nel centro medico del circuito dove era giunto in condizioni gravissime e dove è stata tentata una disperata rianimazione. L’incidente nel corso della gara della classe MotoGp del gran premio della Malaysia a Sepang. Il pilota di 24 anni è caduto perdendo il casco. Due moto che lo seguivano gli sono passate sopra.

 

Il pilota italiano è arrivato al centro medico del circuito, dove è arrivato in ambulanza già in arresto cardiocircolatorio con un vistoso segno di una ruota sul collo. Le condizioni di Marco Simoncelli, 24 anni, sono apparse da subito gravissime. Poi, alle 11, la notizia della morte. A comunicarla è stato il responsabile della comunicazione della Dorna.

 

L’INCIDENTE – Il suo incidente è stato una ‘carambola’ dopo la quale è caduto a terra e ha perso il casco, mentre due moto che lo seguivano gli sono passate sopra. Il centauro del team Gresini, scivolato all’uscita di curva, ha impattato con la moto di Colin Edwards e nell’incidente è rimasto coinvolto anche Valentino Rossi, che però è riuscito a rimanere in piedi. SuperSic è invece rimasto esanime sull’asfalto, privo del casco volato via nell’impatto. Bandiera rossa e gara sospesa ma vista la gravità di quanto accaduto (il centauro italiano è andato in arresto cardiorespiratorio) è stato deciso di cancellare la prova.

 

Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy