L’ex cannoniere biancoceleste e della Nazionale è morto nella sua casa in Florida dove era rientrato da una clinica dopo un infarto. Vita complicata in campo e fuori: da 5 anni all’estero con due mandati d’arresto per lui per il coinvolgimento nel tentativo illegale di scalata alla Lazio di Lotito. Anche i Cosmos piangono sul sito ufficiale la loro “leggenda”. Il cordoglio dell’amico Capello.

.

Il rigore vincente di Chinaglia con cui la Lazio supera il Foggia e vince il primo scudetto della storia ('74)E’ morto Giorgio Chinaglia. L’ex attaccante di Lazio e Nazionale, 65 anni compiuti a gennaio, aveva avuto un infarto una decina di giorni fa ed era stato ricoverato in un ospedale di Naples in Florida dove ormai viveva stabilmente da un paio d’anni. Era stato operato e l’intervento con cui gli erano stati inseriti quattro stunt era andato bene. “Niente poteva far prevedere questa tragica fatalità”, racconta Charlie Stillitano, con cui Chinaglia da anni conduceva un programma radio. E aggiunge: “Lui è intervenuto per telefono anche mercoledì, giovedì e venerdì. E con Giorgio ho parlato anche ieri sera: abbiamo discusso delle partite della Juve e dell’Inter. Incredibile che oggi non ci sia più”. Chinaglia era stato rimandato a casa già da qualche giorno e proprio questa domenica aveva fatto un test per il diabete prima di sentirsi male verso le nove del mattino, quando lo ha trovato il figlio Anthony. Centravanti della Lazio degli anni ’70, cannoniere di primissimo piano, Chinaglia andò con la Nazionale di Valcareggi al Mondiale ’74, con un “vaffa” al c.t. dopo una sostituzione durante Italia-Haiti che gli costò un mare di polemiche (“Gesto subito sanato con un abbraccio e le scuse” ha detto oggi Furio Valcareggi, figlio del c.t.), ma anche bandiera della Lazio di Maestrelli che conquistò con lui goleador il primo scudetto della propria storia nel 1974. Fu di Chinaglia, leader di un gruppo di uomini fuori dal comune, il gol della vittoria sul Foggia che consegnò il tricolore.

.

Fonte: gazzetta.it – Foto: fonte ANSA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here