Ultima seduta di allenamento prima della gara di domani sia ad Empoli che a Bergamo. Andiamo a vedere le ultime.

 

In casa azzurra viene confermato l’assetto tattico che sarà il 4-3-2-1, con la novità di Mchedlidze in campo dal primo minuto come terminale offensivo. Il georgiano viene preferito a Coralli (regolarmente aggregato al gruppo) che ancora non è al top e che quindi partirà dalla panchina; possibile un suo inserimento anche in coppia con Levan con ovviamente a quel punto un cambio di modulo. Sugli esterni d’attacco agiranno Forestieri e Saponara. 

Assenti alla seduta di rifinitura solamente Valdifiori e Fabbrini, ma se il secondo non metterà piede nemmeno sul pullman (per lui un problema alla schiena), il romagnolo sarà addirittura titolare. E’ lo stesso tecnico Aglietti a confermare che la fermata ai box di Mirko nelle ultime due sedute è stata solamente precauzionale proprio per averlo al meglio dal primo minuto. Oggi nel centrocampo a tre, come perno centrale (cio’ che sarà Valdifiori in gara) c’era Signorelli protetto da Moro e Soriano. In difesa verrà data continuità a Vinci sulla destra, e se Stovini e Gorzegno saranno titolari inamovibili, c’è un bel ballottaggio a tre per l’ultimo posto nel muro azzurro: in vantaggio quel Mori che ben ha fatto in Under21. Si è mosso bene anche Lazzari che finalmente, dopo essersi messo definitivamente alle spalle il lungo infortunio, tornerà tra i convocati e siederà in panchina.

Aglietti sa che nella gara di Bergamo non ha niente da perdere, ed allora perchè non provarci. Parole determinate e combattive escono dalla bocca dall’allenatore azzurro che se da una parte è ben conscio della forza degli avversari, dall’altra sa che il suo Empoli proprio in queste gare ha dato il suo meglio.

 

L’Atalanta ha svolto la rifinitura, così come l’allenamento di ieri, a porte chiuse, ma dalle indicazioni emerse dallo spogliatoio nerazzurro pare che che mister Colantuono alla fine debba fare a meno sia di Tiribocchi che di Barreto. I due sembravano essere recuperati ma in casa atalantina si pensa anche ad un discorso precauzionale e quindi ambedue si accoderanno a Marilungo e Bellini nella lista degli indisponibili. Nel 4-4-2 dei bergamaschi verrà data quindi fiducia alla coppia d’attacco Ruopolo-Ceravolo anche se Bjelanovic non è da considerarsi del tutto fuori dai giochi per una maglia da titolare. Confermato in blocco il centrocampo a quattro, perno importantissimo del gioco della squadra con capitan Doni che agirà da esterno a sinistra affiancato centralmente da Padoin e Carmona con Ferreira Pinto suo dirempettaio ma che come lui spesso e volentieri lo vedremo inserirsi tra le linee.

Per il tecnico Colantuono non c’è nessuna vendetta da consumare inerente la netta sconfitta della’andata, anche perchè, sottolinea Colantuno, la prestazione dei suoi ad Empoli non fu negativa. Nella gara con gli azzurri il tecnico ex Torino vede molte insidie ma vede anche la possibilità di inizare ad assaporare con più concretezza la promozione.

 

Vediamo quelle che dovrebbero essere le probabili formazioni:

 

   
 CONSIGLI  PELAGOTTI
 RAIMONDI  VINCI
 CAPELLI  MORI
 MANFREDINI  STOVINI
 PELUSO  GORZEGNO
 FERREIRA PINTO  MORO
 CARMONA  VALDIFIORI
 PADOIN  SORIANO
 DONI  SAPONARA
 RUOPOLO  FORESTIERI
 CERAVOLO  MCHEDLIDZE

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteWeek end azzurro giovani: gare 16 e 17 aprile
Articolo successivoL'interesse del Genoa per Aglietti trova riscontri.
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here