Anche oggi, dopo l’allenamento pomeridiano, abbiamo fatto quattro chiacchere con un calciatore azzurro. Stavolta è toccato a Marcel Buchel, centrocampista austriaco di nascita ma ormai a tutti gli effetti nazionale del Lichtenstein. Ecco le sue parole:

 

empoli inter (18)Marcel, come sta andando la settimana post-Frosinone? Una gara che va subito dimenticata per il risultato, ma che ha dato l’impressione che l’Empoli abbia perso immeritatamente.

“Credo che contro il Frosinone abbiamo fatto bene, siamo mancati un po’ sotto porta, ma come dicevi tu non meritavamo di perdere. È stato un peccato, siamo usciti dal campo amareggiati. Ma noi stiamo bene e, giorno dopo giorno, continuiamo a prepararci al massimo per l’impegno di domenica contro il Sassuolo”.

 

Appunto, affronteremo il Sassuolo. Squadra che sarà ben diversa rispetto a quelle affrontate negli ultimi tempi.

“Sarà una gara difficilissima, perché loro sono una squadra più fisica della nostra ma anche con tanta qualità davanti: dovremo stare molto attenti perché il Sassuolo non è facile da affrontare, ma dovremo andare là senza timore, proponendo il nostro gioco come sempre. Essendo magari più concreti in attacco, che è stato l’aspetto più negativo del match scorso”.

 

Secondo te quali sono le armi che il Sassuolo può avere in più rispetto a noi?

“Credo che non abbiano molte armi in più, io ritengo che l’Empoli sia più forte. Certo, dovremo dimostrarlo sul campo, ma sono convinto che faremo bene. Il loro centrocampo ha qualità, ma sinceramente non lo cambierei col nostro. Dovremo porre particolare attenzione alle loro ripartenze, Sansone è molto pericoloso da questo punto di vista”.

 

Fino a questo momento sei stato tenuto in considerazione da mister Giampaolo, che ti ha schierato spesso titolare.

“Ho sempre creduto in me stesso e ho sempre pensato ad allenarmi con costanza per farmi trovare pronto. Devo ringraziare la società e l’allenatore per la fiducia che mi hanno dato e che mi stanno dando tuttora”.

 

Senza considerare il fatto che sei sì in prestito ad Empoli, ma che la società ha già avvertito la Juventus di volerti riscattare a fine stagione.

“Io fin dall’inizio ho detto che sarei rimasto a Empoli volentieri, perché qui sto benissimo. Non dipende solo da me, dipende anche dal volere della società, ma se fosse per me non avrei dubbi sulla permanenza qui”.

 

Simone Galli

 

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'ultima gara con il pallone invernale
Articolo successivoDal campo | Croce in gruppo, Livaja e Camporese febbricitanti
Empolese DOC e da sempre tifoso azzurro, è un amante delle tattiche e delle statistiche sportive. Entrato a far parte della redazione di PianetaEmpoli.it nel 2013, ritiene che gli approfondimenti siano fondamentali per un sito calcistico. Cura molte rubriche, tra cui i "Più e Meno" e "Meteore Azzurre.

8 Commenti

  1. Ragazzo davvero interessante che abbina tecnica e agonismo.Mi pare che ad oggi sia stato l’acquisto migliore fatto dall’Empoli.E’ un giocatore completo con annessa un’ottima visione di gioco….completa il tutto anche la facilità di tirare in porta quando capita l’occasione.Secondo me l’anno prossimo,sempre se riusciremo ad allestire una rosa competitiva,sarà il pezzo da novanta del nostro mercato e non è detto che non lo vedremo schierato esattamente dove adesso gioca Paredes.

  2. Concordo con te Marcel, la partita con il Frosinone se rigiocare 100 volte ci vedrebbe vittoriosi per 101 volte. Sono state fatte critiche ingiuste a questo gruppo, certo più bella è la classifica è maggiori saranno le entrate in cassa, per stadio, squadra e futuro.
    Sei stato una bellissima scoperta, continua così.

  3. anche secondo me puo’ essere il centrale del prossimo anno…
    non capisco come abbia fatto la juve a lasciare il diritto di
    riscatto all’empoli, grande giocatore con corsa visione di gioco
    idee e un sinistro educato e potente allo stesso tempo.

  4. Quando l’abbiamo preso lo conoscevo già, come giocatore, e l’avevo visto giocare anche dal vivo.
    E scrissi subito, qui si PE, la mia soddisfazione per l’acquisto.
    Ma Marcel è andato anche oltre le mie più rosee aspettative: è pronto per essere “il nuovo Paredes” (compreso il ruolo) per l’anno prossimo.
    Grande giocatore, acquisto ottimo… Per una volta siamo stati più bravi della Juve…
    😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here