La situazione di Claudio Coralli è di quelle da film giallo, dove fino alla fine non sai come potrà andare a finire.

 

In questi giorni abbiamo parlato abbondantemente della situazione, raccontando quanto emerso dalla società e poi con le parole in prima persona del calciatore.

Abbiamo anche visto, dato l’enorme affetto che la gente ha per il Cobra, tutti i commenti ricevuti in questi giorni sul nostro portale.

Al di la però adesso di personali considerazioni e pseudo-convinzioni giornalistiche, dobbiamo dire che il giocatore potenzialmente potrebbe lasciare Empoli.

 

Su di lui hanno chiesto informazioni alcuni club, con il Carpi (legapro) in prima fila fino ad ieri per avere le prestazioni dell’attaccante di Borgo san Lorenzo, destinazione che però, lo immaginiamo noi, non sia proprio la destinazione preferita da Coralli che dovrebbe scendere di categoria.

Hanno chiesto lumi su un suo possibile passaggio anche Spezia e Reggina, ma ieri sera è arrivata anche quella del Vicenza, su espressa richiesta del tecnico Cagni.

 

Lo società azzurra, da ieri a Milano per le giornate di chiusura del mercato, ha presto atto della richiesta arrivata dalla società biancorossa, una richiesta che potrebbe anche essere per il solo prestito secco fino a giugno, ed in queste ore la sta analizzando attentamente, anche perché c’è da considerare il fatto che si potrebbe andare a rinforzare una diretta concorrente alla salvezza.

 

C’è però da registrare anche il fortissimo interessamento, giunto nelle ultime ore, di un altro club di LegaPro, ovvero la Cremonese, che vorrebbe affidarsi a Coralli per tentare di tornare nella cadette ria, accollandosi anche il costo dell’ingaggio del giocatore, almeno per i prossimi 6 mesi.

 

Alle 19 si chiuderanno i battenti, sapremo quindi a quel punto, oltre alle altre situazioni aperte (Casarini, Cesaretti, Dumitru, Bottone e Lanzafame su tutti) il destino di Coralli che alla fine potrebbe essere regolarmente in campo a Marassi, questo anche il nostro personale augurio, a dar man forte alla sua squadra per la risalita della china.

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl calendario completo del Torneo
Articolo successivoUfficiale: Cesaretti al Frosinone
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

8 Commenti

  1. “prestito secco fine a giugno”…….ma stiamo scherzando o è una carnevalata….Se propio SCONSIDERATAMENTE si vuol venderlo bisogna farlo per soldi e tanti….il fatto che fino ad adesso in 11 partite non abbia fatto goals è legato a troppi fattori che quest’anno si sono intrecciati…..CORALLONE A VITA NELL’EMPOLI…SONO ALTRI CHE DEBBONO ANDARSENE….

  2. Concordo con Daniele: più volentieri in tribuna fuori rosa che regalato in prestito ad una diretta concorrente!
    Se invece arrivassero diversi soldi, a malincuore, ma lo venderei… peró dovremmo almeno guadagnarci del denaro!

  3. Basta mediani per favore, servono piedi buoni per far girare il centrocampo e creare le occasioni per le punte.
    .
    Manca sempre l’esterno sinistro che reclamava Aglietti in estate per provare a dare un pò di certezze a questa squadra praticando un 4-4-2 elementare.

  4. Ci stiamo focalizzando sul mercato ma il vero problema resta il campo!
    Andiamo a Genova a fare una passeggiata! a quanto ho capito!
    Andiamo per perdere! per rigiocarsi la prossima in casa con il Crotone.
    E invece questo è un errore! Grave!
    Non arriveremo mai a rifare punti senza prestazione e quindi lottare partita per partita.
    Vendersi questa gara è un’altro passo nella “C” non solo per i punti ma perchè “ci neghiamo la medicina per guarire” ovvero far lavorare la testa dei giocatori (cercare di fargli raggiungere obbiettivi minimi).
    Poi.
    Cedere Coralli è un errore.
    Però non si può stare a forzare la vita lavorativa di Coralli.
    Ha il diritto di sciegliere anche se può non piacerci la sua scielta.

  5. ….da questa storia escono male entrambi. Lui, se è vero che ha avuto un attacco di “gelosia”, la società se lo vende per altri motivi a noi oscuri. Confermo quanto detto in un altro articolo, nessuno ci capisce più nulla, son entrati tutti in un vortice allucinante.

  6. Se diamo coralli in prestito ad una diretta concorrente come detto…. LA DIRIGENZA NON E’ PAZZA MA E’ ANCORA PIU PAZZA DI QUELLO CHE CREDEVAMO…!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here