Come ormai arcinoto ieri è ripartita la seconda tranche dell’inchiesta “Last Bet” volta a fare chiarezza e pulizia sul calcioscomesse.

 

In questa seconda fase dell’inchiesta è uscito, con nostro dispiacere, il nome dell’Empoli, per una gara ritenuta sospetta, ovvero, quella dell’ultima giornata del campionato 2009/10, giocata in casa con il Grosseto e terminata 2-2.

 

L’Empoli però, e non lo diciamo solo per voler difendere a spada tratta i nostri colori, sembra sempre più parte estranea ad una combine che invece parrebbe essere tutta di marca maremmana, o almeno di elementi facenti parte di quella squadra. A dimostrazione anche il fatto che il Grosseto viene chiamato in causa varie in diverse circorstanze.

 

Tornato alla gara “incriminata”, da quello che è venuto fuori dagli atti, parrebbe che In seguito agli accordi precedenti Alija Ribić e Vinko Šaka (gli zingari) sono partiti per l’Italia e con i giocatori dell’ US Grosseto Calcio, probabilmente con Filippo Carobbio,
hanno concordato per un premio in denaro di 60.000 euro che, nella 42^ giornata della Lega B italiana, il loro club perdesse la partita giocata il 30.5.2010 contro l’Empoli, restituendo cosí il favore per la partita contro la Reggina, cosa che non hanno osservato, anche se nelle ricevitorie di scommesse sportive i coefficienti erano bassi, ma anche questa volta l’accordo non è stato rispettato in quanto la partita era poi finita con il risultato di 1:1“ (n.d.r. trattasi di un refuso negli atti delle Autorità croate, in quanto la gara, come si vedrà, è terminata 2-2).

 

Potremmo quindi affermare tranquillamente che l’Empoli Calcio è del tutto ESTRANEO alla vicenda. All’associazione è andata male Grosseto-Reggina e volevano recuperare con Empoli-Grosseto attraverso i giocatori corrotti del Grosseto: Carobbio, Conteh, Acerbis e Joelson.

 

Restiamo ovviamente in attesa di capire quelli che saranno gli sviluppi.

 

Al. Coc. / Alessandro Marinai

CONDIVIDI
Articolo precedenteMercato Azzurro: il primissimo borsino
Articolo successivoSalta Novellino a Livorno
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

8 Commenti

  1. Difatto mi sembrava, come ho scrito nel precedente articolo, che la combina Empoli 2-2 Grosseto fosse una scemenza.
    .
    Se vi ricordate poi il portiere del Grosseto fece di tutto per non perdere incitando con veemenza il proprio attaccante e schernendo proprio noi della maratona.
    Mi ricordo ancra le infamate che gli abbiamo “dedicato”.
    .
    A me pare che dove i titolari delle squadre non siano persone serie ai giocatori peggiori salta in testa il guadagno facile.
    .
    A Grosseto c’è Camilli pseudofascista_di_bassalega.
    Non c’è da stupirsi se poi i suoi giocatori seguano l’esempio sbagliato.
    .
    A Grosseto non sembra nemmeno di stare in toscana, sarà perchè è un territorio Splendido ma più difficile da abitare. Un territorio veramente bello che richiede profondo rispetto.
    .
    Evidentemente qualcuno la si sente come nel Far West.
    …Vero Camilli?

  2. Ora se siamo estranei molto bene
    Ma di qui a esse da esempio per tutta italia ce ne passa….
    chi scrive mi sa che è un pò giovane…..
    un esageriamo via

    • Probabilmente si perchè nei casini ci siamo ficcati anche noi e la penalizzazione,a parte il fatto Farina dove siamo stati presi in giro,la abbiamo avuta anche noi…..senza contare quei fogliettini per l’antidoping dentro lo spogliatoio che qualche dubbio lo avrebbero dato a tutti……

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here