ALBINOLEFFE-VERONA 1-1 (p.t. 1-1)
ARBITRO: Cervellera
RETI: 21′ Girasole (A), 43′ Gomez (V)

 

L’Albinoleffe, già retrocesso e reduce da 11 sconfitte consecutive, passa in vantaggio contro il Verona, lanciato nella corsa verso uno dei primi due posti in classifica che valgono la promozione diretta in Serie A, sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti di Cristiano con un colpo di testa da sottomisura di Girasole. Al 43′ il Verona, che non sta giocando un gran match, pareggia con una conclusione da centro area di Juanito Gomez per il tripudio dei quattromila tifosi gialloblu presenti allo Stadio “Atleti Azzurri d’Italia”. Nella ripresa il Verona parte all’assalto della porta di Tomasig per segnare il goal che lo porterebbe al secondo posto insieme al Torino e crea parecchie palle-goal ma non riesce a passare. L’Albinoleffe, che non ha più nulla da chiedere al campionato, non è arrendevole e in qualche occasione risponde pericolosamente. Nel finale, col Verona in pieno forcing, Abbate si infuria per un presunto torto arbitrale e viene espulso direttamente dalla panchina (89′). Al 94′ oscar della sfortuna per il Verona che colpisce due traverse, con Berrettoni e Ceccarelli, nella stessa azione. Davvero un secondo tempo stregato per l’undici di Mandorlini che non trova il goal di una vittoria che sarebbe strameritata. Finisce 1-1, un pari che sa di beffa per il Verona che manca l’aggancio con il Torino al secondo posto e rischia di perdere il treno della promozione diretta.

 

Un risulato questo che è un grande favore per il Pescara e forse, di conseguenza per il Livorno. Di fatti il Pescara, anche Perdendo la gara di domani contro il Livorno manterrebbe sugli scaligeri un vantaggio di +3. Vero è che in contemporanea si giocherà il big match tra Torino e Sassuolo che in caso di successo dei neroverdi metterebbe gli stessi al pari degli abruzzesi con un +1 sulla terza. Va da se però che adesso il Pescara avrà sicuramente minor impeto ed i labronici potrebbero davvero portare a casa una vittoria che già di per se (si partirà dal 2-0 con 60 minuti di partita) sembra difficile da farsi sfuggire.

Tutto questo per dire che se le cosi cosi dovvessero andare, il Livorno andrebbe a -1 dall’Empoli, costringendoci ad una gara di maggior sofferenza nella sempre difficile Grosseto. Magari il successo del Verono oggi avrebbe messo un po’ di pepe in più nella gara di domani del Pescara.

To. Che. 

13 Commenti

  1. anche secondo me un’eventuale vittoria del verona
    avrebbe messo il pescara nelle condizioni di non
    sbagliare la partita di domani sera…
    speriamo riescano lo stesso almeno a pareggiare…

  2. Beh… Va considerato che se il Pescara riuscisse a vincere e al tempo stesso il Torino battesse il Sassuolo, la squadra di Zeman sarebbe in A matematicamente in virtù della classifica avulsa. Escludo quindi che affrontino il Livorno con minor impeto, anzi… Rimane ugualmente difficile la rimonta, ma se riescono a segnare prima dell’intervallo allora tutto diventa possibile

  3. Sinceramente credo che il Pescara proverà a fare la partita indipendentemente dal risultato del Verona.Contro il Torino hanno dato nuovamente spettacolo,certo è che hanno un’ora di tempo e due gol da rimontare.Facile non è di certo,ma con le squadre di Zeman escludo partitine a scartamento ridotto.Pensate un pò,vincendo stasera sarebbero praticamente in A,in uno stadio strapieno e carico.D’altra parte ricordiamo che il boccino in mano l’abbiamo noi,se le vincessimo entrambe saremmo fuori dai guai sicuramente.

  4. qui lo si e’ sempre criticato,diego,ora sta facendo vedere. quello che vale,andra’ con prandelli in nazionale,ha giocato in europa,non col vicenza o col gubbio…..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here