Questo il comunicato stampa emesso poco fa dall’Atletica Toscana Empoli:

 

Logo Atletica EmpoliIn riferimento all’articolo uscito sul quotidiano La Nazione del 10 Febbraio, la TOSCANA ATLETICA EMPOLI ci tiene a precisare che NON INTENDE METTERSI DI TRAVERSO DI FRONTE A NESSUN PROGETTO.

La lettera che “girerebbe” in comune, è in realtà un documento ufficiale che avrebbe dovuto rimanere secretato, richiestoci dallo stesso comune di Empoli, in cui avremmo dovuto avanzare le nostre richieste per la nuova struttura. Richieste che, come sempre avviene, devono essere negoziate tra tutti gli attori in gioco, prima di poter essere definite, e delle quali non ci appare opportuno parlare adesso, poiché non sono ancora state discusse.

Come società, anzi, siamo più che speranzosi che si possa trovare un accordo tra il Comune di Empoli e l’Empoli FC, per il restyling del Castellani e per la costruzione del nuovo impianto di atletica a Santa Maria. Anche perché queste due strutture rappresenterebbero una vittoria per tutta la città.

Detto questo, non ci resta che attendere i progetti definitivi, con i relativi costi, prima di poter esprimere una posizione ufficiale, ma, per il momento, la nostra intenzione è quella di agevolare il più possibile l’accordo tra Empoli FC e Comune, tutelando, però, allo stesso tempo, anche la nostra società.

 

Il Presidente Marchetti rilascerà domani un’intervista esclusiva ad Antenna5 che sarà trasmessa nel corso della puntata di PEnAlty.

CONDIVIDI
Articolo precedenteZielinski a Sky: "La mia testa è ad Empoli"
Articolo successivoDal campo | Squadra unita tra aerobica e tattica
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

43 Commenti

  1. Messa così è già completamente diversa….
    d’altronde, giustamente, nessuno ha mai detto che l’atletica non debba far valere le sue legittime aspettative o che debba essere spazzata via, anzi….

  2. “…un documento ufficiale che avrebbe dovuto rimanere secretato, richiestoci dallo stesso comune di Empoli…”

    Insomma, tutto all’insegna della trasparenza.

  3. ma questo Marchetti cosa vuole ??? ha fatto 6 al super enalotto con i soldi di un privato che ti fa un impianto moderno con tanto di tribuna spogliatoi e palestra e si lamenta o vuole altri benefici !!!! ma sta scherzando ma cosa vuole , tra l’altro uno sport che non segue nessuno !!!! io fossi corsi non gli farei niente

  4. Il Castellani è in concessione anche a loro, non solo al nostro EFC. Pensaci prima di scrivere quello che dovrebbe fare il Corsi, che fortunatamente non è te…

  5. Se è vero (e non ho motivo di dubitarne) quanto dichiarato dal Sig. Marchetti, il Comune di Empoli svolga al proprio interno una seria indagine per capire le responsabilità di chi ha consentito che venisse reso pubblico un documento che doveva essere “secretato”. Sarebbe un fatto gravissimo che violerebbe non solo il principio della buona amministrazione ma sopratutto la tutela della privacy. Qui non si tratta di un atto pubblico ma di una corrispondenza avente carettere di riservatezza della quale il Comune avrebbe dovuto essere assoltamente garante.
    Attendiamo di conoscere quali iniziative l’Amministrazione di Empoli intende intraprendere per individuare eventuali responsbailità

  6. Questa è la prova provata che l’Empoli FC Società per Azioni (in queta vicenda il colosso) ha dalla sua parte gli organi di stampa che non perdono tempo a scrivere notizie per mostrare il volto del cattivo di turno (stavolta la piccola e bistrattata atletica empoli) e molti pecoroni genuflessi a Cor$i (sia tifosi che giornalai del copia-incolla) ci cascano come polli.
    L’atletica lo ha capito e cerca di farsi le proprie ragioni nell’unica sede dove sa di essere ascoltata, cioè le stanze comunali, dove si dovrebbe fare il bene della collettività quindi tutelare gli interessi di tutti, minoranze in primis.

    Pare tuttavia strano che una tifoseria sempre attenta alle dinamiche sociali e alle prevaricazioni dei potenti si schieri senza se e senza ma dalla parte del più forte e non voglia neppure cercare di capire le ragioni del più debole…

    • A me pare che la dialettica forte-debole vada ribaltata. Da una parte c’è una piccola società di calcio che con i propri (pochi) mezzi e con grandi meriti gareggia con i giganti del calcio e dà lustro alla città e che con i propri soldi fa due opere pubbliche a costo zero per la collettività. Dall’altro ci sono dei signori che non sono in grado di rendersi economicamente autosufficienti e che campano alle spalle della collettività e hanno anche la presunzione di ricattare chi si è dimostrato più in gamba di loro. E come fanno per far valere le loro ragioni? Non con il merito e le loro capacità, bensì ricorrendo ai soliti mezzi italiani, cioè facendo valere i mezzi sotterranei, il numero dei voti che portano. Qui andrebbe fatto un discorso che vale più in generale per l’Italia: se non si tolgono di mezzo i signori delle tessere, partitiche, associative, federali, sindacali e anche di altro tipo più … segreto, non c’è speranza per le future generazioni. Io da neopadre sono preoccupato da questa deriva, ma finchè ci sarà gente di un certo tipo alla quale è concesso il diritto di voto e grazie alla quale dopo 60 anni l’Italia è ridotta così non c’è speranza

    • Colosso… pecoroni… polli…genuflessi… , ma di cosa parli? Pontormo comincia a portare rispetto a chi non la pensa come te!!! Va bene difendere l’Atletica ma va salvaguardato il futuro anche dell’Empoli FC (Serviranno stadi senza pista)e questo passa dalla ristrutturazione di uno stadio che dire VERGOGNOSO è poco ricordandosi anche che le partite di serie A valicano i confini nazionali e la figura di mer*a si moltiplica notevolmente.

  7. Nè più né meno quello che vado dicendo da quando questa storia dello stadio è venuta fuori. Ovvero l‘atletica non solo e un attore della vicenda ma forse è il principale attore dal momento che è l‘unico a rischiare di rimetterci dal traferimento. Spero prevalga il buon senso e che presto ci sia un nuovo stadio e una nuova pista a santa maria.

  8. Tutelare tutti i cittadini è sacrosanto ma questa è un’ opportunità troppo grande e questa è data dall’efc punto. Avanti con lo stadio avanti con la nuova pista ma per favore basta con questo vittimismo dell’atletica che invece dovrebbe festeggiare un 6 al superenalotto.

  9. A mio parere voi e il vs presidente remate contro e tremate al pensiero che potete perdere gli spazi della maratona soprattutto la palestra. Vu siete circa 400 tesserati ma nn venitemi a raccontare che vu siete 400 atleti!!!! Vi interessa esclusivamente la palestra punto e basta.
    Da agosto nn avete fatto un ragionamento costruttivo per il futuro, ma la cosa triste è che quei 50 veri atleti che usano la pista nn dicono niente come se gli piacesse scansare buche, saltare fili e dribblare i cartelloni pubblicitari….. SIETE RIDICOLI

  10. pienamente daccordo e’ stato montato un castello di carta da parte dell ‘ atletica empoli solo in nome del proprio interesse e non della collettivita’ . per me siete solo delle nane Siete scandalosi.

  11. E invece l’Empoli F.c. che potrebbe trovarsi in futuro costretto ad emigrare in un’altra città, con immenso piacere delle sue migliaia di tifosi, è solo il potente di turno che se ne frega dei deboli vero?

  12. Io ancora devo capire chi se la caga l’atletica
    Il calcio muove miliardi e appassiona mezzo mondo
    Questi per fare due giri dell’argine vogliono avere l’impianto da olimpiadi
    Ma vaia vaia

  13. Allora via parliamo un po’…. Per l atletica Empoli lo stadio è un business … Non penso che ci rimettano a stare allo stadio anzi… Io vorrei sapere quanto pagano d affitto e quanto riscuotono per gli affitti e i corsi … Della pista gliene importa qualcosa ? Se io fossi un atleta mi arrabbierei un po… La pista pare un campo da guerra…. È come se l Empoli avesse la struttura dello Juventus stadium e il campo del montrappoli ….Ma penso che siano più importanti i locali per le attività rispetto alla pista… Portano più business …. E allora si torna sempre sul discorso economico…. Il comune e la collettività devono fare tutto a tutti.. E allora perché non fare un nuovo palazzetto un teatro un campo da golf campi da tennis da calcetto…. Ognuno come in tutte le cose guarda al proprio orticello… Atletica e Empoli…

  14. Ma Marchetti e i suoi 24 atleti sono contenti che se ne parla cosi sperano di avere più benefici e garanzie ma alla fine dei conti lo sanno che hanno fatto 6 al super enalotto senza uscire 2 lire !!! Il bar della maratona ??? Pazienza avranno struttura palestra spogliatoi e tribuna nuova a spese di un privato magari avranno il corraggio di chiedere l’ affitto del bar ??? No perché mi metto a ridere

  15. Signori miei, io sono nettamente pro stadio Empoli fc, tuttavia siamo in uno stato di diritto e dobbiamo fare tutto il possibile per tutelare tutti e dico tutti i cittadini! È indiscutibile come opere d’interesse pubblico come uno stadio di calcio o un impianto d’atletica debbano necessariamente passare attraverso una concertazione tra tutte le parti coinvolte (società, cittadini, comune) e soprattutto debbano passare attraverso un lungo e delicato lavoro di mediazione tra le parti! Quindi è giusto che in questa fase si dia adito e ascolto a tutte le voci coinvolte nel procedimento in modo tale da raggiungere la più equa sintesi tra le parti! Chi da parte sua pensa di dire: “ecco il progetto, accettatelo senza ribattere e anzi ringraziate e basta” si sbaglia malamente e soprattutto assume un atteggiamento prevaricante, quasi “fascista”! Lasciamo che il procedimento faccia il suo percorso naturale e che tutte le parti abbiano una giusta ed equa rappresentanza!
    FORZA EMPOLI

  16. Io credo che i diritti dell’atletica debbano essere rispettati, e infatti così sarà se rifanno la pista nuovo. Visto però che il Marchetti fa le pulci all’Empoli, direi che nell’operazione trasparenza sarebbe opportuno andare a valutare conti e bilanci dell’atletica, per vedere se è ben gestita oppure no e se ci sono eventuali sprechi a carico della collettività.
    In ogni caso segnalo a chi parla di Empoli potente che dietro Marchetti (è un ventriloquo) c’è un dirigente federale regionale molto potente (senese, il che è tutto dire…) che si muove nell’ombra (in tutti i sensi…). E’ come il nemico segreto di Star Wars…

  17. Date retta a me, non tirate fuori lo Stato di diritto che è meglio. La Francia, gli Stati Uniti, l’Inghilterra sono Stati di diritto, e non sono nelle condizioni dell’Italia. Io vorrei che alcuni di voi andassero a riferire i termini della questione in uno di questi Paesi per vedere come reagirebbero l’opinione pubblica e le istituzioni. Riassumo: stadio nuovo e pista di atletica nuova senza oneri per la collettività; alternativa: rifacimento pista a carico della collettività e squadra di calcio che si sposta in altra città. I termini della questione sono questi, non andiamo a scomodare i massimi sistemi, le ideologie, i beni comuni, il terzomondismo, la globalizzazione. Purtroppo in questo Paese non c’è solo il diritto di opinione, c’è anche il diritto di sparare cazzate senza nessun pudore, a partire dai nostri politici. E tutto ciò in assoluta malafede, per difendere più o meno inconfessabili interessi. E’ incredibile che certa gente possa sostenere certe tesi, siamo veramente al livello più basso. All’estero di una cosa così non si starebbe nemmeno a discutere. Ecco perchè l’Italia è il fanalino di coda dell’Europa…

  18. Giustissimo Anonimo, infatti io non dico che l’ateltica non debba far valere i propri interessi e mediare, ce l’ho con alcuni di coloro che sono intervenuti a sproposito e che mi paiono ragionare per ideologie e concetti che speravamo superati e che purtroppo, trattandosi di gente che vota, con i loro ragionamenti non porteranno solo a fare/non fare lo stadio, che alla fine è questione di minima importanza, ma a ipiotecare il futuro dei nostri figli

  19. Quoto al 10000% il penultimo messaggio di Gandalf.Pura verità.Dice bene:con certi modi di ragionare si rimane sempre l’ultima ruota del carro.

  20. Ribadisco il concetto: questa è una grandissima occasione che va colta al volo, “LO STADIO SA DA FARE!”; cionondimeno non dobbiamo perdere di vista che vanno tutelati gli interessi e i diritti di tutti i cittadini! lasciamo che la mediazione, il confronto e le varie discussioni facciano il loro corso per arrivare ad una sintesi il più possibile condivisa! Purtroppo tutti non si potrà mai essere d’accordo ma tra imporre un’idea o condividerla c’è una grandissima differenza! A me queste posizioni tenute a prescindere senza una sana e razionale riflessione fanno sorridere! Quando si prendono decisioni si devono valutare tutti gli aspetti e tutti i punti di vista (anche quelli che non condividiamo). Vorrei vedere te Gandalf se venisse fuori che per fare la pista in via sanzio magari devono espropriare un fazzoletto di terra che i tuoi nonni hanno comprato con sudore e fatica (bada non parlo di proprietari terrieri ma di persone comuni come tante ce ne sono a empoli). PRIMA DI PARLARE BISOGNA RIFLETTERE!!!

    • Anche qui caschi male: a me li hanno espropriati davvero i terreni per fare la statale per Poggibonsi (429 mi pare?). Io ogni caso informati: i terreni non li espropria il Comune, trattandosi di project financing li acquista l’Empoli a trattativa privata. Per cui i proprietari, contrariamente a quanto dici tu, faranno un affarone: hanno terreni non edificabili e, sapendo che l’Empoli ha necessità di acquistarli, tireranno il prezzo all’inverosimile! A proposito di riflettere.

      • se uno non vuole vendere NON VENDE rifletti gandalf! se non vende l’unica possibilità è l’esproprio con i tempi biblici e ricorsi e controricorsi che ne seguono…RIFLETTERE! non tutto è così semplice e lineare

  21. P.S. Non come quando i terreni sono stati acquistati a valore agricolo, sono divenuti magicamente a destinazione commerciale e vi si è costruito un ipermercato! A proposito di riflettere

  22. Carissimo Gandalf e tutti coloro che sono per lo stadio senza se e senza ma perchè l’occasione è troppo ghiotta…voi siete gli stessi che alla sparata agostana senza un progetto serio e uno studio di fattibilità avrebbero consegnato le chiavi del castellani e non solo alla società per azioni Empoli FC per 99 anni…
    Ma come dice qualcuno bisogna riflettere bene soprattutto quando si tratta di fare scelte che riguardano interi e popolosi quartieri, sport minori e bene pubblico in generale.
    In camponella diatriba ci sono la vituperata Atletica Empoli che in questa storia è il terzo incomodo con in tasca un normale contratto d’affitto e una promessa di rifacimento della pista ormai andata da molti anni. A proposito di riflessioni, mi può dire di chi è la colpa della fatiscenza della pista d’atletica? Di chi ci corre o di chi ci è entrato con tutti i mezzi possibili per fare i lavori di miglioria dello stadio per la serie A e per l’allestimento delle partite domenicali?
    Probabilmente uno dei motivi per cui negli ultimi anni ad Empoli non sia mai stato organizzato un meeting importante di atletica risiedono proprio nella fatiscenza dei servizi dedicati a quella disciplina. Ci avete pensato invece di accusare a dx e manca?

    Quindi ricapitoliamo da una parte abbiamo una società di atletica stanziata da molti anni che nello stadio castellani dovrebbe avere tutti i servizi del caso. Paga e detenie un contratto di affitto regolare e negli ultimi tempi una promessa di miglioria della pista. Tutto tranquillo dico io.

    Ad un certo punto entra in scena la società Empoli Fc Società per Azioni che dall’alto della sua forza comunicativa e monetaria irrompe con un progetto che prevede lo sfratto dell’atletica dallo stadio che fin da sempre si sono spartiti.

    Entra quindi in gioco il proprietario dell’immobile nonché comune della città stessa che ha il dovere di tutelare gli interessi in gioco per tutto, una sorta di arbitro della vicenda con un ruolo non facile visto il diverso peso specifico delle società citate sopra.

    L’atletica empoli nonché anello debole della vicenda con il contratto in essere e la promessa della nuova pista ha a disposizione una pista 8 corsie illuminata, una palestra e una tribuna che permette di ospitare manifestazioni. Ergo non gli manca niente.

    La contesa grazie ad intercessione dell’arbitro comunale (voi benpensanti avreste già svenduto il castellani il 15/08) si risolve con la promessa di un nuovo impianto per l’atletica e il castellani ad uso esclusivo della società di calcio con la tutela del quartiere circostante grazie a dei seri studi di fattibilità.

    Mi sembra normale, visto che l’atletica non ha chiesto niente di tutto ciò, chieda rassicurazioni sulla tempistica di realizzazione(onde evitare di rimanere a piedi per chissà quanto…) e gli stessi diritti di cui godeva nel vecchio impianto.

    Per il resto ideologie ecc ecc sono solo parole al vento e se si riferiva a me io ho soltanto sottolineato che svendere l’impianto e schierarsi senza farsi troppe domande dalla parte dell’Empoli fc è stare dalla parte dei forti e per tradizione anche calcistica noi facciamo parte dei piccoli e dei deboli.

    Detto questo risolti i problemi burocratici, in linea con leggi vigenti e la costruzione in tempi certi di una nuova pista d’atletica io spero con tutto il cuore che lo stadio possa sbocciare in tutta la sua bellezza ma solo DOPO aver salvaguardato gli interessi di tutti, cittadini di serravalle, atletitisti ecc ecc

        • C.V.D. caro Falce e Martello. Ti autoqualifichi. Avete visto che avevo ragione io? L’ideologia senza attenersi ai fatti genera mostri. Facciamo così per farvi contenti: facciamo ritirare l’Empoli dalla serie A e rinunciamo allo stadio nuovo e rifacciamo la psita di atletica a nostre spese. Però i soldi io non li voglio tirare fuori, li tirate fuori voi che siete d’accordo su questa soluzione. Tirateli fuori voi i 500.000 € per rifare la pista, è facile ragionare con i sodli degli altri! è la famosa barzelletta del comunista al circolo ARCI disposto a cedere la barca e la limousine al partito ma non la bicicletta, perchè quella ce l’ha davvero! Che tristezza! Non voglio più parlarne con persone che nel 2016 sono ancora schiave delle ideologie, quali che siano.
          STOP

          • Quanto sono faziosi sia gandalf che falce e martello…facce diverse di un’unica medaglia…siete bravi solo a vedere e valutare ciò che volete vedere! Sveglia bambini il mondo è la società sono molto più articolati di quello che pensiate! Sembrate dei vecchi relitti della guerra fredda…

    • questa città finalmente avrà uno stadio decente , quale capitalismo finalmente si può avere una struttura moderna ed evoluta e non più questa struttura fatiscente che sta cadendo a pezzi , finalmente si vuole crescere e grazie al calcio che siamo conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo e non per questi 4 gatti dell’atletica che dal canto loro avranno tanto senza uscire un euro

    • La tua ricostruzione Pontormo è falsa e fuorviante: l’atletica è tranquilla perchè il Comune con soldi pubblici rifà la pista e sfratta l’Empoli.
      Dovrebbe essere comunque contenta anche se viene rifatta una pista identica in altro luogo sempre a spese di altri.
      L’atletica in tutto questo è l’unica sempre contenta perchè ha sempre la pista ed è sempre campata sulle spalle degli altri (soldi pubblici o dell’Empoli).
      La questione è questa, semplice come il cielo. O non ragioni o sei in malafede.
      Riguardo al fatto che debba interloquire e salvaguardare i propri interessi, lo ripeto, sono d’accordissimo con te

  23. Ma o perché l atletica non se la fa da se la pista ??!! E con qualcuno che li finanzi… Si vuole tutto tutti con la pappa scodellata… E si fa tutto per interesse…. Ma ci faccia sapere il comune quanto chiedono per l affitto Tutto compreso dello stadio e dei locali dell atletica e poi se ne riparla… Business è business …..

  24. Il ragionamento di pontormo non fa una piega ma tanto è fiato sprecato perché non vu capite nulla in testa c‘avete solo il corsi. Per fortuna queste sono e rimangono chiacchiere da bar e non spostano di un millimetro le procedure che normalmente si seguono in questi casi, con buona pace dei fanatici dello stadio nuovo a tutti i costi. Scoccia solo constatare, come dice pontormo, quanto poco vi interessano i problemi della collettività .

  25. Sarebbe triste migrare in altri stadi ma per questi atleti, anzi palestrati sarebbe bello farli marcire in un Castellani tutto loro, così potranno farci tutti i meeting che gli pare

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here