Non ce ne voglia nessuno, ma Coralli è un giocatore che con Empoli ha ed avrà sempre un rapporto particolare. E quando i sentimenti sono forti, anche quelli negativi certamente si amplificano.

In questi ultimi giorni abbiamo parlato molto di lui, per finire ieri con l’indiscrezione che lo vorrebbe vicino al Cittadella, scuscitando, come sempre accade quando è lui il protagonista, molti commenti (tanti anche privati via mail) diversi tra di loro come ormai ci fossere due fazioni.

Lo abbiamo contattato per capire proprio dal diretto interessato quello che potrebbe essere il suo futuro prossimo. Naturalmente è stata l’occasione per parlar anche della stagione scorsa, sicuramente un’ annata da cancellare, una delle peggiori per l’attaccante di Borgo San Lorenzo, dove ha subito molti infortuni e non è riuscito certo ad esprimersi al meglio.

 

Ciao Claudio come và? In questi ultimi giorni si sono rincorse alcune voci che ti vedrebbero vicino ad un ritorno al Cittadella ?

“Io di Cittadella non so niente, nessuno mi ha contattato. Io ad ogni modo rimarrò sicuramente ad Empoli, questa è la decisione della società, e  sarò presente al raduno mercoledì prossimo per iniziare la preparazione alla prossima stagione.”

 

Guardando alla scorsa stagione, è stata molto negativa per te, forse una delle peggiori in assoluto guardando le statistiche, che spiegazioni ti dai?

“Si purtroppo ho subito quattro o cinque infortuni che mi hanno decisamente condizionato. Mi sono fatto male all ‘inizio della stagione e sono stato fuori due mesi, poi sono rientrato ma dopo quattro o cinque partite mi sono fatto nuovamente male ed anche a Cremona non è stato tutto ok sotto questo punto di vista.”

 

Puunto, poi c’è stato il passaggio alla Cremonese nella finestra di mercato di gennaio, che è parso un pò repentino e improvviso. Ancora ad Empoli i punti interrogativi sono molti…

“In effetti è stata una cosa che si è concretizzata in poco tempo, due, massimo tre giorni. Si è trattato di una decisione della società e io mi sono adeguato.”

 

Siamo a due giorni dal raduno con il quale inizierà la prossima stagione, immagino ti vorrai riscattare?

“Si certo, voglio cancellare la scorsa stagione dove non ho reso al meglio per colpa mia. Su tutto dovrò aiutare i numerosi giovani che saranno in rosa, e dare una mano a loro in modo che possano crescere per il bene dell’Empoli”

.

Per PianetaEmpoli.it

Stefano Scarpetti (calciotoscano)

CONDIVIDI
Articolo precedentePista bianconera per Saponara ?
Articolo successivoColpo Lecce: ritorna Chevanton
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

21 Commenti

  1. BE’,CHE IO SIA STATO UN GRANDE ESTIMATORE DI CORALLONE COME GIOCATORE E’ COSA RISAPUTA,pero’ visto che abito a 35 km da Empoli,molte cose non le so’ se non per sentito dire….Credo che a domanda,la risposta di Coralli sulla sua partenza da Empoli l’anno scorso,abbia avuto una risposta non sufficente e Pianeta Empoli doveva farsi dare una risposta molto piu’ dettagliata,perchè lo sportivo Empolese la pretende ed è giusto che la pretenda.Se Coralli ha sbagliato deve chiedere scusa come fanno tutti dopo che si sono accorti di aver fatto una cavolata…..Credo che tutti possono sbagliare,basta chiarire il tutto.Visto e considerato che potrebbe anche rimanere una risposta come la sua “In effetti è stata una cosa che si è concretizzata in poco tempo, due, massimo tre giorni. Si è trattato di una decisione della società e io mi sono adeguato.” non puo’ ritenersi adeguata!Ripeto tutto si puo’ perdonare(sempre che abbia sbagliato solo lui!) se ci sono delle scuse fatte nella giusta maniera!

  2. Se Coralli vuole rimanere,per il suo bene e per il bene della società,bisogna chiarire la situazione una volta per tutte,sia da parte della società che di Corallone

  3. Io sinceramente non ho niente contro Coralli.
    Tuttavia è bene che gli altri esprimano il loro disappunto se lo ritengono.

  4. Indubbiamente per il legame tra la piazza e il giocatore e’ necessario che la storia del trasferimento di gennaio venga chiarita al più presto. Fatto questo le cose potrebbero appianarsi tanto da far ritenere il Corallone come il miglior acquisto di questa stagione, tanto e questo e’ il vero problema, Sorbello non c’è più!!!

  5. ….Coralli, se leggi, sbagli a non dire fino in fondo le cose. La maggior parte dei tifosi ti ritiene un traditore, io non ho mai sbavato per i singoli giocatori, ma solo per la magglia. Tuttavia devo riconoscere che in te, avevo visto una sorta d’eccezione. Ma sbagli se continui a non vuotare il sacco. A volte, anche una verità scomoda può non provocare giudizi negativi, in quanto viene comunque apprezzata la sincerità. Io, fino a prova contraria, continuo a ritenere la società l’artefice di tutto il teatrino di gennaio, se poi ha avuto i suoi buoni motivi, questo lo deve dire lei stessa o te. Basta sempre con ‘sta cazzo di diplomazia.

  6. Quanto vale la “parola” di quest’uomo?
    Ditelo Voi, io mi limito a riportare il link all’articolo di PE del 30 gennaio u.s. dal titolo “io via da Empoli e chi l’ha detto?” http://www.pianetaempoli.it/2012/01/30/empoli-f-c/coralli-io-da-empoli-ma-chi-lo-ha-detto/
    Interessante il passo in cui il cinghiale dice testualmente «Contro il Brescia non sono stato convocato per una scelta tecnica dell’allenatore. Ci sono tre partite nel giro di una settimana, e ho solo usufruito di un turno di riposo”»
    E poi ancora: «Quindi nessun addio alla maglia azzurra…
    “Per me no. Lo escludo categoricamente, sono un giocatore dell’Empoli e, insieme ai compagni di squadra, dobbiamo raggiungere un obiettivo molto importante per la squadra dove sono cresciuto calcisticamente”»

    • Con questo post penso che tutti abbiano capito cosa volevi dire.
      Bisogna purtroppo contestualizzare il fatto che in quel mondo viene sempre chiesto il massimo riserbo.
      Pertanto in tanti inventano e sparano conferme e poi la smentita…vecchia storia.
      Anche Buscè, Spalletti e Somma avevano un po’ questa tendenza.
      Diciamo che in questo caso l’aggravante è andarsene quando c’è un’effettivo bisogno di dare un contributo.
      Se resterà e malaguratamente dovesse giocare senza impegno glielo faremo notare.
      Personalmente se uno non se la sente è bene che vada per “le strade” che sente più opportune.

      • Dash l’unica cosa che non si puo’ imputare a Corallone è lo scarso impegno…….ha dato tanto per questa maglia anche quando 2 anni fa,era rimasto solo lui come punta…ed ha dovuto tirare avanti la baracca da solo…..33 goal in 2 anni non sono pochi davvero.L’anno scorso è stato un anno sfortunato e da infortunato!Questo per dire che se rimane ad Empoli l’impegno fa parte dei suoi cromosomi!Però ripeto…se rimane deve chiarire quello che è successo…perchè il calciatore prima deve essere uomo e un uomo se ha sbagliato deve essere pronto ad ammetterlo.MAGARI QUANDO GLI HANNO PROSPETTATOL’ARRIVO DI MACCARONE GLI HANNO DETTO CHE NELLE GERARCHIE PRIMA C’ERA SUPERMAC E LUI DOPO 2 ANNATE GIOCATE ALLA GRANDE SI E’ SENTITO TRADITO PER TUTTO QUELLO CHE AVEVA DATO E HA CHIESTO DI ANDARSENE…..COME PUO’ DARSI CHE PROPIO PER QUESTO MOTIVO NON ABBIA ACCETTATO LA PANCA…..Purtroppo anche la societa’va capita visto che la situazione in classifica era pessima e Corallone non riusciva piu’ a metterla dentro e magari anche Corallone va capito per i motivi che ho suddetto!Una cosa per me è sicura….probabilmente hanno sbagliato tutti e due!Se poi ci sono state cose piu’ grosse….sicuramente non lo sapremo mai!

        • Ma infatti io sto alludendo a questo cioè a quel che dici anche tu.
          Difatto io non ho nulla contro Coralli.
          Tutavia…
          non si può neanche proprio far passare la cosa per inosservata.

  7. Potrebbe essere stata una decisione unilaterale, presa dalla società a fronte di un vistosissimo calo di prestazioni, quella di mandarlo a Cremona….cosa ne vogliamo sapere di ciò che accade all’interno di una società….magari i dirigenti gli prospettarono una sua cessione e lui può essersi demoralizzato, dopotutto era stato per due anni un autentico simbolo della squadra e sicuramente avrebbe voluto esserlo anche l’anno scorso, purtroppo non è stata così…cosa ne sappiamo cosa gli è passato per la mente? Poi, ripeto, sono solo ipotesi

    • ipotesi mica tanto.
      lo disse la società che ‘il ragazzo soffre all’idea della concorrenza con maccarone’.

      cioè coralli voleva il posto assicurato, si è ritrovato 2° o 3° punta e c’ha lasciato nella merda (cioè dove aveva contribuito a portarci grazie alla sua stagione disastrosa).

      spero sinceramente che la società venda lo Schettino di borgo san lorenzo.

  8. Lo scorso anno un calciatore per certi versi simile a Coralli e cioè Ciro Ginestra (nel Sorrento di Sarri) è stato il capocannoniere della Lega Pro con 21 reti pur giocando come unico terminale offensivo nel 4231, per buona parte del torneo. Vuoi vedere che……;-)

  9. Oh niamo Daniele, un siamo mica bambini, questi vengono pagati (e bene), Coralli ha avuto le sue possibilità e le ha fallite tutte, l’Empoli e’ andato alla ricerca di un’altro giocatore, ma lui doveva rimanere per giocarsi il posto da titolare!!
    Non e’ mica un intoccabile, anche campioni che hanno fatto le fortune delle proprie squadre se non rendevano si mettevano da parte ma non abbandonavano la nave…
    Per me Coralli non e’ piu’ un giocatore dell’Empoli…….

  10. ..mi spiace, ma per me, i veri infami, quellli che davvero hanno disonorato la città sono nell’ordine: Simoni, il pelato, Lucenti, Rossi (per chi è più un giovane un demente che ha vestito la nostra maglia nel campionato ’93-’94), Pozzi e Bassi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here