Claudio Coralli, il Cobra, è indiscutibilmente il grande ex della prossima gara che vedrà gli azzurri impegnati sul campo del Cittadella. Ed il bomber, alla vigilia dell’incontro ha parlato raccontando le emozioni e le aspettative sul match venturo.

Ha raccolto le sue dichiarazioni il collega Tommaso Carmignani de “La Nazione” in un aricolo pubblicato quest’oggi sulla pagine del quotidiano fiorentino:

 

Claudio quella di Cittadella per te non sarà una gara come le altre?

«Non mi nascondo e confesso che affrontare gli amaranto ha sempre un sapore particolare per me».

 

Troppi ricordi…
«Ricordi positivi. A Cittadella ho conquistato la promozione in serie B, ho realizzato tanti gol e trovato la ragazza».

 

Che ambiente ti aspetti?
«Spero positivo, perchè anch’io dovrei aver lasciato ricordi positivi ai tifosi».

 

Che gara ti aspetti?
«Sarà molto dura, perchè ci aspetta uno scontro diretto per la salvezza».

 

Tu che conosci l’ambiente, che Cittadella pensi di trovare?
«Loro sono preparati a lottare per certi obiettivi e dunque sanno come affrontare partite così. Noi siamo in una posizione di classifica un po’ anomala, ma questa è la realtà e dobbiamo farci l’abitudine».

 

Sarà un Coralli emozionato quello che vedremo al «Tombolato»?
«Sarà un Coralli motivatissimo. Sono ancora a secco e questo, per un attaccante, è un problema. Voglio sbloccarmi al più presto e sarebbe bello farlo contro la mia ex squadra. In questi anni ho giocato spesso col Cittadella, ma non ho ancora segnato un gol…».

 

In settimana hai avuto qualche problema: adesso come va?
«Bene. La febbre è passata e non penso di avere problemi a recuperare entro venerdì».

 

La sosta vi ha fatto bene?
«Sì, perchè ci ha permesso di recuperare le energie dopo una prima parte di campionato decisamente tribolata».

 

Qual è l’obiettivo adesso?
«Fare bene in queste due trasferte. Dopo il Cittadella affronteremo la Juve Stabia, altro avversario da tenere d’occhio. Dovremo essere bravi a mettere insieme più punti possibili, perchè vogliamo toglierci alla svelta dalla situazione in cui ci siamo ficcati».

 

Come vedi la squadra?
«Molto bene. Siamo in crescita rispetto alla prima parte di stagione e ci teniamo a concludere al meglio il girone di andata».

 

Sei fiducioso?
«Sì. Un anno fa abbiamo girato a 26 punti: se facciamo risultato a Cittadella saremmo più o meno in linea, ecco perchè sarà importante non sbagliare la partita».

CONDIVIDI
Articolo precedenteRadio Mercato suona la canzone di Bottone
Articolo successivoL'arbitro di Cittadella-Empoli
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

5 Commenti

  1. l’assenza di coralli si sente più di quella di tavano, perchè partecipa più all’azione d’attacco, tavano invece magari non tocca palla tutta la partita, poi però tocca palla e la butta dentro, che non è certo una cosa da tutti. critocare coralli quindi è una pazzia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here