Anche nella giornata di ieri, lunedi 29 luglio, la squadra ha rispettato il programma di lavoro che l’accompagnerà fino alla fine di questo ritiro, effettuando due sedute di lavoro.

 

Fisico/atletica al mattino e tattica al pomeriggio, cosi si sono divisi il lavoro in casa azzurra, un lavoro che va crescendo a livello di carichi con un gruppo che però sta rispondendo davvero bene, palesando (prendendo in esame il momento) un livello davvero buono a livello di tenuta.

Dicevano che nel pomeriggio il gruppo si è messo a disposizione di mister Sarri e dei suoi collaboratori per provare altri movimenti all’interno dell’ormai collaudato modulo con il centrocampo a rombo.

Si cerca di dare molto spazio alla fase difensiva, cosi come accaduto anche nel corso della preparazione di un anno fa, una difesa sempre molto alta che deve esercitare un pressing asfissiante ed essere subito pronta a far partire l’azione offensiva.

 

Per quanto riguarda gli indisponibili c’è davvero da essere felici visto il momento che ha visto piano piano rientrare tutti i primi acciaccati in gruppo. Ieri, per la cronaca, hanno dato forfait al lavoro tattico in tre: Accardi, Camillucci e Lavan, affaticati dal lavoro mattutino.

Pratali continua il suo lavoro ad hoc, mostrando una netta crescita: adesso gli manca solo di giocare con continuità le partitelle in famiglia.

Curiosità di giornata la presenza alla seduta di Alberigo Evani, CT della nazionale italiana Under20.

 

Anche per la giornata di oggi, due sedute di allenamento.

 

To. Che.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGasbarroni rinnova con il Monza
Articolo successivoNews mercato serie B
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

3 Commenti

  1. Sarà venuto a vedere Frugoli, d’altronde un diciottenne che segna un poker in 45 minuti nella partita d’esordio, non è da sottovalutare

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here