Penultima seduta di allenamento degli azzurri prima della partenza per il Veneto.

 

Allenamento strano per essere quello del giovedì, giorno in cui si fanno le prime prove generali antecedenti lo spettacolo. La seduta, iniziata con un torello che ha impegnato tutti i partecipanti al lavoro, ha visto una parte tattica molta scarna in cui si è provato un qualcosa che molto probabilmente non sarà. Andiamo con ordine: Coralli, ago della bilancia dell’assetto tattico anti-Portogruaro, era assente, dopo aver smaltito l’influenza che lo ha colpito nei primi giorni della settimana, è rimasto a riposo per un leggero problema alla schiena. Il bomber dovrebbe non solo partite per la cittadina in provincia di Venezia, ma anche essere degli undici, ma di fatto, non essendoci stato quest’oggi, Aglietti ha dovuto provare il piano B, quello che schiererà se alla fine il Cobra non sarà degli undici. Si è provato infatti, questo pomeriggio, un 4-2-3-1, con Laurito punta centrale supportato dal trio di centrocampo composto da Nardini-Brugman-Forestieri, dietro a protezione della difesa Musacci e Soriano. Il modulo dovrebbe essere però un 4-4-2 con Forestieri-Coralli come coppia centrale ed un centrocampo a quattro che vedrebbe l’esclusione di Brugman con l’innesto a sinistra di Saponara (da valutare l’ipotesi Fabbrini).

Soltanto la rifinitura di domani potrà chiarire meglio cosa vedremo nel velodromo veneziano.

Di sicuro, oltre agli squalificati Valdifiori e Mchedlidze, non partiranno per il Veneto né Moro né Foti, da valutare le condizioni di Tonelli che ha iniziato regolarmente l’allenamento ma ha poi avvertito dolore al ginocchio dovendosi fermare.

 

Anche mister Aglietti indica nel recupero di Coralli la chiave tattica dell’incontro: “Abbiamo due soluzioni collaudate per giocarci al meglio le nostre carte. Se Claudio ce la farà, emuleremo l’assetto visto sabato scorso, altrimenti andremo avanti con quello provato quest’oggi.” E poi lancia un messaggio a tutti i tifosi: “ Non siamo in vacanza, sabato metteremo in campo anima e corpo per rimanere attaccati al sogno. Lo voglio io, lo vogliono i ragazzi ed anche la società”.

 

Il programma di domani prevede la rifinitura al mattino, seguita dalla conferenza stampa dell’allenatore azzurro. Dopo pranzo la squadra partirà in pullman alla volta di Portogruaro.

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDa Portogruaro: parla Agostinelli
Articolo successivoGiovanissimi e Allievi: le gare di ritorno
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

5 Commenti

  1. caro aglietti non so’ se il tuo sogno e’ finito…
    di sicuro posso dirti che il nostro incubo continua…
    mancano ancora 3 partite..

  2. Sabato scorso quando è entrato Forestieri ed ha giocato come seconda punta è stato devastante ed ha fatto girare tutta la squadra, poi il “cerbero” l’ha riportato sulla fascia ed è scomparso, voglio proprio vedere deve lo farà giocare domani l’anticalcio.

  3. Dai ragazzi domani vogliamo i 3 punti.. TUTTI A PORTOGRUARO!!
    Noi ci crediamo tralalalalala noi ci crediamo tralalalala…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here