Azzurri in campo nel pomeriggio di quest’oggi, giornata dedicata solitamente alla rifinitura pregara, per preparare la gara contro l’Albinoleffe.

 

Agli ordini di mister Aglietti, dopo una prima parte prevalentemente atletica, la squadra si è disposta in campo, con il solito 4-3-1-2, per una partitella che ha iniziato a far vedere qualcosa in più su quelle che potrebbero essere le scelte finali del tecnico di San Giovanni.

Da dire che le non poche assenze hanno in parte caratterizzato un assetto che poi probabilmente potrebbe subire delle modifiche nei prossimi due giorni che la squadra avrà ancora a disposizione per affinare al meglio il lavoro.

 

Partiamo subito con la conta degli assenti che ahinoi deve registrare il rientro ai box di Daniele Mori: il difensore fiorentino sembrava aver risolto le sue noie al ginocchio che invece continuano evidentemente a farlo ancora tribolare.

Assenti anche altre due difensori, Gorzegno e Vinci, che sono alle prese con un virus influenzale.

Hanno invece lavorato a parte Valdiifori (anche oggi una parte dell’allenamento è stato svolto con in gruppo senza particolari problemi), Buscè e Mchedlidze, con l’aggiunta di un Tonelli che potrebbe forse evitare l’operazione ma che sembra però lontano dal poter tornare a dar man forte alla squadra. Cosa che invece potrebbero già fare entro lunedì l’esterno napoletano e l’attaccante di Tiblisi.

Ricordiamo che a Bergamo dovremmo fare a meno di Ficagna e Saponara che dovranno scontare la squalifica inflitta dal giudice sportivo.

 

Come detto la squadra ha svolto la partitella tattica con l’assetto del centrocampo a rombo, modulo provato per intero anche se non è escluso che poi in partita, se il risultato dovesse prendere una piega favorevole, possa essere riproposto il 4-1-4-1.

Da annotare che in difesa, a destra, viste le defezioni dei papabili per quel ruolo, si è mosso quest’oggi il giovani Hisay, e potrebbe proprio essere lui ad andare a Bergamo dal primo minuto se né Vinci né Buscè dovessero recuperare.

Lo stop di Mori, che sarebbe stato certo del posto anche in virtù della squalifica di Ficagna, ha fatto si che accanto a Stovini si sia visto il colombiano Chara, che non si è mosso nemmeno male anche se ovviamente si vede che i movimenti sono meno affinati rispetto ai compagni di reparto.

A centrocampo si va verso la conferma di Coppola a sinistra ed il ritorno di Ze Eduardo a destra, con Moro play basso, ruolo dove però sia Guitto sia Signorelli potrebbero ritagliarsi uno spazio.

Sulla trequarti partita a due tra Brugman e Lazzari, oggi un piccolo passo avanti per il giovane uruguagio ma ad oggi possiamo dare al 50% il ballottaggio.

Nessun dubbio davanti con la coppia Maccarone-Tavano che partirà dall’inizio.

 

Per domani è prevista una seduta unica a partire dalle ore 10:00.

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteWeek end azzurro giovani – Le gare del 14 e 15 aprile
Articolo successivoCampilongo: "Empoli, non me l'aspettavo"
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

2 Commenti

  1. Praticamente abbiamo un’intera squadra all’infermeria…

    Io darei piena fiducia sia ad hisay sia a chara, perché tutti e due hanno fatto vedere delle buone prestazioni a Firenze..

    La cosa che mi fa’ dispiacere e che signorelli dopo un ottima partita,lunedì al 80% partirà dalla panchina,non dando continuità ( stessa cosa fatta con guitto…)….mah….

  2. e che cavolo anche nella fase finale della stagione siamo decimati dagli infortuni!!!lunedì abbiamo una partita decisiva e rischiamo di giocarla con 2 difensori che quest’anno in campionato non hanno mai giocato(non per loro ma in queste partite ci vuole gente esperta perchè lunedì NON SI PUO’ E NON SI DEVE SBAGLIARE!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here