Penultima seduta di lavoro per gli azzurri prima della rifinitura di domani che farà da prova generale per l’incontro ufficiale di sabato contro l’Hellas Verona, match che non si giocava dalla stagione 2004/05.

 

Dopo il consueto lavoro atletico, composto da alcune esercitazioni interessate e mirate alla forza fisica.

Prima della partitella, Pillon ha lavorato molto, nelle due fasi di gioco, sulle situazioni da palla inattiva, punizioni o angoli, chiedendo inserimenti di testa, e lavoro di gruppo contro una squadra che fa del gioco aereo un suo must. Più volte il tecnico trevigiano ha ricordato ai suoi l’inserimento di De Vitis da dietro nel corso del primo tempo della gara vinta a Modena.

Come detto poi è stata partitella, una partitella che ha praticamente fatto vedere a grosse linee con che abito si vestirà l’Empoli sabato pomeriggio.

Pillon, ritornando al titolo dell’articolo di ieri, sembra voler togliere il punto interrogativo e confermare la squadra che ha vinto con un paio di dubbi. Il primo riguarda l’esterno sinistro di difesa, dove Gorzegno appare in netto vantaggio su Regini, ed il secondo riguarda uno degli interni di centrocampo. Oggi si è provato molto la coppia Coppola-Valdifiori, a dimostrazione che l’allenatore azzurro vuole maggiore fisicità, ma sia Signorelli sia Guitto sono in preallarme.

Ad onor del vero, rispetto a Modena, ci sarà molto probabilmente un’altra variazione che riguarderà l’ala destra visto che Buscè non si è allenato e Saponara è praticamente destinato a partire dal primo minuto.

Per quanto riguarda comunque la situazione del napoletano possiamo dire che sta decisamente meglio, difficilissimo che possa essere titolare sabato ma non è assolutamente escluso che possa andare in panchina.

Annotiamo che il tandem Coralli-Tavano sta trovando sempre maggior affiatamento con un Cobra pronto al sacrificio: Pillon spesso gli ha chiesto molto movimento proprio per liberare Ciccio.

 

Per le ultime considerazioni e capire quale sarà l’effettivo undici anti-Verona, dovremo aspettare la consueta conferenza pregara di mister Bepi Pillon.

 

Il programma di domani prevede la rifinitura a partire dalle 10:30 seguita dalla conferenza stampa dell’allenatore azzurro. Alle 18:00 la squadra si ritroverà poi all’hotel Alexandra per il ritiro.

 

To. Che.

CONDIVIDI
Articolo precedenteWeek end azzurro giovani – Le gare
Articolo successivoLa sentenza | Due punti di penalizzazione al Bari
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

10 Commenti

      • Propio vero usualemi……con l’Albino non l’abbiamo fatto ed è stato pareggio….Io Signorelli non lo toglierei mai e dopo la gran partita che fece,una chance magari di entrare nel secondo tempo la concederei anche a Guitto….a me piacciono i giocatori che la palla la giocano non i giocatori che rilanciano e basta…..per loro esiste un altro sport….IL RUGBY 🙂

        • Si ma come fa a metterla se buscè non è al meglio?? Facendo giocare come esterni saponara e lazzeri, forse un pò più si sostanza nel mezzo non mi sembra così sbagliata come idea.. Poi Gorzegno lo avete tutti rimpianto, ora che lo fa giocare al posto di regini vi lamentate??

  1. Accidenti, non ci possiamo permettere di perdere Busce…Lui Stovini e Tavano sono gli unici che ci possono salvare, meno male hanno deciso di tornare da noi!!!

  2. col modena abbiamo vinto, e perciò anchio gli undici titolari non gli cambierei…..però abbiamo un problema,con l’assenza di buscè dobbiamo mettere saponara e avendo anche lazzari dall’altra parte dobbiamo per forza di cose mettere un centrocampo più muscolare con valdifiori e coppola……anche se senza ombra di dubbio a me signorelli e guitto mi picciono molto per il modo in cui giocano!!!

    e poi sono molto contento del rientro di gorzegno perche 1-regini aveva bisogno di riposo visto che le ha giocate tutte 2-è che abbiamo un’altra pedina di esperienza in campo, e in questo momento di esperienza ne abbiamo bisogno e come…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here