Dato che il prossimo match si giocherà di domenica, con la serie A ferma, la giornata di oggi non è servita da rifinitura ma da normale seduta di lavoro che si è consumata nel pomeriggio.

 

Mister Sarri, si trova quindi (lo stesso vale anche per il collega del Bari, Torrente) un giorno in più per preparare questa sfida che sarà la terza di quattro confinate in dodice giorni.

La squadra ha svolto quest’oggi una seduta prettamente tattica, molto interessante, con lo staff tecnico che ha impegnato i reparti sia in situazioni con la fase di possesso che con quella di non possesso. Il mister, non vogliamo dire che teme l’avversario, però ha rispetto di questo Bari che nelle ultime gare bene ha fatto, e più volte ha richiamato i suoi ad un attenzione particolare ed alla cura dei dettagli. Lo sviluppo della manovra, su tutto, al centro dei discorsi, tattici e vocali, cercando di migliorare gli inserimenti e le verticalizzazioni.

Un allenameto “scolastico” dove mister Sarri ha dispensato per tutto il tempo consigli, spiegando minuziosamente come giocano i galletti, e come, per ogni singola situazione, in copertura ed in ripartenza si dovrà agire. Correre, si dovrà correre molto e più di loro.

A livello di modulo è scontato dire che si partirà con il 4-3-1-2 e dovrebbe essere Croce (oggi rientrato in gruppo ma limitandosi alla parte atletica) ad agire dietro le due punte che saranno Tavano (anche lui oggi regolarmente in campo) e Maccarone.

Dietro invece rientra Accardi che oggi ha sostenuto tutta la seduta senza lamentare particolari fastidi: non è però scontata la partenza del palermitano che vede in Gigliotti un “rivale” per ruolo di terzino sinistro. Ci sarà da tenere a bada Iunco, uno che della progressione fa un’arma in più e quindi chi starà meglio sotto questo punto di vista sarà in campo ad addomesticare l’ex Toro. Al centro invece, spazio ancora a Romeo che si affiancherà a Tonelli. Completa il reparto Laurini a destra, un Laurini che però a sprazzi ha agito anche a sinistra, cosi come capitato nella parte finale del match di martedi sera, e questa potrebbe essere una delle soluzioni in corso d’opera.

A centrocampo, assieme ai soliti Moro e Valdifiori dovrebbe trovare spazio Signorelli.

 

Ha lavorato a parte Levan ma non c’è da preoccuparsi, nessuna ricaduta, solo una precauzione per il georgiano che domenica sera sarà assolutamente in panchina pronto per entrare a dar man forte. Con lui ha lavorato Cristiano Camillucci. Detto ieri del ritorno di Ferreira che sta completando il ciclo terapico ed a breve tornerà a muoversi in campo con i compagni. Assenti anche Dossena e Pratali per le noie fisiche ed Hysaj, Regini, Saponara per gli impegni con le nazionali.

 

La squadra tornerà in campo domani per la rifinitura che inizierà intorno alle 14:30; dopo ci sarà l’abituale conferenza stampa di mister Sarri.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteLevan Mchedlidze: " Un gol per mio figlio"
Articolo successivoDiario Azzurro 22/03
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

4 Commenti

  1. Sempre partendo dal presupposto che c’è un allenatore,…e che allenatore,che sa chi mandare in campo……io non stravolgerei tanto le posizioni in campo e al posto di Saponara inserirei il Puccia,lasciando Croce nel suo ruolo e poi mi permetto di chiedere a Pianeta Empoli,visto che Mori non viene mai menzionato tra gli infortunati o tra i “malandati”….come mai non viene mai preso in considerazione ne per la panca,ne per giocare dal primo minuto….capisco che il suo infortunio sia stato di indubbia gravita’ pero’ qualche notizia “fisica” su di lui …sarebbe gradita!

  2. Non cred che sarà una passeggiata, ma battere il Bari ci darà secondo me (salvo discoro dei dieci punti) la consapevolezza che squadra è da playoff, essere quarti a nove dal termine vuol dire biglietto strappato 90%

  3. Non so se per 10 punti intendi la distanza che malauguratamente a fine campionato ci possa essere tra noi e la terza in classifica,perchè se così fosse è chiaro che non ci andiamo…..però ti posso assicurare che la consapevolezza che la squadra sia da play off,c’è gia nelle teste dei ragazzi e nel leggere la classifica….secondo te bisogna battere il Bari per averla?Ti sembrano pochi 7 punti sulla quinta,9 sulla sesta(considerando gli scontri diretti a nostro favore)e soprattutto 11 su Padova e Novara CHE SONO LE SETTIME…….e’ vero che mancano 10 partite….ma se è difficile per noi agguantare un secondo posto a 7 punti dalle prime,altrettanto piu’ difficile è rimontarci 11 punti…..diciamo che una vittoria con il Bari non ci portera’ certezze(che gia abbiamo)ma 3 punti in piu’ e una giornata in meno alla fine del campionato!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here