Mandato in archivio il match contro il Crotone, gli azzurri sono tornati in campo per preparare la prossima gara che vedrà come avversaria ancora una squadra calabrese, ovvero la Reggina che sabato prossimo ci ospiterà al “Granillo”.

 

Allenamento con pochissime indicazioni e maggiormente volto alla bonificazione per recuperare dopo il giorno di sosta.

Una seduta iniziata con il classico torello, alcune ripetute sotto l’occhio vigile del preparatore Selmi e poi con la palla a riprovare alcune situazioni nelle due fasi di gioco, con un occhio di riguardo alle palle crossate in area azzurra, una delle situazioni in cui l’Empoli a volte cade.

Come detto non sono arrivate indicazioni tattiche, il mister ha interscambiato tutti i giocatori a disposizione provando sia il rombo sia le tre punte, quindi sarà ancora tutto da decifrare l’assetto con cui si andrà in Calabria, per non parlare ovviamente degli interpreti, tutti, ad oggi, posso sentirsi titolari allo stesso modo.

Qualche piccolo problema per Maccarone che ha dovuto lasciare il campo anzitempo, anche se sull’ex Samp arrivano rassicurazioni e ci parlano di un leggero affaticamento.

La settimana ci dirà poi anche se Mirko Valdifiori si potrà dire recuperato o meno: oggi il romagnolo era regolarmente in campo ma la sensazione (speriamo sbagliata) è che non sia ancora al top.

Mister Carboni dovrà già da adesso rinunciare a Riccardo Saponara che verrà squalificato ma ritroverà Marco Gorzegno che ha invece pagato il suo debito con la giustizia sportiva e sarà con molta probabilità i terzini sinistro titolare.

Si sono registrate le assenze dei difensori Tonelli e Chara

 

Intanto il tecnico Carboni vuole ripartire dal finale della gara di sabato per la svolta del campionato azzurro: “ Ce lo siamo detti dopo la gara e lo ridiciamo oggi, si deve ripartire dall’ultima mezz’ora di sabato, da quell’atteggiamento, da quella voglia. Questa squadra ha ottimi giocatori e se ritrova un minimo di convinzione potrà dire la sua per togliersi dalla scomoda posizione in cui adesso è. L’importante adesso è stare uniti e far tesoro di quanto fatto sabato. La Reggina è squadra forte ed in casa sua rende la vita difficile a tutti, però sono convinto che se la giochiamo con la giusta serenità ed un pizzico di attenzione in più, potremmo far bene.”

 

Per domani è prevista una doppia seduta di allenamento.

 

To. Che.

CONDIVIDI
Articolo precedenteViareggio Cup | Buona la prima per l'Empoli
Articolo successivoRisultati 1a giornata GRUPPO A
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

17 Commenti

  1. “alcune ripetute sotto l’occhio vigile del preparatore Selmi”
    Bè la cosa piu’ che rassicurarmi mi turba!

    “La Reggina è squadra forte ed in casa sua rende la vita difficile a tutti, però sono convinto che se la giochiamo con la giusta serenità ed un pizzico di attenzione in più, potremmo far bene.”

    Potremmo far bene? DOBBIAMO FAR BENE,SICURAMENTE FAREMO BENE…..A’CARBO’LA SQUADRA VA MOTIVATAAAAA!

  2. Allora a Reggio dobbiamo fare risultato senza se e senza ma…. E poi non riesco a capire come mai non si parla piu di signorelli e guitto, perché sono loro 2 che per ora ci possono fare gioco perché l’ultima partita che ho visto vedevo dei bellissimi lanci senza senso di 70 metri di stovini e mori, invece continuamo a mettere moro, e dico moro a fare il Pirlo della situazione, oppure il mastino di coppola….

    Se vogliamo salvarci dobbiamo cominciare a giocare e vincere in casa, e chiudersi e ripartire in contropiede per prendere almeno un pareggio, perche la parola SCONFITTA la dovremo sentire una volta su dieci se non fosse così il prossimo anno faremo il derby col Pisa…!!!!!!!!

  3. MA NICK NON TI HO MAI VISTO SU PE
    COMUNQUE SE DEVI SCRIVE DUE CAZZATE NON SCRIVILE

    COMUNQUE SCUADRA REDICOLA, CARBONI 7 ESONERI IN 10 ANNI MA DOVE VOGLIAMO ANDA
    SE CONTINUAMO COSÌ LEGA PRO SICURA!!!!

  4. Ragazzi l’unico modo è fare barricate! Facciamole e prediamo tre punti con tre partite rinchiudendoci a catenaccio. Se poi ci scappa un gollettino rubato meglio ancora

  5. ma come la vedete questa formazione indipendentemente da che si giochi fuori o in casa, un bel 433
    Pelagotti
    Buscè
    Ficagna
    Stovini
    Gorzegno
    Coppola
    Brugman
    Valdifiori(lazzari)
    Tavano
    Levan
    Maccarone

    sicuramente votata all’attacco ma bisogna vincerne il più possibile e io ci proverei, voi che ne pensate?

  6. Barricata Fissa! Sempre!
    A Reggio modulo 5-4-1
    (meglio se con 3 centrali e due esterni difensivi
    con un centrale in linea per le palle alte).
    due mediani con due centrocampisti laterali in copertura.
    Una punta per le ripratenze prima gioca Macca e poi nel secondo tempo Ciccio.

    Pelagotti
    .
    Gorzegno
    Stovini
    Ficagna
    Mori
    Vinci
    .
    Lazzeri (Gallozzi)
    Coppola
    Valdifiori (Moro/Guitto)
    Buscè
    .
    Maccarone 1°tempo (Tavano 2°Tempo).

    SERVITI!

  7. Dash quella che hai scritto è la classica formazione ad aspettare di prendere gol…perché se la palla la ridai sempre a loro alla fine goal te lo fanno…SEMPRE!
    se la palla la tieni te invece è molto meno probabile che tu prenda gol…
    Risultato: bisogna mettere in campo la qualità…solo così possiamo salvarci…se continuiamo a mettere solo corridori davanti possiamo avere anche messi e Ronaldo…ma chi glielo da il pallone??? Stovini da 70 m??

    • Non sono daccordo Simone.
      Prima di tutto giocare di contropiede non vuol dire che Stovini fa i lanci di 70 metri.
      Vuol dire che sono i nostri centrocampisi a recuparere palle da giocare subito avalti sulla punta.
      Poi
      una squadra che non offre prestazioni da categoria come la nostra può solo pensare di non prenderle aumntando il numero dei giocatori dove è più debole.
      Non sò se hai notato l’allenatore del siena Sannino è andato a torino ha fatto una partita difensiva contro la juve ed è tornato con un punto.
      Semplice.

  8. A noi pero’ servano in questo momento anche le vittorie e di sicuro o a Reggio o a Padova o a Genova dovremo prendere almeno una volta i 3 punti e poi pareggiare le altre 2 e assolutamente non perdere..!!!!!!!!!

  9. anchio sono per la formazione offensiva bisogna vincere!! se di queste tre partite se ne vince una e una si pareggia l altra si puo perdere anche dieci a zero ma intanto proviamo a vincerne almeno una!

  10. Anche a me piace vincere le partite.
    Basandole sul alleggio. Ma il pallegio è per chi in campo ci sà stare per chi offre le prestazioni.
    Non per l’Empoli di questo anno.
    Ce lo insegna la storia del calcio che le partite si vincono anche con il contrpiede (le famose ripartenze)
    se applicato bene.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here