Allenamento pomeridiano per gli azzurri che hanno continuato a svolgere il lavoro in vista della trasferta di Vicenza, terza gara di campionato con Guido Carboni in panchina.

 

Gli azzurri hanno lavorato da prima divisi in gruppi andando a svolgere alcune esercitazioni sul possesso palla. Dopodichè i due mister (Carboni e Bianconi) con l’ausilio di Martusciello sono andati avanti in un lavoro che vede la difesa da una parte e l’attacco da l’altra a provare alcuni schemi specifici. Per finire la partitella tattica che oggi ha sicuramente dato qualche indicazione in più, anche perchè la conta degli assenti, quando si arriva al mercoledi, non puo’ più essere da considerarsi casuale.

E gli azzurri ad oggi devono fare a meno sia di Saponara che di Ciccio Tavano. Già stamani abbiamo analizzato la situazione dei due, quello che purtroppo preoccupa di più sembra essere proprio il bomber azzurro (ad oggi le ha giocate tutte) che nonostante le rassicurazioni ottimistiche che arrivano dallo staff tecnico circa un suo recupero in vista di Vicenza, pare che Tavano avverta dolore e si possa quindi alla fine non rischiarlo.

In gruppo è invece rientrato Lazzari ed il romano è stato provato ancora una volta sulla trequarti, dove ha mostrato di saperci stare ed anche oggi in allenamento ha fatto vedere buone cose.

In avanti, al posto di Tavano è stato provato il georgiano Mchedlidze, sarà lui, qualora Ciccio non riesca a recuperare, il compagno d’attacco di Coralli.

Tra i rientri c’è quello di Stovini, che non è mai uscito dal gruppo per problemi fisici ma che viene dal turno di stop per squalifica. Il capitano tornerà al centro della difesa, dove come compagno dovrebbe trovare Mori che però dovrà battere la concorrenza di un ritrovato Tonelli. Sicuro del posto, sempre in difesa, sarà Vinci sulla destra, mentre a sinistra non è escluso un ritorno di Regini viste le non perfettissime condizioni di Gorzegno.

A centrocampo  oggi si sono alternati in tanti, anche se Valdifiori come vertice basso del rombo e Buscè sulla destra dovrebbero essere quasi sicuri del posto. Sulla sinistra in tre si giocano una maglia: Signorelli-Coppola-Moro.

Ricordando che Ficagna è ancora out, domani dovremmo saperne di più e magari vedere il volto definitivo della squadra che andrà a Vicenza.

 

Mister Carboni non drammatizza sulla potenziale assenza di Ciccio anche se è il primo a sperare in un suo recupero: ” L’eventuale assenza di Francesco non deve assolutamente crearci dei problemi visto che abbiamo un parco attaccanti vasto e di qualità. Sicuramente è un giocatore importante e la sua stagione è di quelle che lasciano il segno quindi è ovvio che tra averlo e non averlo scelgo la prima ipotesi. Per il resto ci stiamo allenando bene con la solità intensità, sono convinto che a Vicenza faremo un’altra bella gara.”

 

Per domani è prevista una seduta di lavoro al pomeriggio con inizio alle ore 14:30.

 

To. Che.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUltime da Vicenza
Articolo successivoChampions | Impresa Napoli, fuori il City di Mancini
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

8 Commenti

  1. Caro mister chiunque gioca deve dare il massimo, ma l’importante è che non giochi dumitru.. Ti prego mister, questo ragazzo si sente del Napoli, pur non avendoci mai effettivamente giocato e pur “:giocando” nell’Empoli, si sente forte, pur non sapendo stoppare un pallone, insomma è un montato senza pudore per di più scarso (il tutto secondo me)..

    Grazie mister

  2. Bè….non per volere fare l’allenatore a tutti i costi,ma un pensierino a gente veloce come Shekiladze io ce lo farei in mancanza di Ciccio….sicuramente non potremo andare a Vicenza ad imporre il nostro gioco…..e nelle ripartenze non possiamo pensare di arrivare dall’altra parte prima degli altri…..almeno con Mchelidze o con Coralli(anche se piu’ veloce del georgiano)…e poi a sinistra dopo le ottime prove di Firenze e con l’Ascoli,non rinuncerei in questo momento a Coppola

  3. Caro Daniele, fai pure l’allenatore perché quanto dici è perfettamente coerente e condivisibile.
    Inutile giocare con due centravanti centrali una partita che imposteremo gioco forza di rimessa: quindi meglio “l’altro georgiano” più veloce.
    Allo stesso modo, anch’io non rinuncerei al Coppola delle ultime prestazioni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here