Abodi: La B che verrà

Abodi: La B che verrà

Il presidente della Lega di serie B, Andrea Abodi, ed il Direttore generale, Paolo Bedin, hanno in mente tante nuove idee per promuovere su territorio nazionale, ma anche internazionale il campionato cadetto.   Il numero uno della Serie B, ha già in mente una nuova formula per il campionato

Commenta per primo!

Il presidente della Lega di serie B, Andrea Abodi, ed il Direttore generale, Paolo Bedin, hanno in mente tante nuove idee per promuovere su territorio nazionale, ma anche internazionale il campionato cadetto.   Il numero uno della Serie B, ha già in mente una nuova formula per il campionato: “Stiamo immaginando una formula del campionato di Serie B in stile sudamericano. C’è un grandissimo sondaggio con tifosi e addetti ai lavori e con loro disegneremo la B del futuro, con un campionato di Apertura e uno di Chiusura molto intrigante, per poi arrivare ad una B a 20 squadre, dobbiamo solo chiudere il cerchio”.   E’ stato presentato a Roma il progetto “B – Club”, ai rappresentati delle società. A spiegare il funzionamento è stato direttamente Andrea Abodi: ”Sarà un contratto di collaborazione commerciale di 2 anni+2, o di 3 anni più 1 con RCS Sport. Il pacchetto più importante è quello della titolazione del campionato (negli ultimi due anni con Bwin è stato in area 2 milioni di euro, ndr), per poi  proseguire con la vendita del logo dello sponsor sui calzoncini di gioco, con la sponsorship del sottonumero retromaglia (per la prima volta in assoluto in Europa), con le posizioni retroporta e quelle legate ai corner (2 angoli lato lungo), come è successo quest’anno con il marchio Mercedes-Citan. Questo insieme di pacchetti commerciali riteniamo possa generare ricavi in area 6 milioni di euro a stagione (quindi con una previsione di circa 24 milioni di euro nel caso di accordo quadriennale, ndr). Sul fronte title – sponsorship ci sono diverse trattative in atto, di cui due con importanti bookmaker internazionali. L’operazione in esame è corredata anche dall’idea di centralizzare i diritti di archivio dei 22 club di B, in modo da valorizzare, al massimo, la “library” delle società. Questo diritto a negoziare in modo centralizzato, darà la possibilità a tutte le realtà di “B” di avere una forza maggiore nei confronti dei potenziali buyer, consentendoci come Lega di generare nuove revenue anche in quest’area”.     Una novità, che partirà già da questo campionato, è l’introduzione di una tecnologia di altissimo livello in tutti i 22 club di Serie B. Anche questo ce lo spiega Andrea Abodi: I partner commerciali dei club si troveranno un format commerciale omogeneo in tutti i campi e la tecnologia LED aumenterà ‘exposure dei marchi sponsor. Di questo ne siamo certi” . Situazione questa che nasce dagli standard di Empoli, scusate se è poco. . Marianna di Lallo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy