Con Lorenzo Stovini | “Chiediamo scusa a tutti, ci faremo perdonare”

Con Lorenzo Stovini | “Chiediamo scusa a tutti, ci faremo perdonare”

Si chiude il cerchio intorno alla Befana Azzurra che ha lasciato non pochi strascichi polemici per la mancata presenza dei calciatori azzurri all’evento, quando, a dire sia del numero uno del CdC Bagnoli, sia del Presidente Corsi, la squadra era stata avvisata e quindi rea dell’assenza. Una situa

Commenta per primo!

Si chiude il cerchio intorno alla Befana Azzurra che ha lasciato non pochi strascichi polemici per la mancata presenza dei calciatori azzurri all’evento, quando, a dire sia del numero uno del CdC Bagnoli, sia del Presidente Corsi, la squadra era stata avvisata e quindi rea dell’assenza. Una situazione che ha visto mettere in campo da parte della società di Monteboro una punizione nei confronti dei propri giocatori che già da ieri dovranno presentarsi a Monteboro per firmare un registro presenze alle 10:30 di ogni giorno. Dicevamo si chiude il cerchio perchè adesso a parlare è il capitano della squadra, Lorenzo Stovini, che si fa portavoce anche dei suoi compagni per chiedere scusa ai tifosi e spiegarci alcune cose. Lo abbiamo contattato e lo abbiamo intervistato:   Ciao Lorenzo, ci sentiamo perchè tu hai qualcosa di importante da dire ai tifosi ed alla gente di Empoli: Si, mi faccio portavoce della squadra, come capitano, per chiedere scusa a tutti i tifosi azzurri, soprattutto ai più piccoli ed ai rappresentati del Centro di Coordinamento, per la nostra assenza alla festa di sabato. So che eravamo attesi, almeno in una rappresentanza, e purtroppo, fatta eccezione per Antonio Buscè nessuno di noi si è presentato. Posso solo ribadire le scuse, sincere e sentite, perchè nessuno voleva fare un torto ai nostri tifosi che sempre e sottolineo sempre, ci sono stati vicini. Figuriamoci poi se si tratta di bambini.”   La domanda nasce spontanea: cosa è successo? Guarda, e premetto subito che non voglio/vogliamo giustificarci di niente, noi abbiamo saputo dell’evento a metà settimana, poi nel viaggio di ritorno, vuoi la rabbia per la sconfitta, vuoi un pizzico di superficilità, vuoi una comunicazione tra di noi che non ha funzianto, è andata a finire come è andata. Non ci sono parole, sai che sono uno schietto, uno che dice le cose in faccia senza giri di parole, e l’unica parola da dire, adesso è solo scusateci. Tra l’altro fammi dire una cosa sulla quale sono molto fermo: non c’entrano niente i risultati del campo e la sconfitta di Cittadella. Ho letto alcune cose e ci tengo a sottolineare questo, i motivi della nostra mancata presenza non sono attribuibili a questo, la gente se deve dirci qualcosa per questo lo può fare tutti i giorni e sa dove trovarci. Abbiamo peccato come uomini, non come sportivi.”   So che avete già parlato anche con Athos Bagnoli: Si certo, era il minimo. A lui personalmente abbiamo fatto le nostre scuse e spiegato, come sto facendo con voi di PianetaEmpoli, la dinamiche della cosa. So che hanno fatto un gran lavoro, un lavoro che fanno quotidianamente con l’amore che mettono per i colori azzurri, e so che ci sono rimasti male, molto. Non possiamo biasimargli, ma cercheremo di rifarci, il progetto della scuola del tifo merita un gesto da parte nostra.”   Spiegaci meglio: Molto semplice, abbiamo già concordato, e sono qui a dirlo pubblicamente, che il 21 Febbraio, al Palazzo delle Esposizioni, verrà fatto un veglioncino in maschera per i piccoli tifosi azzurri. Noi ci saremo, saremo presenti e passeremo una serata in compagnia, cercando di farci perdonare quello che ormai è capitato e stando a contatto con la gente. Sono sicuro sarà un bel evento e già da ora, io, invito tutti ad essere presenti.”   Senti Lorenzo, quello che è successo è successo, ma lo strascico adesso è l’obbligo di firma che vi ha imposto la società? Lo accettiamo, chi sbaglia paga e se la società ha valutato in questa misura la nostra punizione noi senza storie la avalliamo.”   Forse in questo magari pesa anche la non soddisfacente situazione di gioco e classifica? Questo fai male a chiederlo a me. Io ti posso dire che noi per primi non siamo soddisfatti di come girano le cose. Ci alleniamo per giocare e vincere non certo per  perdere o fare prestazioni non all’altezza, come quella di venerdi. Anche qui ti posso dire che c’è la volontà da parte di tutti, ed io me ne faccio carico pubblicamente, di promettere che faremo sempre il massimo per toglierci da questa scomoda situazione e regalare anche sul piano sportivo, soddisfazione ai nostri tifosi.”   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy