Con Manuel Pucciarelli….

Con Manuel Pucciarelli….

Sono tanti i calciatori che la società azzurra ha mandato in prestito a giocare fuori nell’ultima stagione sportiva, uno di questi, aggregato inizialmente alla prima squadra, ma trovando poco spazio, è stato sicuramente uno di quelli dal miglior rendimento. Parliamo di Manuel Pucciarelli, attacc

Commenta per primo!

Sono tanti i calciatori che la società azzurra ha mandato in prestito a giocare fuori nell’ultima stagione sportiva, uno di questi, aggregato inizialmente alla prima squadra, ma trovando poco spazio, è stato sicuramente uno di quelli dal miglior rendimento. Parliamo di Manuel Pucciarelli, attaccante, che da gennaio ha vestito la casacca del Gavorrano.   Ciao Manuel, come stai? Sto bene grazie, sono in procinto di partire per qualche giorno di vacanza per poi iniziare a prepararmi alla prossima stagione.”   E’ stato un bel finale di campionato li a Gavorrano, peccato perché non sono bastati i tuoi dieci gol per raggiungere il playoff… Io come sapete sono arrivato a Gavorrano a gennaio, ed ho cercato di dare tutto il massimo per questa squadra, e si, peccato perché potevamo farcela ad agguantare questo traguardo, non programmato dalla società, ma allo nostra portata. Abbiamo steccato un match e li ci siamo poi compromessi. Siamo però soddisfatti di quanto fatto.”   Che esperienza è stata quella in Maremma? Ottima, sotto ogni punto di vista, sia professionale, sia umano. Premesso che io ho affrontato la stagione con grande impegno già dal ritiro con l’Empoli, a Gavorrano ho trovato una situazione congeniale per crescere in tutti sensi. Penso si essere migliorato molto, e se ti devo dire la verità, il mio più grande successo lo trovo sotto l’aspetto della persona più che su quello del calciatore.”   Però Manuel anche professionalmente è stata una scommessa vinta? Mah, questo non spetta a me dirlo, io posso dirti di aver dato il massimo, poi se qualcosa si è visto non puo’ che farmi piacere. Certo per i dieci gol sono contento.”     A Gavorrano sei andato con la formula della comproprietà, spetta adesso all’Empoli riscattarti. Pensi di essere pronto per rivestirti d’azzurro? Credo di si, io almeno penso di potermi mettermi a disposizione. Giocare nella prima squadra dell’Empoli è il mio sogno, ho fatto tutta la trafila delle giovanili, ed ho lavorato duro ogni giorno nella speranza di giocare al Castellani. Certe valutazioni, è chiaro, non spettano a me, ma quello che io posso dire è che sono pronto.”   Domanda cattiva: non pensi possa essere meglio un altro anno in prestito, magari con un piccolo salto di categoria, ma dove potresti avere più visibilità? Devo essere sincero? No. Vorrei giocarmi le mie carte nell’Empoli.”   Nella squadra grossetana c’era una vera e propria colonia di “empolesi”. Ti posso chiedere chi, secondo te, tra loro potrebbe essere già pronto per l’Empoli? Guarda senza togliere niente a nessuno, se proprio vuoi un nome ti dico Tognarelli. E’ un gran difensore. Poi permettimi di suggerire il nome di Fioretti, è davvero forte.”   Non ci dimentichiamo che tu fino a gennaio sei stato comunque in pianta stabile nella formazione azzurra. Come è stato quel periodo? Molto fortificante. Allenarsi con gente del calibro di Tavano, Buscè e Stovini, per un giovane, fa tanto. Impari tante cose, anche rubandole con lo sguardo. Non rimpiango niente di quei mesi, anche se poi ho trovato giusta la soluzione del prestito a Gavorrano.”   Tu hai vissuto tutti e tre i tecnici che si sono alternati sulla panchina azzurra. Con chi hai avuto maggior feeling? Non pensare male, ma credimi se ti dico che sono stato bene con tutti e tre e con tuti ho avuto un buon dialogo sempre sentendomi considerato. Pillon, questo lo dicono anche i numeri, è quello con cui ho avuto maggior spazio.”   Per chiudere, ti chiedo qualcosa su Renato Buso, tuo tecnico a Gavoranno e tra i papabile per l’eventuale post-Aglietti… E’ un buon tecnico, uno che si vede che ha voglia e numeri per arrivare. Uno che vive il campo H24 e che sa parlare alla squadra toccando le corde giuste. Penso che sia più che pronto per una panchina importante   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy