Con Salvatore Campilongo…

Con Salvatore Campilongo…

All’indomani della firma che ha legato l’ex tecnico azzurro Campilongo al Frosinone, lo abbiamo contatto per sentire le sue impressioni a caldo in una settimana che vedrà proprio la sua nuova squadra come prossima avversaria dell’Empoli.   Mister, anche se con tempi un po’ più lunghi di

Commenta per primo!

All’indomani della firma che ha legato l’ex tecnico azzurro Campilongo al Frosinone, lo abbiamo contatto per sentire le sue impressioni a caldo in una settimana che vedrà proprio la sua nuova squadra come prossima avversaria dell’Empoli.   Mister, anche se con tempi un po’ più lunghi di quelli auspicati è arrivato il momento di tornare in panchina, come ti senti? Contento, ci siamo sentiti diverse volte in questo periodo e sapete meglio di altri quanto mi mancasse il campo e tornare a lavorare. Sono stato sereno e tranquillo, come abbiamo avuto modo già dirci, ero convinto che prima o poi la ruota sarebbe nuovamente girata.”   Adesso però arriva anche il difficile, perché con il lavoro devono tornare i fatti, e la situazione a Frosinone in questo momento non è delle più semplici: Guardando la classifica avreste ragione anche a darmi del pazzo, ma se ho fatto questa scelta, e voi sapete che in passato ho rifiutato delle panchine per assenza di garenzie, è perché ci sono delle motivazioni solide. Non voglio giudicare il lavoro di chi mi ha preceduto, al quale anzi va tutta la mia stima, ma credo che questo gruppo, che seguo da tempo, abbia bisogno di determinati imput che forse non erano arrivati. C’è grande qualità in questa squadra e sapendo che ci attende un girone di ritorno nel quale dovremmo viaggiare a ritmi altissimi, ho la piena certezza che il Frosinone non retrocederà. Con la società, che conosco bene da sempre abbiamo deciso di firmare un contratto fino al giugno 2012, questo a maggior dimostrazione delle certezze che ho, sono il primo a non volere fare la lega pro.”   Mister, per la serie com’è strana la vita, la tua prima gara sarà al Castellani contro l’Empoli: Hai detto bene, la vita ti riserva sempre delle situazioni davvero particolari. Chi lo avrebbe mai detto che la prima gara nella quale torno in panchina sarebbe stata nello stadio che è stato casa mia per tutta la passata stagione. Ad Empoli ho lasciato dei buonissimi ricordi, professionalmente per me è stato un anno importantissimo dove credo di aver lavorato bene e di aver portato a casa tutto quello che mi era stata chiesto valorizzando anche alcuni giocatori, uno di questi adesso è un punto inamovibile della nazionale under21. Torno con molta serenità ed a testa alta, credo che nessuno mi possa riprovare niente e poi avro’ piacere di riabbracciare alcuni amici, tra cui voi di pianetampoli   Ci risentiremo a fine settimana per parlare meglio e da avversari della partita, ti chiedo solo se hai già delle sensazioni? Guarda oggi mi presenterò ufficialmente ai ragazzi, e sia oggi che domani lavoreremo sia al mattino che al pomeriggio. Questa settimana sarà ovviamente una settimana particolare, ma da subito vorrei avere determinate risposte. Però adesso è davvero prematuro parlare di certe cose.” Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy