Dal Campo | Pronti, partenza, via

Dal Campo | Pronti, partenza, via

Nella giornata di ieri, venerdì 12 luglio, gli azzurri sono tornati sul campo, guidati da mister Sarri, per quello che è stato il primo allenamento della nuova stagione.   Sicuramente, come ogni primo giorno di scuola, dopo un mese abbondante di vacanza, si è visto un allenamento particola

Commenta per primo!

Nella giornata di ieri, venerdì 12 luglio, gli azzurri sono tornati sul campo, guidati da mister Sarri, per quello che è stato il primo allenamento della nuova stagione.   Sicuramente, come ogni primo giorno di scuola, dopo un mese abbondante di vacanza, si è visto un allenamento particolare, con un’intensità ovviamente moderata e con delle soluzioni che sono in via d’abbozzo ma, la cosa che sicuramente è risaltata agli occhi dei presenti è che questa prima seduta di lavoro è sembrata davvero una naturale prosecuzione dell’ultimo allenamento svolto nella scorsa stagione. Vuoi perché le facce nuove le conti sulle dita di una mano, vuoi perché le idee sono sostanzialmente chiare su dove si andrà a parare anche tatticamente. Diciamo subito che la squadra si è divisa tra palestra e campo, con quest’ultimo entrato in scena nella seduta pomeridiana. Ed infatti, nelle partitelle che il tecnico azzurro, alla sua seconda esperienza empolese, ha subito fatto svolgere si è andati a mettersi con il solito 4-3-1-2 e con quell’undici titolare o pseudotitolare (visto che siamo ad un mese dall’inizio della stagione) che già tutti ci aspettavamo. E con il neo arrivato Verdi impiegato subito li, dietro alle punte Tavano e Maccarone. Ovviamente poi si è cambiato e ricambiato però il discorso è chiaro e netto, e questo, ci auguriamo tutti sia l’aspetto in più di questa squadra.   Una squadra che si è mossa anche discretamente dal punto di vista atletico. Sempre facendo la tara al fatto che di primo giorno si tratta, lo staff tecnico si è detto realmente soddisfatto delle risposte avute dai singoli, soprattutto dai nuovi che si sono mossi bene. Senza togliere niente a nessuno, è stato Rugani quello trovato con una forma più vicina al top. Da un punto di vista invece più legato al campo, anche qui senza voler mancare di rispetto ad altri, ha impressionato positivamente Ronaldo Pomepeu. Purtroppo si deve già iniziare a parlare di lavoro a parte e primi stop. Infatti, ma la cosa la si sapeva, Il “Pampa” Pratali sta svolgendo un lavoro ad hoc, ed anche qui potremmo collegarci alla naturale prosecuzione dell’anno scorso. La speranza è che riesca in tempi davvero rapidi (domani dovrebbe firmare il rinnovo) a trovare la migliore condizione. Si deve poi registrare un piccolo problema a Della Latta che ha dovuto anticipare il riposo per un riacutizzarsi di un problema al ginocchio destro. Niente di preoccupante ma bisognerà anche qui lavorarci su.   Anche per quest’oggi doppia seduta di lavoro.   To. Che.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy