Dal Campo | Prove e controprove

Dal Campo | Prove e controprove

E’ iniziata ieri, lunedi 15 luglio, la prima settimana intera di ritiro con gli azzurri (che hanno lavorato anche domenica) impegnati nella solita doppia seduta che gli accompagnerà fino al 3 di agosto.   Si è lavorato a blocchi, un lavoro che caratterizzerà la prima parte di questa fase d

Commenta per primo!

E’ iniziata ieri, lunedi 15 luglio, la prima settimana intera di ritiro con gli azzurri (che hanno lavorato anche domenica) impegnati nella solita doppia seduta che gli accompagnerà fino al 3 di agosto.   Si è lavorato a blocchi, un lavoro che caratterizzerà la prima parte di questa fase di preparazione, con la squadra che viene sempre divisa tra centrocampisti ed attaccanti su un campo e difensori sull’altro. Poi la squadra si ricompatta nel finale per la partitella che chiude la seduta. Campo sia la mattina che nel pomeriggio.   La mattina è servita al mister per lavorare molto alacremente con la difesa. Provate varie soluzioni per la linea a quattro con la grande curiosità che ha visto Accardi essere impiegato più da centrale che non da esterno. Si sono distinti i nuovi, con un Rugani che sta facendo capire di essere un giocatore pronto per giocarsela in serie B. Ovviamente gli attaccanti hanno lavorato con il prof. Selmi. Nel pomeriggio parti invertite con Sarri ed il suo staff ha lavorare con i reparti avanzati, provando sempre lo schema con il trequartista dietro le punte (indiscusso il modulo che sarò il 4-3-1-2) e provando alcuni movimenti che stanno prendendo forma molto rapidamente con una squadra che si trova molto bene. Interessante vedere Verdi dietro alla coppia Tavano-Maccarone. La curiosità del pomeriggio è stata quella di Mario Rui che, nel finale, dopo il lavoro atletico sul “Centrale”, nella partitella si è messo nello posizione di interno sinistro di centrocampo (quella di Croce per intendersi), palesando una buona corsa ed una rapidità nei movimenti non indifferente. Come aveva detto anche ai nostri microfoni, il portoghese puo’ tranquillamente ricoprire anche quella posizione.   Della Latta se la sta vedendo sempre con i suoi problemi al gionocchio ma nel pomeriggio di ieri va segnalato che non hanno terminato la seduta ne Levan ne Tavano. Per il primo c’era un lavoro programmato in palestra, quindi niente di preoccuppante. Per il re del gol azzurro invece un affaticamento ad un polpaccio: anche qui niente di serio, domani dovrebbe essere regolarmente in campo. Sempre a parte Pratali che, per la cronaca, non ha firmato ancora il contratto come paventato ieri mattina.   Anche oggi doppia seduta di lavoro.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy