Dal campo…sorpresa Casoli

Dal campo…sorpresa Casoli

Mandato agli archivi il match di sabato vinto contro l’Ascoli, si volta pagina e si guarda al futuro, un futuro che si chiama Lanciano. Fu dalla gara del girone di andata contro la squadra di Gautieri che iniziò la parabola ascendente dell’Empoli, ma come si è detto per le nove gare precedenti, an

Commenta per primo!

Mandato agli archivi il match di sabato vinto contro l’Ascoli, si volta pagina e si guarda al futuro, un futuro che si chiama Lanciano. Fu dalla gara del girone di andata contro la squadra di Gautieri che iniziò la parabola ascendente dell’Empoli, ma come si è detto per le nove gare precedenti, anche questa sarà un’altra partita, visto che gli abruzzesi vengono da un ottimo momento e stanno giocando un discreto calcio. La guardia dovrà stare sempre alta.   E questo lo sa meglio di tutti mister Sarri che, nel pomeriggio di oggi, dopo la domenica di riposo ha diretto il primo allenamento settimanale. L’ennesimo di questa stagione sotto la pioggia e con un Sussidiario che, nonostante tenga davvero bene, si appensantisce, non permettendo ai nostri di provare le giocate al meglio. Come ogni lunedi, alla ripresa, c’è stata una lunga fase atletica con il Prof. Selmi a dirigire le operazioni. La squadra ha poi, nella parte finale dell’allenamento, lavorato sulla tattica. Chiaramente non è dalla seduta di oggi che ci aspettavamo di vedere qualcosa, e sorprese, a dirla tutta, non ce le aspettiamo più di qui alla fine, con il tecnico che ha ormai fatto capire di aver trovato il suo undici, con delle gerarchie nette ed evidenti, ma dove tutti devono essere pronti perchè quando necessario possano essere ben integrati nell’assemblaggio della sua macchina.   Si parte quindi dal presupposto che si è lavorato principalmente sul 4-3-1-2, modulo che però non è assolutamente oligarchico, perchè la squadra spesso prova soluzioni alternative che, se di bisogno, vengono poi attuate anche in partita. La settimana ridà alla squadra Mirko Valdifiori che ad Ascoli ha dovuto scontare un turno di squalifica, ed il romagnolo andrà a riprendere il suo posto in mezzo al campo. Ma la buona notizia, che potremmo definire anche ottima, riguarda Casoli: l’ex Pro Vercelli era al campo, limitandosi a delle corse intorno al rettangolo di gioco, ma già in movimento. Davvero niente male per uno a cui si era suonato il “de profundis” per la stagione in corso. Addirittura, a sentire lo staff medico, l’eugubino potrebbe tornare in gruppo tra due settimane, dopo (per intenderci) aver giocato in casa contro il Bari. Assente, invece, l’attaccante Francesco Tavano, rimasto precauzionalmente a riposo per un affaticamento muscolare ad uno dei flessori. A parte ancora Levan che, anche per tutta questa settimana, continuerà il suo percorso riabilitativo. Stesso discorso per Camillucci che però ha tempi diversi dal georgiano. Assenti invece completamente i vari Pratali, Tonelli, Ferreira e Dossena, giocatori questi non recuperabili per sabato, ad eccezione, forse, del difensore fiorentino.   Per domani è prevista una doppia seduta di lavoro dove si inizierà a vedere qualcosa in più perchè nonostante tutto i temi d’interesse sono molti, anche per comprendere se (si rigiocherà altre tre volte in sette giorni dalla gara di sabato) il tecnico magari vorrà far tirare il fiato a qualcuno. Pensiamo soprattutto alla difesa dove adesso sia Gigliotti che Mori sono arruolabili, ma anche davanti con un Coralli in gruppo a pieno che ad Ascoli (seppur poi in tribuna) ha avuto la sua prima convocazione.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy