Dal campo…squadra che vince non si cambia?

Dal campo…squadra che vince non si cambia?

Doppia seduta di allenamento per gli azzurri quest’oggi in vista della gara di sabato che vedrà i galletti del Bari venirci a far visita al “Castellani”. Un Bari che riporterà da ex Forestieri nello stadio empolese.   Come quasi sempre al martedi, la squadra ha sfruttato la mattinata per de

Commenta per primo!

Doppia seduta di allenamento per gli azzurri quest’oggi in vista della gara di sabato che vedrà i galletti del Bari venirci a far visita al “Castellani”. Un Bari che riporterà da ex Forestieri nello stadio empolese.   Come quasi sempre al martedi, la squadra ha sfruttato la mattinata per delle esercitazioni prettamente fisiche mentre il lavoro tattico è stato riservato per la seduta di lavoro pomeridiana. Una seduta importante e densa che ha ovviamente iniziato a far lavorare il tecnico ed il suo staff alla composizione dell’undici che sabato prossimo sarà chiamato ad un altro risultato positivo per continuare la rincorsa alla salvezza. Un Aglietti molto carico ha già fato capire che si andrà avanti con il 4-3-1-2 a livello di modulo e che tra i pali continuerà la sua avventura Renato Dossena, anche se non si sbilancia quando gli viene chiesto se possiamo parlare di sorpasso definitivo su Pelagotti. Potrebbe, in questa settimana di lavoro, valere il detto “squadra che vince non si cambia”, di fatti, l’orientamento che ha dato la seduta di quest’oggi, farebbe presupporre che la squadra che bene ha fatto a Varese (non solo per la vittoria finale) potrebbe essere confermata quasi in blocco, e soprattutto il giovane Guitto oggi ha dato l’idea di essere il preferito per sedere sulla sedia del regista. A lui si chiede di dettare i tempi della squadra, e la sua maggiore qualità nel tocco potrebbe essere preferita alla quantità (comunque importante) dei predecessori in quella posizione. Anche Gaston Brugman potrebbe riessere il trequartista titolare: da dire che oggi Lazzari non ha effettuato la seduta per il suo problema al pube, una cosa risolvibile che non dovrebbe comunque pregiudicargli la convocazione. Altra situazione da tenere sott’occhio è quella del brasiliano Ze Eduardo che viaggia verso la conferma tra gli undici titolari, mentre Moro e Coppola si dovrebbero giocare per tutta la settimana l’altro posto a centrocampo, in posizione da interno. Buscè, partito oggi tra le riserve a centrocampo è stato subito dirottato a fare il terzino destro, questo perchè Vinci si è fermato a metà seduta per un problema alla coscia.  Rimanendo poi in ottica di conferme, parlando di difesa, anche Regini potrebbe riessere preferito a Gorzegno. Davanti sono praticamente tutti a disposizione (tranne il convalescente Shekiladze), è quindi auspicabile una partenze del tandem Maccarone-Tavano. Chi invece è ancora alle prese con qualche problema è il difensore Tonelli, che oggi ha lavorato a parte: difficile capire se potrà essere a disposzione per il Bari. Valdifiori e Mori hanno proseguito il loro lavoro riabilitativo, con il primo sicuro assente per il match di sabato.   Aglietti è carico e sa bene che la gara di sabato potrebbe rappresentare quella svolta attesa tutta la stagione, per questo oltre a non lasciare niente al caso ha deciso di far lavorare la squadra a porte chiuse nelle ultime due sedute, quella di giovedi e venerdi.   Domani, con il pubblico che potrà assistere, la squadra tornerà ad allenarsi a partire dalle ore 15:00.   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy