Dal campo…verso Lamporecchio

Dal campo…verso Lamporecchio

Avanti al ritmo di due sedute al giorno, e cosi è stato anche ieri, martedi, con la squadra impegnata al mattino e nel pomeriggio.   Ed il lavoro atletico, quello ovviamente più duro e faticoso, sta arrivando al suo apice. Ieri mattina (è in quella fascia che si consuma questo tipo di alle

Commenta per primo!

Avanti al ritmo di due sedute al giorno, e cosi è stato anche ieri, martedi, con la squadra impegnata al mattino e nel pomeriggio.   Ed il lavoro atletico, quello ovviamente più duro e faticoso, sta arrivando al suo apice. Ieri mattina (è in quella fascia che si consuma questo tipo di allenamento) la squadra è stata impegnata in alcune ripetute a Monteboro, rigorosamente in salita. Una fase molto importante dove il fisico degli atleti viene messo a dura a prova e dove da questo tipo di allenamento vengono esclusi quei calciatori che lamentano anche il minimo problema, perchè chiaramente si potrebbe, in quel caso, ottenere l’effetto contrario. Ma da queste sessioni di lavoro, la squadra sta uscendo bene, ed i risultati che il Prof. Selmi segna sul suo taccuino sono di assoluta soddisfazione per tutto lo staff. Soprattutto la facilità del recupero (molto dipende anche dallo stato psicologico) è davvero buona.   Nel pomeriggio invece è mister Sarri (con il fedele Calzona e Martusciello) a salire in cattedra per andare a metter mano all’aspetto tattico e continuare nel disegno dell’Empoli che verrà. Da questo punto di vista non ci sono particolori novità. Il metodo, efficace, è sempre lo stesso, ovvero quello di dividere la squadra in due tronconi per poi terminare con la partitella tutti assieme. Anche qui però, piacevolmente, quello che viene fuori è che la squadra, nonostante i grandi carichi del mattino, gioca con un’alta intesità, senza far trasudare (almeno esternamente) un disagio che sia esso fisico o di altra natura. C’è grande coesione ed attenzione e, ripetiamo un concetto già espresso in passato, si vedono davvero pochi errori. L’assetto tattico a cui si lavora è il 4-4-1-1 che poi si puo’ modellare in un 4-2-3-1. Grande pressing, verticalizzazioni e quando possibile, si cerca di metterla in mezzo dalle corsie laterali.   Ieri erano in diversi i calciatori che hanno dovuto lavorare a parte. Per quanto riguarda il duro allenamento mattutino infatti, oltre a Tavano non si sono visti ne i due georgiani ne Laurini, ma anche Coralli è rimasto ai box. Per quanto riguarda invece poi la fase pomeridiana, sia Shekiladze sia il difensore francese si sono regolarmente allenati ma è stato fuori l’altro difensore, Pecorini.   Mister Sarri intanto guarda al secondo test in programma stasera a Lamporecchio: ” Adesso, nella speranza di giocare tutta la partita (ride, ndr.) mi aspetto qualcosa in più rispetto a Montelupo. Non posso chidere molto dal punto di vista dell’intensità perchè le gambe non potranno per ovvie ragioni girare a mille, ma voglio vedere applicate le cose che facciamo tutti i giorni, magari sbagliando meno sotto porta.” E poi lo stesso tecnico a far capire che Tavano non sarà del match: ” Per fortuna Francesco sta bene, non ci sono allarmismi su di lui, ma preferiamo però non rischiarlo stasera e tenerlo ancora un paio di giorni a riposo.”   Oggi è prevista la seduta al mattino e poi, stasera con inizio 20,45 si giocheràa Lamporecchio contro la Lampo, società d’Eccellenza.   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy