Empoli-Fiorentina… l’analisi

Empoli-Fiorentina… l’analisi

L’Empoli perde il derby con la Fiorentina e non concede il bis dopo la vittoria di Pescara. Un punteggio davvero difficile da mandar giù in una partita non certo giocata al massimo delle possibilità.

30 commenti

Male, decisamente male. Anche a freddo, dopo qualche ora ormai scivolata via, resta addosso la pesantezza di questo punteggio così ingombrante, così umiliante a livello emotivo per chi aspetta questa gara da tempo ed a questa da un senso diverso rispetto alle altre partite. Un Empoli che non l’ha approcciata da derby, un Empoli che non ha reagito da derby. Una gara che salva soltanto il pubblico azzurro, arrivato al novantesimo con la forza di alzare al cielo i nostri colori e continuare ad incitare dando un’altra bella lezione di tifo a tante piazze. A dir la verità c’è anche un altro aspetto che salva (almeno in piccola parte) la nefasta domenica empolese: i risultati di Crotone, Palermo e Pescara, che stanno ancora là sotto – e tanto basterebbe per arrivare al nostro tredicesimo scudetto.

Il concetto di derby è stata molto chiacchierato in settimana. La gara la si sente più ad Empoli, per la stragrande maggioranza dei tifosi viola è una gara come le altre, sì, forse ma non fino in fondo. E molti, proprio da Firenze avevano sottolineato di come la sconfitta viola dello scorso anno fosse stata proprio figlia del sentirla, forse, diversamente. Ieri, è mancato questo. Non c’è mai stata la sensazione di un Empoli voglioso di aggredire l’avversario, provando a far capire chi comanda le danze e chi, magari, ha davvero più voglia di regalare una soddisfazione ai propri tifosi. Un primo tempo ristagnante, con un tiro addosso al portiere di Maccarone, ma privo di emozioni fino al gol del vantaggio viola. Un gol che nasce da un brutto errore di Pucciarelli e che vede andare a segno Bernardeschi, evitando al contempo un rosso a Skoruspki (che aveva messo giù nettamente Kalinic). Serve un altro rosso non estratto a far venire addosso ai nostri la “cazzimma” giusta. Infatti – non certo per voler far polemica su uno 0-4 –  in questa gara c’è un episodio molto dubbio a nostro sfavore, con Tomovic che atterra Maccarone al limite dell’area solo davanti a Tatarusanu, con tutti i crismi della chiara occasione da gol. Il primo tempo finisce con la speranza di ripartire con quella stessa intensità, ma ci pensa un’altra ingenuità a freddare il tutto: Dioussè stende Badelj nella nostra area: rigore, gol, partita chiusa.

Ed è qui che forse bisogna puntare maggiormente il dito contro una squadra che aveva il dovere morale di continuare a lottare come leoni indomiti. Il 2-0 spegne completamente la luce, una luce che certo non accende Martusciello quando decide di fare un cambio davvero difficile da comprendere con l’ingresso di Gilardino per Krunic, andando di fatto a rinunciare alle incursioni di Croce lungo la fascia che erano state il qualcosa in più azzurro fino a quel punto. La Fiorentina, invece, da quel momento ha maggiore libertà di palleggio e ne mette dentro altri due. Poi si ferma, dando la sensazione netta di non voler infierire su un avversario che non ne aveva più e che non riesce nemmeno a segnare quel gol della bandiera che sarebbe stato importante per non ripiombare subito nell’astinenza da reti (in tredici gare Empoli a segno solo in due partite). Una gara che ha fatto capire ancor di più, mai ce ne fosse stato bisogno ma pronti e felici a dover ammettere un errore di valutazione, di quanto Gilardino non sia il giocatore che fa al caso dell’Empoli, sempre fuori dal gioco e mai a rincorrere un pallone in mezzo al campo provando a costruire l’azione. Passi indietro per diversi singoli, soprattutto per quelli definiti in ombra ad inizio stagione e che piano piano stavano tornando fuori.

E’ una sconfitta che fa male, la peggiore di sempre con la formazione viola. Una sconfitta che porta con se diversi rammarichi perchè la sensazione è che tra queste due squadre non ci sia quel gap che poteva esserci nel 2009 quando una fortissima Fiorentina ce ne infilò tre senza darci quasi mai modo di mettere la testa fuori dal guscio. Soprattutto in quella prima parte di gara, con il punteggio ancorato sullo 0-0, la parvenza di vedere un Empoli non inferiore e messo anche meglio in campo non era certo immaginaria. Ma si fa fatica a costruire e purtroppo (anche se forse potrebbe bastare…) non si gioca solo contro Crotone, Pescara. C’è bisogno che si ritrovi la via del gol, e della vittoria, anche con squadre che sulla carta possono essere più forti. Questa rimane comunque una battaglia persa, male, ma una battaglia. La strada è lunga ed adesso servirà grande serenità per andare avanti in un cammino tutt’altro che semplice.

30 commenti

30 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. lupoalberto - 2 settimane fa

    o gente ! … e si può stare qua a dire che quello ha sbagliato e quell’altro a giocato male …. e gliè il manico che conta! …è vero e c’è meno qualità dell’anno scorso …ma è anche vero che il nostro mister probabilmente e non aveva visionato ile partite della fiorentina e come gioca ..affidandosi alle ripartenze degli esterni ..altrimenti la preparava un pò meglio … e poi ..dall’inizio del campionato e un’ha indovinato una sostituzione che potesse cambiare la partita o almeno migliorala ..anzi sempre peggiorato… è inutile che continuino a difenderlo ..la verità è che non è all’altezza della serie A
    Pucciarelli? è vero .quest’anno sta andando malissimo ..ma qualcuno gli daraà disposizioni … e chi se non il suo allenatore , Saponara ? … se non gira il centrocampo poco può anche lui .( ma credetemi Palermo, Pescara e Crotone … vorrebbero averlo! … Diussè? ..daccordo nel naufragio totale ieri ha toppato pure lui…. ma che faresti giocare al suo posto ? …josè mauri … non è stato indovinato per fare il regista … mi pare evidente..
    gran confusione … sopratutto da parte dello staff tecnico …e pensare che basterebbe poco molto poco, se guardate il calendario … le ns, avversarie hanno impegni proibitivi anche la prox giornata … se stappassimo un punticino e ci presentassio1mo dal sassuolo .. a meno 2 diventerebbe un altro scontro diretto … ( si è vero il sassuolo potenzialmente è superiore ) ..ma vi ricorderete cosa successe ha noi l’hanno che facemmo la uefa? … adesso ci stanno passando loro … e bisogna approfittarne …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. cuoreazzurro - 2 settimane fa

    Io ieri ho visto un buon primo tempo, com personalitá e velocità da parte nostra. Purtroppo, vanificato dalla solita palla persa a centrocampo.Gli errori in disimpegno stanno diventando il nostro difetto peggiore, e bisogna lavorarci per evitarli. Ieri quegli errori hanno spianato la strada a una Fiprentina non certo trascendentale, uns delle peggiori degli ultimi anni. L’altro grosso difetto è che alle prime difficoltà stacchiamo la spina. Visto che la classifica, comunque, ci permette di recuperare, spero proprio che la partita di ieri serva da lezione….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paolo Ronchetti - 2 settimane fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. cuorematto - 2 settimane fa

    Perfettamente d’accordo con con Mork su tutto quello che ha scritto. Finalmente uno che come me vede i difetti di Pucciarelli. Torna indietro a centrocampo per passare la palla indietro e poi?….Il compagno come a fa a servirgli un assist davanti alla porta se lui è perennemente spalle alla porta a metà campo?…
    E poi, quanto cavolo di volte se l’aggiusta quella palla tra i piedi???
    Le palle devono essere servite con l’attaccante che ha il portiere in faccia, lui stesso deve aggredire la profondità. Spesso vedo giocatori che salgono sulla fascia, pronti per il cross, e i nostri attaccanti non sono posizionati e se ci sono, sono posizionati male, cioè non coprono i due pali della porta avversaria.
    Sul pressing alto siamo quasi sempre in ritardo sui difensori che facilmente riescono ad eluderlo.
    E poi, lo dico da sempre, ci son limiti tecnici evidenti nei nostri giocatori. E’ l’ora di ricominciare a ripalleggiare al muro, di imparare a fare gli stop, le triangolazioni, di giocare a uno/due tocchi al massimo.
    Il fraseggio deve essere più veloce; attualmente lo facciamo molto lento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. S' Ostina - 2 settimane fa

    Con Giampaolo fino a gennaio si è visto il miglior calcio della storia dell’ Empoli…c’era palleggio…schemi…ripartenze e anche tanta grinta…poi i cellulari hanno iniziato a squillare e la società ad assentarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nostradamus - 2 settimane fa

      Secondo me sbagli s’ostina. Giocavamo già peggio in media. Con 2 acuti veramente di livello. Overo il primo tempoa firenze e la partita di bologna. Il resto delle partite sono state piuttosto fortunose…palermo, verona, Torino ecc.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. verità - 2 settimane fa

      Non sono un allenatore, ma questa volta concordo con S.Ostina, Giampaolo, aveva capito come muoversi al centro campo e difficilmente passavano, invece Sarri e soprattutto Martusciello lo curano molto meno e si vede purtroppo, almeno in casa Empoli. Infatti se c’è un appunto da fare, sia con la Fiorentina che con altre squadre, che svolgono più gioco al centrocampo, è rafforzare quel settore con un uomo in più, io proverei il 4-4-2, magari con Maccarone e Gilardino davanti, o anche a staffetta Pucciarelli o Saponara un po’ più avanzato, le soluzioni ci sono. Si è visto benissimo che se togli un uomo al centro campo la squadra gira ancora meno, invece se cambiavi ad esempio Pucciarelli e inserivi un Buchel o anche Jose Mauri, con Saponara più avanzato, eravamo più coperti e in contropiede potevamo fare male. Capisco che con i se e i ma non si fa niente, ma mi sembra di vederla più solida una squadra con più centrocampisti e questo Giampaolo lo faceva e bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. nostradamus - 2 settimane fa

    Volgio solo dire a quelli che si lamentano delle critiche che sbagliate a sostenere che siamo gufi e che non sappiamo fare altro. Io avrei pagato oro ieri per vedere un’altra partita e un altro risultato. Le critiche vanno prese per quello che valgono. I nostri sono discorsi da bar (vi ricordate la scritta sul muro del sussidiario… Vu’ siete tutti dei tennici!”). Ecco questo è lo spirito. Però le critiche servono eccome. Empoli è una piazza poco abituata alle critiche perché è inutile negare che anche solo esserci in questo palcoscenico è un miracolo. Però l’Empoli calcio non è più una società sconosciuta e senza storia come lo era fino a vent’anni fa. Abbiamo a più riprese dimostrato di meritarci di stare nel calcio conta e sopratutto abbiamo avuto un allenatore straordinario che ha fatto vedere a chiunque come si potesse fare calcio a grandi livelli anche senza giocatori stellari. Questo ci ha abituato male. E lo dico senza mezzi termini. Prima di Sarri l’Empoli era abituato a fare comparsa, tranne la mitica stagione di Cagni (dove però non giocavamo così bene) e quella di Spalletti (notevolissima ma sempre inferiore come gioco a quella di Sarri). Non a caso Sarri e Spalletti sono dove sono. Dopo Sarri a Empoli non è più come prima. Abbiamo visto che i miracoli esistono e che con carisma, ingegno e preparazione un allenatore può far giocare una squadra mediocre a grandissimi livelli. E non mi venite a dire che i giocatori che avevamo erano più forti di questi. Non è vero. E’ stato merito del mister se sono diventati forti, valorizzandoli nel ruolo che serviva allo scopo. C’è una differenza abissale tra come gioca l’Empoli ora (e già si vedeva con Gianpaolo) e quella di Sarri. Vi ricordate quanti schemi e quante opzioni avevamo quando battevamo i calci da fermo? Molti goal sono venuti da lì. E come facevamo pressing alto e asfissiante contro qualunque squadra? E’ il manico che conta, gente. Martuscello dovrebbe fare un passo indietro, per manifesta incapacità. Sarebbe un bel gesto di modestia. Ma non lo farà. E quanto dovremo aspettare ancora?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Riccardo - 2 settimane fa

    Non voglio entrare in temi tecnici, ma il crolli mentale dopo il 2 a 0 è inaccettabile per una squadra che vuole salvarsi e che invece deve mettere SEMPRE il cuore oltre l’ostacolo. Non so di chi sia la colpa (squadra, allenatore, società, campagna acquisti, giornalisti ….) ma occorre dare una sterzata velocemente. … I 3 punti dalla terzultimo fanno presto ad essere azzerati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Giovanni - 2 settimane fa

    Mork, non è che Dioussé ha fatto un fallo iungenuo, è che ha fatto male per tutta la partita. Così Saponara. Si dice che sia un grande giocatore, però non si vede. Nel suo ruolo è da molto che gioca male. E qui siamo nelle condizioni di non fare sconti a nessuno. Provare Gila con Mac perché Puciarelli, mi dispiace, ma non va proprio. (E siccome il Corsi lo vuole valorizzare lo farà giocare sempre, a anche a danno della squadra). Mac e Gila sono due giocatori di grande esperienza. Basta che il mister discuta con loro su come LORO la vedono, dove si vedono meglio sistemati, e poi…che fai? gli insegni come si tira in porta? Sono loro, se gli dai spazio, che capiscono subito come si devono sistemare…Con giocatori esperti si fa così. Non dico poi quella di spostare CRoce che era stato il migliore in campo forse anche dei 22 (Skoru a parte). Insomma Dioussé* invece non lo farei giocare, ci fa perdere tempo, rallenta…Non ci siamo. Ho rivisto solo una volta quello su cui noi recriminiamo, il mancato rosso a Tomovic. Ma siamo sicuri che Mac non si sia un po’ aggiustato il pallone col braccio? Lo chiedo, non mi lapidate, perché ho avuto modo di rivedere quel caso una volta sola: E comunque forza Empoli! Certo nello spappolamento dopo lo 0-2 anche Mister ci avrà un po’ di colpa. O no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mork - 2 settimane fa

      Mi trovi perfettamente d’accordo sul provare il duo Gilardino-Mac,anche in considerazione dei diversi cross fatti in area di rigore avversaria nella partita di ieri e naturalmente mai sfruttati.Ieri i cross stranamente non sono mancati….soprattutto dalla parte sinistra del campo….ma chi doveva sfruttarli….Pucciarelli?Naturalmente alla lunga devi pensare che l’anno prossimo Gilardino va per i 35 e Maccarone per i 38 anni,quindi urge una punta di buon valore da integrare nel nostro telaio.Su Saponara non mi trovi d’accordo per la semplice ragione,che magari non starà rendendo al 100%,ma nemmeno lo vedo utilizzato in campo nella giusta maniera….E’un trequartista che viene utilizzato in tutto quello che si vuole,meno che in quel ruolo.Sarri lo utilizzava come trequartista puro(e mi pare che con lui le magie di Riccardo erano ben altre)e non certo come centrocampista aggiunto come lo vediamo in campo gia dai tempi di Giampaolo.Questo è un giocatore che di compiti di copertura ne deve avere il giusto,se si pensa che giochi a tutto campo e che poi faccia le magie,non ci siamo proprio.E soprattutto deve avere dietro dei centrocampisti di peso e di buona interdizione.Questo è un centrocampo eccessivamente leggero che finche si attacca tutto va bene,quando attaccano gli altri tutto diventa più difficile ed è inutile girarci intorno….poi ci vuole un grande Skorupski per levare le castagne dal fuoco.Dioussè fisicamente non è Paredes e Krunic(meno male di quello che si pensi comunque la sua prestazione ieri)non ha certo il dinamismo e la velocità,anche nel saltare l’uomo,di Zielinski.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. lupoalberto - 2 settimane fa

      ma che voi provare Gila …o un lo vedi che è completamente fuori dal gioco dell’empoli… Via a gennaio per il bene suo e dell’empoli e di tutti quelli che credevano che con lui si sarebbe arrivati in zona UEFA …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. lupoalberto - 2 settimane fa

      siii s’è l’è aggiustata con la mano era punizione per loro…e amen ..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. claudio - 2 settimane fa

    Chi vole cambià l’allenatore…chi i’modulo….chi i giocatori…..e attualmente saremmo salvi. Pé la terza vorta a fila! O un sarebbe i’caso d’aspettà un attimino? Tutti siamo concordi sul buon primo tempo di ieri. Un si pole ripartì dalle cose bone viste? Da I’filo SECONDO TEMPO NAPOLI-PARTITA ROMA-PARTITA PESCARA-PRIMO TEMPO NANE? No? Meglio infierire quando i nostri ragazzi sono a terra feriti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. gandalf - 2 settimane fa

    Mork, come sempre fai un’analisi tecnica ineccepibile. Per chi era allo stadio, non è possibile parlare di uno 0-4. C’è però un fatto: gli errori si commettono perchè si affida la cabina di regia ad un ragazzino che, per quanto di belle promesse, ha soli 19 anni e quindi è prevedibile che possa perdere palloni ingenui (lo aveva già fatto nelle precedenti partite….). Così come l’unico che ieri ha creato occasioni è stato il povero Maccarone, ma se non ha più lo spunto per segnare, a 37 anni, non gliene possiamo fare una colpa… Il succo è questo: se i sostituti sono Maiello e Gilardino, così come di Saponara e Pucciarelli sono Pereira e Marilungo, siamo fritti…. possiamo solo sperare che i titolari si sveglino prima o poi….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Mork - 2 settimane fa

    L’analisi della partita è presto fatta….se continui a fare sbagli puerili contro squadre più forti,passi dal botteghino,paghi e zitto.Nonostante l’ottima partita del primo tempo,dove ho visto a differenza di quello che ha visto Alessio una squadra presente e vogliosa di vittoria,se tu regali,perdendo palloni importanti,la palla ad una squadra che nelle ripartenze è veramente micidiale(l’avevo gia commentato prima della partita…attenti alle loro ripartenze)perdi per forza la partita.Poi chiaramente Martusciello ci ha messo del suo,ma sul 2-0 dopo un minuto di gioco rimontare sarebbe stato possibile,ma davvero molto difficile.Son quelle partite in cui le grosse occasioni vanno sfruttate e Mac purtroppo non lo ha fatto.Se con il Milan,Veseli scivola e perde palla(a proposito che parata poi di Skorupski),Pucciarelli torna a recuperare una bella palla e poi la riperde banalmente,se Dioussè fa un fallo così ingenuo tanto da beccarsi contro il rigore,tanto per fare degli esempi,è lampante che anche questa partita la perdi.La squadra ne sono più che convinto ha qualità ed ha giocatori che sanno il fatto suo,ma davvero certi errori per chi,come dice Martusciello,deve lottare per non retrocedere,sono inspiegabili e dettati da non si sa cosa.Cio’ non toglie che è solo grazie a degli errori grossolani che la Fiorentina si è trovata sul 2-0,ma sicuramente il primo tempo aveva detto che la squadra viola non ci era stata davvero superiore.Ora come sempre c’è chi cambierebbe questo o quello per poi la domenica dopo invece subito pronto ad esaltarne le prestazioni……..io invece direi di resettare come abbiamo sempre fatto e cerchiamo a questo punto di remare tutti dalla stessa parte….sempre ricordando però che una sana critica,quando occorre,sarà sempre benvenuta e utile anche anche per dirigenza,giocatori e allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verità - 2 settimane fa

      Sposo in pieno la tua tesi, quest’anno fin da subito abbiamo capito che non er aquello degli anni passati, probabilemnte non si è indovinato neppure i giocatori per sostituire quelli che sono partiti, ci siamo illusi dei colpi da 90, che solo in parte pasqual, lo è, Gilardino è inguardabile. Quindi io continuo a dire che Martusciello fa del suo meglio con quello che si ritrova, non ha esperienza e si vede, però cambiare tanto per dare una svolta, la vedo inutile, poi noi non possiamo permetterci persone di carisma e si cascherebbe ancora su di uno qualsiasi, rischiando ancora in peggio. Dobbiamo cercare di mantenere la calma, anche se è difficile, lo capisco, lavorare tanto e provare qualche invenzione, in questo sono d’accordo con molti, però il nostro mister conosce solo il 4-3-1-2 e quando prova altre alternative, sbaglia, meglio continuare come abbiamo sempre fatto. Un mister di esperienza legge le partite e cambia una due pedine massimo e riesce a portare a casa il risultato, noi dobbiamo solo avere tanta pazienza e sperare che le altre continuino a fare peggio di noi, amara consolazione, ma è così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. nostradamus - 2 settimane fa

    Anche io sono per cambiare modulo. E’ inutile girarci attorno. Saponara non è quel gran giocatore che molti a Empoli considerano. Sembra sempre che giochi con sufficienza, senza mai metterci quella grinta che serve. Perde un mucchio di contrasti e arriva spesso in ritardo quando i compagni lo cercano. Quindi non ha senso fare questo modulo se lui non è in grado di fare 5-10 verticalizzazioni o passaggi filtranti a partita come si richiede a uno che gioca in quel ruolo. Lui dovrebbe distribuire i palloni alle 2 punte ma quante volte l’ha fatto? Inoltre non prova mai a tirare da fuori e quando lo fa si capisce perché non ci prova mai (avete presente la ciabattata di ieri nel secondo tempo… roba che vedi solo in UISP). Rispetto alla formazione di ieri io sostituirei soltanto saponara per krunic e gilardino per puccia. Poi metterei buchel nel ruolo che aveva ieri krunic e darei un’altra possibilità a Diousse (l’ultima) prima di ripiegare definitivamente su Mauri. E vediamo se un po’ di panca a Saponara gli fa bene e gli torna la voglia di giocare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mork - 2 settimane fa

      Scusami se intervengo….ma mi dici dove stanno le 2 punte ad Empoli?Per servire 2 punte bisogna prima di tutto che siano 2 giocatori pronti a lanciarsi sugli assist.Mac fa quello che può(37 anni gia compiuti e comunque,ma anche nel primo tempo su un passaggio al bacio a desistito da andare sulla palla(e sarebbe stato davanti al portiere)perché aveva fatto uno scatto prima e non ce l’ha fatta a farne un altro….Pucciarelli?Prende palla e torna indietro passando anche la palla indietro…..poi non contento sta a rincorrere questo o quello…..ma non ci si è accorti che spesso in questa squadra Saponara fa più il centravanti di Maccarone?E che Pucciarelli fa più il terzino di Veseli?Un trequartista deve avere davanti 2 punte veloci o meno,ma che facciano le punte allungando la squadra quando vai in profondità.Saponara pur non giocando una delle migliori partite è stato costretto a fare solo passaggi laterali(leggasi in orizzontale)…..Lo mettiamo in panca?Come no..mettiamoci un altro al posto suo….così si vince il campionato….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. cuorematto - 2 settimane fa

        Perfettamente d’accordo con con Mork su tutto quello che ha scritto. Finalmente uno che come me vede i difetti di Pucciarelli. Torna indietro a centrocampo per passare la palla indietro e poi?….Il compagno come a fa a servirgli un assist davanti alla porta se lui è perennemente spalle alla porta a metà campo?…
        E poi, quanto cavolo di volte se l’aggiusta quella palla tra i piedi???
        Le palle devono essere servite con l’attaccante che ha il portiere in faccia, lui stesso deve aggredire la profondità. Spesso vedo giocatori che salgono sulla fascia, pronti per il cross, e i nostri attaccanti non sono posizionati e se ci sono, sono posizionati male, cioè non coprono i due pali della porta avversaria.
        Sul pressing alto siamo quasi sempre in ritardo sui difensori che facilmente riescono ad eluderlo.
        E poi, lo dico da sempre, ci son limiti tecnici evidenti nei nostri giocatori. E’ l’ora di ricominciare a ripalleggiare al muro, di imparare a fare gli stop, le triangolazioni, di giocare a uno/due tocchi al massimo.
        Il fraseggio deve essere più veloce; attualmente lo facciamo molto lento

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. lupoalberto - 2 settimane fa

        il primo commento sensato che leggo!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. lupoalberto - 2 settimane fa

      ma vatti a rivedere gli assit che ha fatto saponara dall’inizio del campionato ..e dimmi se qualcun altro ne ha fatti solo la metà ..togli anche lui e poi vedi che squadra ti ritrovi ..ma fatela finita …sembra sia sempre colpa di saponara se le cose non vanno come dovrebbero ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Riccardo - 2 settimane fa

    Molti si dovrebbero fare una sana e onesta analisi di coscienza. … Non voglio aggiungere altro, ma lo 0-4 è molto difficile da digerire …. Mi aspettavo ben altro Empoli sotto ogni punto di vista.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Riccardo - 2 settimane fa

      Se questo è l’atteggiamento, sabato con il Milan ci aspetta un’altra goleada a loro favore! ! L’entusiasmo va creato nei tifosi, e se qualcuno contesta mi sembra che abbia tutte le ragioni per farlo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. S' Ostina - 2 settimane fa

        Contestare il mister?…la società? GUFIIIII…CIVETTEEEEE…BARBAGIANNIIIII!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Massimiliano Fulignati - 2 settimane fa

    Secondo me il primo tempo è stato più che dignitoso, contro tra l’altro un brutta fiorentina. Un paio di giocatori erano sulle gambe fin dai primi minuti ma ripeto, buon primo tempo terminato ingiustamente sotto. Nella ripresa rigore ingenuo dopo 54 secondi….scellerato cambio modulo con Maccarone che non poteva, da punta esterna, fare tutta la fascia , e la frittata è fatta. Gilardino. Gilardino non fa per noi? Ci sta. Ma, forse , con altro sistema di gioco ci farebbe comodo eccome. Ah già, ma noi il sistema di gioco non lo possiamo cambiare….allora non ci serve

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Claudio Storai - 2 settimane fa

      Meno male che era una brutta fiorentina…..cmq 4 pere sono sempre 4 pere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. gandalf - 2 settimane fa

    Bene i commenti su Gilardino, ma estendiamoli all’intera campagna acquisti. Mi farebbe piacere che PE cominciasse già da ora a segnalare che a gennaio occorrono almeno due centrocampisti e una punta, e che soprattutto stia un pò addosso alla società sui nomi. Non si possono sempre accettare acriticamente gli acquisti alla Gilardino e alla Tello, senza peraltro dire che in giro c’era molto di meglio a prezzi accessibili e più adatti all’ambiente empolese…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. S' Ostina - 2 settimane fa

      Cambiamo modulo di gioco…anche a costo di sacrificare uno tra gli inutili Pucciarelli e Saponara e vediamo se Gilardino è così inutile.
      I due assi su 13 partite ne hanno cannate 11 e mezza ed in queste condizioni insistere sul 4-3-1-2 (modulo che, Carli/Corsi/Martusciello dixit, dipende dalle prestazioni dei due) è quasi follia.
      Stiamo facendo vedere il peggior calcio della categoria…siamo l’ unica squadra che imbastisce i contropiedi dalla nostra area (che puntualmente si esauriscono poco oltre la linea di centrocampo).
      Vedo al momento 2 squadre molto più deboli di noi nonostante un gioco migliore (Crotone e Pescara)…non riesco a vedere la terza…neanche in prospettiva. Il Palermo? Finché da noi resta Martusciello in panca la squadra rosanero ha più possibilità di salvarsi…poi se per favorire una cessione decide di sua iniziativa di scendere meglio per noi…la nostra salvezza dipende dalla sua volontà…a meno che non arrivi al più presto un….ALLENATORE.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. francesco - 2 settimane fa

      Tello è buono a sgusciare vongole al ristorante di gilardino

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy