Empoli-Juventus… l’analisi

Empoli-Juventus… l’analisi

L’Empoli perde nettamente con la Juve offrendo alcuni spunti nella prima parte di gara ma sciogliendosi dopo il vantaggio bianconero.

17 commenti

Che non fosse facile lo sapevamo, come sappiamo perfettamente che non sono queste le gara da cui deve passare la salvezza. Giocare contro la Juventus, di per se, deve sempre rappresentare un qualcosa di speciale, non un abitudine, perchè si capisca e ci si ricordi che per noi partecipare alla serie A è un qualcosa di incredibile e non di ordinario. Una gara giocata in una bellissima cornice di pubblico (chiaro che la componente bianconere era forte) con un Empoli che si è presentato al via con una grossa sorpresa a livello di formazione che ha fatto fare a tutti mille e più pensieri. L’esclusione di Saponara, motivata da Martusciello come un’esigenza tattica per avere più fisicità in quella zona di campo, è sicuramente di per se già notizia visto che parliamo dell’uomo da 20milioni di euro, dell’uomo da cui dovrebbe passare gran parte della stagione azzurra. Sicuramente quella maggiore sostanza quantitativa si è vista, con un Krunic (ma non doveva fare solo la mezzala quest’anno ??) che non ha giocato male creando anche l’unico vero pensiero per Buffon ma di certo abbiamo perso in fantasia ed imprevedibilità, sperando (Martusciello ha detto che il ragazzo l’ha presa bene) di non aver intaccato sull’aspetto emotivo di chi in questo momento ha bisogno come il pane di certezze.

La gara. L’Empoli ha retto oltre un ora, un ora in cui il campo è stato tenuto abbastanza bene ma dove la Juventus, soprattutto con Cuadrado, si è divorata un paio di gol che sommati alla traversa di Khedira, avrebbero potuto far crollare il castello decisamente prima anche se il già citato squillo di tromba di Krunic ci ha consegnato poi un Empoli tutt’altro che arrendevole. Nel secondo tempo invece la palla è stata messa dentro dai bianconeri e da li, in sei minuti, la neve che si scioglie al sole. Un altro uno-due che ha tagliato la gambe ad una squadra che qualcosa aveva speso e che non ha avuto più la forza di reagire in modo ordinato, non cambiano niente nemmeno con i due assetti visti di li al novantatreesimo. Da apprezzare sicuramente il come la squadra a suo modo non abbia mollato, andando a procurarsi anche alcuni tiri d’angolo in chiusura di gara ma, va detto, senza mai creare ansie ai tanti tifosi juventini che piano piano lasciavano lo stadio. Difficile mettersi a fare i puntigliosi  in una gara dove di fronte hai una squadra costruita per provare a vincere la Champions, ma ci sono alcune cose che non sono andate e che dovranno essere spunto di riflessione.

Su tutto proprio l’aspetto fisico.  Doveva essere quello un punto di forza da parte nostra, visto anche il dispendio di energie dei nostri avversari negli ultimi giorni per i molti impegni avuti, ed invece è sembrato che i bianconeri da questo punto  di vista avessero qualcosa in più.  Discutibile poi la scelta di mettere dentro Pasqual  sul quale dovevamo immaginarci ci fosse Cuadrado che lo ha letteralmente asfaltato. Stride anche l’ultimo cambio speso dove Levan, anche qui Martusciello ha spiegato la sua lettura, si è andato a mettere sull’esterno combinando poco. Tanti appoggi sbagliati, anche semplici e poi se l’Empoli deve seguire il suo credo (nonostante un periodo magari non fortunato) non si può rinunciare a Saponara se integro fisicamente. Tra le note positive dobbiamo evidenziare un grande Skorupski che torna in nazionale dopo tanti anni con alle spalle una partita da campione e poi un Croce, classe 1982, onnipresente ed imprescindibile per questa squadra. Inutile parlare ancora del gol che non è arrivato, diamo il peso alla partita che deve avere, ovviamente con la consapevolezza che dalla prossima gara non si potrà più sbagliare dando ai punti in palio un peso nettamente superiore a quello della prestazione.

17 commenti

17 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Shark - 2 mesi fa

    Squadra carente davanti e debole al centro.
    Allenatore inesperto.
    Mi sa che questa volta si scende in b.
    A meno che la societa non intervenga decisa ora e a gennaio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paride Matini - 2 mesi fa

    Vediamo come vanno le prossime due partite, che più che abbordabili rappresentano già un punto cruciale del campionato. Serviranno almeno punti, perchè poi, se non sbaglio, abbiamo Napoli e Roma. Pesano molto gli zero punti con Sampdoria e Udinese. Ovvio che se dalle prossime due partite dovessero arrivare delusioni, sarà il caso di pensare a qualcosa di diverso, prima che sia troppo tardi. La difesa è martoriata dagli infortuni, il centrocampo ne imposta ne contiene, l’attacco non ne parliamo. Il mister ha le idee poco chiare. Sento dire che contro la Juve abbiamo retto 65 minuti, ma solo grazie alla buona sorte, perchè se il primo tempo finiva 0-3 c’era poco da dire. Comunque nessun dramma per le tre sconfitte consecutive, ma le prossime due partite diventano decisive.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paride Matini - 2 mesi fa

      Volevo scrivere che serviranno almeno 4 punti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio - 2 mesi fa

    Ma la società? Un silenzio davvero assordante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. deepblue - 2 mesi fa

    433 forse…ma per come ci stanno distruggendo a centrocampo sarebbe meglio 4231 ammesso che i giocatori ci sappiano stare in campo cosi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Leonard.K - 2 mesi fa

    La mia sensazione è che prima si cambia modulo e meglio è. Non possiamo giocare con il trequartista quando questo non è in condizione o quando il centrocampo non lo supporta più come quest’anno. Passiamo ad un 4-3-3 con i tre davanti che potrebbero essere Saponara a sinistra “alla Insigne” tanto x capirsi, Pucciarelli a destra e in mezzo una tra Maccarone , che a girare x il campo non ce la fa più, è più il tempo che è in terra che in piedi, Gilardino o all’occorrenza Levan. Diamo altre 2 partite Al mister, contro squadre un po più abbordabili, altrimenti ci vuole un cambio anche in panchina!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ste - 2 mesi fa

    Ah, dimenticavo: SEMPRE forza Empoli.
    Perché qui si discute e si “ciabatta” perché l’Empoli ci s’ha nel cuore!!! Altrimenti non si leggerebbe nemmeno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Riccardo - 2 mesi fa

      Verissimo ste!!!! Se non fossimo innamorati di questi colori non passeremo così tanto tempo a incazzarci per le cose che non vanno!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ste - 2 mesi fa

    Sono d’accordo con Mork per varie cose; indipendentemente da quest’ultima gara (che si sapeva di perdere …), va cambiato qualcosa; Martusciello deve capire che, con gli uomini che ha, questo modulo non è adatto. Anch’io sarei (già detto in altro commento) per provare un 4231, con Buchel Krunic (o altri) sulla mediana. Le “ali” possono essere il Puccia e Croce (con Tello e Dimarco alternative).
    Non vorrei poi che fossero emersi problemi di spogliatoio: Macca sembra svogliato, Sapo non se ne parla. A Buchel cosa è successo? Dov’è finito il lottatore dell’anno scorso, che mangiava tutti?
    Tello lo conosco poco, ma per ora non può stare in campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. deepblue - 2 mesi fa

    …siamo messi davvero male…e’ inutile fare analisi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Mork - 2 mesi fa

    Partiamo dal presupposto che la Juve è la Juve e che soprattutto in queste 3 ultime gare fare punti non era cosa facile.Detto questo bisogna fare un bilancio di queste 7 partite,che non saranno tante,ma nemmeno poche.Cosa hanno detto?Primo che chiacchiere o fatti,i punti sono solo 4 e che siamo penultimi…….secondo che la squadra,uomini nuovi a parte,sembra in confusione mentale e di gioco…..terzo che se si pensa che il colpevole di tutto questo sia Saponara(mi pare che sia stato escluso dagli 11 o no?)non si è capito niente.Può darsi che la squadra sia meno forte dell’anno scorso(ma è ancora tutto da vedere),ma quello che preoccupa non è quello,perchè non necessariamente dobbiamo arrivare decimi o far meglio dell’anno scorso…..basta salvarsi e credo che il nostro gruppo sia valido per arrivare a questo obiettivo.Quanto a togliere Saponara,proprio in una partita così importante,ok sig.Martusciello….fallo se pensi di riuscire a contenere meglio la Juve,ma magari cambia modulo e copriti di più….Se devi giocare con il trequartista,mai rinunciare a Saponara.Lui avrà anche capito,ma io ci credo poco,perchè anch’io non ho capito come si può rinunciare a l’unico uomo che volenti o nolenti ti puo’ dare l’assist giusto per sbloccare attaccanti che per ora lo sono solo di nome e non di fatto.Ok,metti Krunic?Mettilo a destra e irrobustisci il centrocampo e poi sig.Martusciello fai giocare Mauri che si è visto da subito che andava a 2 per i problemi che aveva avuto probabilmente in settimana?Non riusciva a recuperare centralmente sui controattacchi Juventini che gli andavano via come frecce.Ma lei sig.Martusciello dalla panchina questo non lo vedeva?Stessa cosa per quel che riguarda Pasqual…..lei imperterrito a lasciarlo in campo senza mettere addosso a Cuadrado un giocatore come Dimarco,sicuramente più veloce e dinamico…..Poi per carità….con la Juve si perde lo stesso,ma chi è in panchina deve fare l’allenatore…..non l’osservatore.E poi,non ci siamo ancora accorti che con questo modulo,quest’anno non si va da nessuna parte?Ma uno come Gilardino cosa l’abbiamo preso a fare,per fargli fare la riserva anche di Marilungo?Ma perché non provare un bel modulo 4-2.3-1 con Gilardino vertice d’attacco e con Pucciarelli,Saponara e Croce subito dietro,ma pronti a ripiegare a centrocampo insieme ai 2 centrali?Insomma mi pare che ci sia bisogno di una svolta e parecchio alla svelta e non mi pare che nessuno abbia mandato al macello nessuno,perchè la rosa è competitiva e se non mi sbaglio arrivato anche Mauri,tutti i tifosi ne erano più che convinti.La società ha messo a disposizione dell’allenatore ottimi giocatori….sta a lui farli rendere al meglio.Mi scuso per la lunghezza del commento,ma è davvero inutile negare alcune evidenze ormai visibili a tutti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. verità - 2 mesi fa

    io ho visto la partita in casa perchè non potevo uscire, il cronista ha semplicemente detto, che questa squadra non può fare senza un giocatore come Saponar, che anche se non in condizione, può sempre inventare un passaggio filtrante o trovarsi in condizioni ottimale per ndare al tiro o creare problemi alla difesa di una Juve, non sempre attenta, quindi anche io sono del solito parere, se possiamo fare a meno di uno come Saponara, evidentemente ne abbiamo di meglio in panchina, ma non mi è sembrato, diciamo che se non gira Saponara non gira neppure la squadra. Io comunque ripeto anche qui quello detto in altre situazioni, non credo ci sia intenzione ne di cambiare giocatori ne di cambiare allenatoe, ma solo di andare a finere questo campionato, dove si chiude un cerchio e deve ripartire un’altro ciclo, non con i soliti anche nella Società, potrebbe essere in serie A come in serie B, altrimenti non prendevano giocatri navigati e un allenatore inesperto, questo è il mio pensiero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Riccardo - 2 mesi fa

    Giovanni fa parte della storia dell’Empoli, si eviti di trattarlo come un Daniele Baldini qualsiasi. … È stato mandato al macello e non va bene! Riflettiamo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Riccardo - 2 mesi fa

    Analisi giusta, ma al contrario di quanto detto dal Cocchi, la squadra ha mollato perché non puoi prendere tre gol in 6 minuti, anche dalla Juve. Difettiamo di soluzioni, i difensori ad esempio tengono troppo a tenere la linea e di schemi d’attacco neanche l’ombra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Capitan Biliotti - 2 mesi fa

    Analisi giusta, ma nonostante tutto, non si può rinunciare a Saponara, anche non al massimo della forma, in quanto è l’unico, che può creare gioco. Sempre forza Empoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. francesco - 2 mesi fa

      la fisicità forse n’aveva più bisogno con le squadre del nostro livello che vengono a empoli a picchiare e cinturano saponara con marcatura a uomo. ieri visti gli spazi lasciati dalla juve , forse Saponara faceva più comodo.. ma martusciello voleva fisicità..
      sosta provvidenziale, poi due partite genoa fuori e chievo in casa ci diranno molto..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Riccardo - 2 mesi fa

        Bene, allora si è capito che se non si tira in porta non è colpa solo di Saponara.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy