Empoli-Reggina: le probabili formazioni

Empoli-Reggina: le probabili formazioni

Domenica, giornata di riposo per chi gioca la serie B è stata invece di lavoro per Empoli e Reggina che domani, con inizio alle 20:45, giocheranno il posticipo della 32a giornata. Vediamo quindi le ultime.   In casa azzurra tutto è il contrario di tutto, o forse la pretattica stavolta vuol esse

Commenta per primo!

Domenica, giornata di riposo per chi gioca la serie B è stata invece di lavoro per Empoli e Reggina che domani, con inizio alle 20:45, giocheranno il posticipo della 32a giornata. Vediamo quindi le ultime.   In casa azzurra tutto è il contrario di tutto, o forse la pretattica stavolta vuol essere protagonista. La settimana di lavoro aveva fatto emergere delle novità, ovvero il cambio di modulo andando a provare un 4-2-3-1, ma la rifinitura ha rimescolato le carte tornando a riproporre il modulo a cui ormai l’Empoli sembra più affezionato, quel 4-3-3 (o 4-3-2-1) con l’esclusione di Fabbrini (da dire che la sua caviglia non è al 100%) per un Musacci che andrebbe a rimettere a tre la linea di centrocampo con Valdifiori e Moro. E’ proprio questo il cruccio dell’allenatore aretino, che evidentemente si sente più tranquillo, vedendo maggiore equilibrio con quel tipo di centrocampo. Davanti quindi il solito, con Forestieri e Nardini (da non escludere una staffetta con Lazzari) a supporto della punta Coralli. Dietro il tecnico aretino darà fiducia alla linea che ben fece a Siena, mandando Marzoratti a destra e Tonelli centrale, con ovviamente Stovini e Gorzegno. In porta confermato Pelagotti. Gli unici indisponibili sono Lazzari e Mchedlidze assieme allo squalificato Soriano. Il tecnico Aglietti, ex della sfida come il collega Atzori, conferma le difficoltà e l’insidie di un match contro un’avversario molto ordinato e con un reparto difensivo difficile da penetrare. La gara, a detta del mister azzurro, se giocata con l’intensità e la tempra vista a Siena potrebbe sicuramente regalare delle soddisfazioni, e di certo, visto anche come stanno correndo dietro, sarebbe importante mettere tre punti in cascina per un finale il meno possibile al cardiopalma.   Per Atozori, che ha svolto la rifinitura in mattinata per agevolare la partenza verso la Toscana, riguardano la difesa e la scelta dei centrali di centrocampo. A destra, esclusa l’ipotesi dell’avanzamento di Adejo, Laverone in vantaggio su Bernardi: per l’ex esterno dell’Arezzo, un’occasione importante per rilanciare le sue quotazioni. Per quanto riguarda il reparto difensivo, Giosa è la grande tentazione di Atzori e viste le ultime prestazioni di Adejo, il nigeriano potrebbe fare spazio al centrale lucano. Accanto a lui, Cosenza e Acerbi sono intoccabili. Sulla mediana, Atzori ha fatto balenare il dubbio Montiel-Nicolas Viola per la sostituzione di Tedesco, ma il giovane calabrese è in vantaggio e dovrebbe essere lui il prescelto. Sono in tre per due maglie, vale a dire De Rose, Castiglia e Rizzo. L’ex cosentino giocherà, mentre ci sono da valutare le condizioni di Rizzo, che ha avuto un piccolo problema venerdì pomeriggio. In avanti, toccherà ancora ad Alessio Viola e Bonazzoli mettere in croce la difesa avversaria.   Queste quelle che dovrebbero essere le probabili formazioni:  

   
 PELAGOTTI PUGGIONI 
 MARZORATTI ADEJO
 TONELLI COSENZA
 STOVINI ACERBI
 GORZEGNO VIOLA N.
 MORO RIZZO
 MUSACCI CASTIGLIA
 VALDIFIORI LAVERONE
 NARDINI RIZZATO
 FORESTIERI. VIOLA A.
 CORALLI BONAZZOLI

    Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy