Fabrizio Corsi: “Avanti a fari spenti”

Fabrizio Corsi: “Avanti a fari spenti”

All’indomani del bel successo ottenuto in trasferta a Cesena, ha parlato il Presidente azzurro, Fabrizio Corsi. Ha raccolto le sue dichiarazioni il collega Tommaso Carmigni nel pezzo uscito quest’oggi su “La Nazione” che vi riportiamo di seguito.   Presidente, dopo Cesena giusto parlare anco

Commenta per primo!

All’indomani del bel successo ottenuto in trasferta a Cesena, ha parlato il Presidente azzurro, Fabrizio Corsi. Ha raccolto le sue dichiarazioni il collega Tommaso Carmigni nel pezzo uscito quest’oggi su “La Nazione” che vi riportiamo di seguito.   Presidente, dopo Cesena giusto parlare ancora di salvezza? «So che non è facile, ma il piccolo sforzo che chiedo a tutti è quello di continuare a navigare a fari spenti, perchè la serie B ci insegna che un traguardo è conquistato solo quando lo dice la matematica».     Non pensa però che sia difficile continuare a parlare solo e soltanto di salvezza? «No, non lo è. In questo campionato serve equilibrio: dopo le prime nove giornate in molti ci davano per spacciati, ora si parla addirittura di play-off. Io penso che si debba restare con i piedi per terra, continuando a lavorare come stiamo facendo e pensando ad affrontare partita dopo partita».   Questo però è un Empoli che diverte… «E’ vero. Giochiamo bene, certe volte siamo perfino spettacolari. E’ un momento in cui le cose stanno girando per il verso giusto, ma il merito è di tutti, dal mister, ai ragazzi, a tutti i membri dello staff».   La società non ha mai messo in discussione il lavoro svolto dal gruppo: il campo vi ha dato ragione… «Vedevamo che le cose in settimana andavano bene, non aveva senso cambiare. Eravamo fiduciosi perchè gli allenamenti dimostravano come la squadra fosse sulla strada giusta».   Qual è stata la molla che ha innescato la svolta? «Hanno influito tantissimi fattori, dal recupero dei giocatori più importanti ai risultati ottenuti. Ora che siamo nella parte sinistra della classifica la squadra gioca libera mentalmente».   E’ questa la strada da seguire? «Noi la graduatoria non dobbiamo guardarla. Ci toglierebbe soltanto energie. Dobbiamo continuare come stiamo facendo e provare a migliorare il dato dei gol subìti».   Tra poco si tornerà a parlare di mercato: dobbiamo aspettarci qualcosa? «Non credo che faremo grandi movimenti. Dobbiamo innanzitutto valutare il recupero di alcuni giocatori, capire se qualcuno ha il bisogno, o il desiderio, di andare altrove e se possiamo fare affidamento su elementi che in questo momento sono fuori. Non dimentichiamoci che una volta al completo la nostra sarà una rosa ampia».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy