Giampaolo meglio di Sarri, ed ora proviamo a raggiungere Cagni

Giampaolo meglio di Sarri, ed ora proviamo a raggiungere Cagni

La vittoria di ieri sera ha di fatto certificato (se mai ce ne fosse stato bisogno) la seconda salvezza consecutiva. Risultato questo non certo scontato perché, al di la di quelle che potevano essere le difficoltà di questa stagione, soltanto in una circostanza l’Empoli è riuscito a fare tre ca

Commenta per primo!

Marco-Giampaolo-Empoli1-690x454La vittoria di ieri sera ha di fatto certificato (se mai ce ne fosse stato bisogno) la seconda salvezza consecutiva. Risultato questo non certo scontato perché, al di la di quelle che potevano essere le difficoltà di questa stagione, soltanto in una circostanza l’Empoli è riuscito a fare tre campionati di serie A consecutivi con la seconda salvezza che in quel caso (2006/07) valse la qualificazione Uefa. E con la salvezza di fatto in tasca, manca ora davvero soltanto l’ultimo punto, l’obbiettivo da prefiggerci potrebbe essere quello di eguagliare il record storico di punti fatto con Gigi Cagni in panchina.   Non sarà semplice perché per fare cio’ dovremmo vincere le prossime quattro partite, infatti proprio nella stagione sopra indicata arrivarono 54 punti, dodici in più di quelli che abbiamo adesso con di fatto dodici punti a disposizione. Obbiettivo forse impossibile, ma puo’ essere bello provarci a credere anche per tenere vivo l’interesse verso un finale di stagione che di fatto potrebbe essere privo di emozioni se non neper la festa dell’aritmetica salvezza. Di fatto però, giusto sottolinearlo, la squadra di Giampaolo ha fatto ieri gli stessi punti fatti da Sarri nello scorso campionato e con quattro giornate ancora da giocare, dire che il nuovo mister ha fatto meglio rispetto a colui che poteva sembrare insostituibile, è dire cosa buona e giusta. In attesa di capire quale sarà il futuro del tecnico di Bellinzona, dobbiamo dire che la scommessa è stata vinta e tutti gli scettici della scorsa estate (chi scrive, su tutti) sono stati messi piacevolmente a tacere.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy