Giudice Sportivo serie B: inibito Corsi fino al 30 giugno

Giudice Sportivo serie B: inibito Corsi fino al 30 giugno

Due giornate di squalifica al varesino Daniele Corti ed ai livornesi Alfonso De Lucia e Leonardo Martin Miglionico. Lo ha deciso il Giudice sportivo Gianfranco Valente, prendendo in esame le gare di serie B valide per la 20esima giornata di ritorno. Corti, espulso ieri nel corso di Siena-Varese, pag

Commenta per primo!

Due giornate di squalifica al varesino Daniele Corti ed ai livornesi Alfonso De Lucia e Leonardo Martin Miglionico. Lo ha deciso il Giudice sportivo Gianfranco Valente, prendendo in esame le gare di serie B valide per la 20esima giornata di ritorno.
Corti, espulso ieri nel corso di Siena-Varese, paga “per avere, al 23′ del secondo tempo, censurato la decisione di un assistente e rivolto allo stesso locuzione ingiuriosa”. De Lucia, non espulso, paga “per proteste nei confronti degli ufficiali di gara (terza sanzione) “per avere, al termine della gara, rivolto locuzioni ingiuriose agli ufficiali di gara e colpito con un calcio la porta dello spogliatoio arbitrale”. Il suo compagno Miglionico, anch’egli non espulso dal campo, paga “per avere, al termine della gara ed al rientro nei locali degli spogliatoi, rivolto locuzioni ingiuriose agli ufficiali di gara”. Un turno di stop per Calaiò (Siena), Formato (Frosinone), Sala, Hetemaj, Passoni (Albinoleffe), Godeas (Triestina), Barusso (Livorno), Basha (Atalanta), Cofie (Piacenza), Cunico (Portogruaro), Diagouraga (Modena), Esposito (Portogruaro), Gigliotti (Novara), Iunco (Torino), Quadrini (Sassuolo), Schiavi, Tulli (Vicenza), Terzi (Siena). Tra i dirigenti, inibito fino al 30 giugno il presidente dell’Empoli Fabrizio Corsi.

 

Fabrizio Corsi paga l’aver espresso in modo accesso, ma pur sempre civile e con assenza di frasi ingiuriose, l’operato a dir poco scandaloso dell’arbitro Ciampi, responsabili di una direzione di gara a dir poco amatoriale.

 

M.dL.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy