Giudice Sportivo serie Bwin: fermati Sarri e Carli

Giudice Sportivo serie Bwin: fermati Sarri e Carli

Sono state rese note, attraverso il comunicato numero novantanove, le decisioni del giudice sportivo riguardante la trentanovesima giornata di campionato.   PROVVEDIMENTI VERSO CALCIATORI:  3 GIORNATE: Alessandro Volta (Cesena) 1 GIORNATA:Altobello (Bari), Granoche, D’Alessandro, Tabanelli

Commenta per primo!

Sono state rese note, attraverso il comunicato numero novantanove, le decisioni del giudice sportivo riguardante la trentanovesima giornata di campionato.

 

PROVVEDIMENTI VERSO CALCIATORI: 

3 GIORNATE: Alessandro Volta (Cesena)

1 GIORNATA:Altobello (Bari), Granoche, D’Alessandro, Tabanelli (Cesena), Pellizzier (Cittadella), Prestia (Ascoli), Abate, Cristiano (Pro Vercelli), Calderoni, Soddimo (Grosseto), Daprela (Brescia), Catellani, Pomini (Sassuolo), Ceccherini (Livorno), Mario Rui (Spezia), Perna, Surraco (Modena), Oduamadi (Varese), Vitale (Ternana)

 

Ammonizione e ammenda di 1500 euro per Tavano (Empoli) per aver simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso in area avversaria.

 

PROVVEDIMENTI VERSO ALLENATORI E DIRIGENTI

Una giornata di stop per Sarri (all.Empoli)

per avere, al 42° del primo tempo, contestato platealmente l’operato arbitrale, entrando sul terreno di giuoco e rivolgendo al Direttore di gara un’espressione irriguardosa; recidivo.

 

Ammonizione con diffida e ammenda di 2000 euro per Bisoli (all.Cesena) e Toscano (all.Ternana)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA: Bepi Pillon, tecnico della Reggina.

 

Una giornata di stopper Carli (ds Empoli)

per avere, al 43° del primo tempo, contestato una decisione arbitrale, indirizzando al Direttore di gara un’espressione ingiuriosa; recidivo; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.

 

 

PROVVEDIMENTI VERSO SOCIETA’:

Ammenda di 2000 euro per il MODENA “per avere suoi sostenitori, al 31° del secondo tempo, lanciato nel recinto di giuoco una bottiglia”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy