Il pagellone di Pro Vercelli-Empoli

Il pagellone di Pro Vercelli-Empoli

Come consuetudine ecco le pagelle redatte dallo staff di PE inerenti la sfida Pro Vercelli-Empoli.   BASSI 6,5 – Poco impegnato, ma nel finale compie una prodezza decisiva quando alza sopra la traversa un tiro di Iemmello che, complice una sfortunata deviazione di un difensore azzurro, stava beffar

Come consuetudine ecco le pagelle redatte dallo staff di PE inerenti la sfida Pro Vercelli-Empoli.

 

BASSI 6,5 – Poco impegnato, ma nel finale compie una prodezza decisiva quando alza sopra la traversa un tiro di Iemmello che, complice una sfortunata deviazione di un difensore azzurro, stava beffardamente per infilarsi sotto la traversa.

 

LAURINI’ 6,5 – Stringe i denti, come gli capita da diverse settimane a questa parte, e scende in campo ma le quattro gare in tredici giorni si fanno sentire ed è costretto ad alzare bandiera bianca. Al suo posto entra Romeo. Fino a quando è in campo è uno dei migliori tra gli azzurri per questo, e nonostante tutto, il suo voto è alto.

 

ROMEO 6 – Entra al posto di Laurinì e si posiziona al centro della difesa, svolgendo con piena sufficienza quanto richiesto dal mister. Nel finale fa un pò arrabbiare Bassi con un retropassaggio che regala l’angolo alla Pro Vercelli.

 

Il rigore decisivo di Tavano a Vercelli -Foto Max Ciabattini [PianetaEmpoli]TONELLI 6,5 – Dal primo minuto è la coppia di centrali con Regini, poi quando esce Laurinì passa a destra. In entrambi i casi prestazione molto convincente. Guerriero anche senza la… maschera.

 

REGINI 6,5 – Idem come per Tonelli, anche se stasera liscia due volte il pallone; senza dubbio “in riserva” per la partita di 90 minuti con la Under di lunedi scorso. Nonostante “Mangia” bene lo stesso e ora qualche giorno di meritato riposo.

 

HYSAJ 6 – Dall’Italia all’Albania, poi la Norvegia e di nuovo l’Italia (Vercelli) passando per l’Albania. Per Helseid sono stati giorni molto impegnativi e… estremamente faticosi. La prestazione contro la Pro Vercelli ne ha risentito sul piano del dinamismo perchè, nonostante un avversario non propriamente difficile, lui non sferraglia nelle sue micidiali scorribande. Lo attendiamo per il Crotone con le sue solite galoppate in fascia…

 

MORO 6 – Il capitano è con la spia rossa accesa e si vede con i tanti passaggi fuori misura e le gambe che a tratti girano a vuoto. Ma la sua prestazione è comunque pienamente sufficiente. Sempre l’unico che cerca il tiro da fuori.

 

VALDIFIORI 6,5 – Cerca di mettere ordine alla manovra dell’Empoli in un centrocampo intasato dalla confusione degli avversari, e la cosa non è semplice perchè anche lui come i compagni appare molto stanco. E’ cosa risaputa poi che con la stanchezza viene a mancare la lucidità, necessaria per questo tipo di mansione. Ma Mirko tira fuori tutte le risorse in corpo e fino a quando i crampi non lo mettono “out” lui sciorina una prestazione più che positiva.

 

SIGNORELLI 6 – Entra nel finale per sostituire un Valdifiori esausto e per dare nuovo ossigeno al centrocampo. Missione compiuta.

 

CROCE 7 – Non avrà il senso del gol, ma Daniele ogni partita che passa sta diventando molto importante per gli equilibri di questa squadra. Contro il Bari andò a fare anche il terzino, stasera sopperisce al fiato corto dei compagni correndo in largo e lungo per tutto il campo, contrastando gli avversari, conquistando molti palloni e provando continue ripartenze. Ora gli manca il gol, il prossimo al Castellani…

 

SAPONARA 6 – Quinta partita in tredici giorni, l’affaticamento c’è e si vede, e tutto sommato la sufficienza visto anche l’esito del match appare anche giusta. Bravo nel conquistare diverse punizioni.

 

MACCARONE 6,5 – Corre e rincorre, talmente tanto, troppo, che perde la lucidità negli ultimi quindici metri. Era inevitabile.

 

TAVANO 6,5 – A volte sembra eclissarsi, in realtà lui c’è sempre anche se in questo momento forse Francesco sta tirando il fiato dopo mesi di grande lavoro. Però ha il merito di presentarsi sul dischetto e come al solito con estrema freddezza mettere a segno il sedicesimo sigillo stagionale, nonostante i non proprio antichi fantasmi di Terni…

 

MCHEDLIDZE 6 – Entra per l’ultimo scampolo di gara, e la sua presenza, oltre a regalare centimetri in altezza, è importante per tenere alta la squadra azzurra in campo…

 

SARRI 6 – Non era assolutamente semplice questa partita per svariati motivi: perchè gli avversari erano probabilmente all’ultima spiaggia, perchè c’era il timore per questa quarta fatica in pochi giorni, e perchè poi ha dovuto bruciare l’ennesimo cambio forzato per infortunio; aveva la squadra decimata tra infortuni e giocatori non al top, anche a causa degli impegni con le nazionali. Manda in campo il meglio che può e con il minimo sforzo ottiene il massimo risultato. Bene così. Adesso qualche giorno di meritato riposo per ricaricare le pile e per lo sprint finale che comincia con la sfida interna contro il Crotone.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy