La Storia di Empoli-Carpi

La Storia di Empoli-Carpi

Dopo la bella vittoria di Verona, domenica al “Castellani” arriva il Carpi per il secondo degli scontri diretti in chiave salvezza (anche se la classifica a onor del vero non lo direbbe). Una partita che saremo chiamati a non sottovalutare ed affrontare con il massimo impegno. I precedenti sono undi

Commenta per primo!

Dopo la bella vittoria di Verona, domenica al “Castellani” arriva il Carpi per il secondo degli scontri diretti in chiave salvezza (anche se la classifica a onor del vero non lo direbbe). Una partita che saremo chiamati a non sottovalutare ed affrontare con il massimo impegno. I precedenti sono undici (di cui dieci nella terza serie), le vittorie conseguite dagli azzurri quattro, 4 pareggi e 3 vittorie del Carpi, le reti siglate dall’Empoli sono state 11, contro le 8 subite.   emp-car4Iniziamo il nostro viaggio a ritroso nel tempo fino alla stagione 1939-40 che ci vide socnfitti per 2-1 per effetto di un gol arrivato al 90′ di quella gara, fino a quel momento stava maturando un pareggio per effetto delle reti siglate intorno al quarto d’ora, per L’Empoli il gol lo aveva siglato Monti. A fine stagione arrivò una comoda salvezza di entrmbe le squadre. Nella stagione successiva, ovvero nel 1940-41 la gara finì 0-0 gli azzurri si salvarono ma per un solo punto sul Città di Castello. Bisogna poi aspettare il 12 dicembre 1965 per trovare la prima vittoria azzurra, 1-0 grazie alla rete messa a segno da Giagnoni al 56′ di quella gara, a fine stagione per i nostri arrivò una comoda salvezza, mentre il Carpi retrocesse nella categoria inferiore. Dopo un decennio nuovo incontro tra azzurri e biancorossi e vittoria dell’Empoli per 3-1 grazie alla doppietta di Bonaldi e alla rete di Bressani, a fine stagione il canovaccio si ripeteva Empoli salvo e Carpi retrocesso. Gli anni ’90 hanno coinciso con molte sfide tra le due squadre, basti pensare che dal 1989-90 alla stagione 1995-96 Empoli e Carpi si sono trovate nello stesso girone sei volte su sette. Il primo della serie vide un pareggio per 0-0 nella stagione che seguiva il doppio salto degli azzurri dalla serie A alla terza serie.  La stagione successiva, nel 1990-91 gli azzurri tornarono a vincere, per 1-0 grazie alla rete di Gori all 8′ di quella gara, a fine stagione arrivò un quarto posto, mentre il Carpi si salvò per un punto sul Varese. Nel torneo 1991-92 ci fu una sconfitta piuttosto indolore all’ultima giornata per 2-1, per gli emiliani andarono a segno Galassi e Corrente, Galante siglò il gol della bandiera per l’Empoli. Nel campionato 1992-93 arrivò una bella vittoria per 2-0 con le reti messe a segno da Perrotti e Spalletti, quel torneo gli azzurri lo chiusero al 3° posto, il Carpi retrocesse, ma poi venne ripescato a causa del radiamento dell’Arezzo. Nella stagione 1993-94una delle più sofferte per chi ha a cuore l’azzurro, il Carpi si impose al Castellani per 2-1 per effetto delle reti di Nitti e Protti, la rete azzurra fu siglata da Marta. Dicevamo stagione sofferta, infatti L’Empoli chiuse quel campionato al penultimo posto con 32 punti, ma riuscì a mantenere la categoria vincendo il play-out con L’Alessandria grazie alla vittoria nella gara di andata per 1-0 e al pareggio al “Moccagatta” nel ritorno.   Infine gli ultimi due confronti: dopo un anno vissuto inspiegabilmente nel girone B L’Empoli nella stagione 1995-96 gli azzurri furono fermati per 0-0 dal Carpi al termine di una gara poco brillante. un campionato che molti ricordano per quella bellissima promozione che abbiamo tatuato nella nostra pelle, e soprattutto quello spareggio di Modena risolto da un gol di Esposito. Tornando quasi ai giorni nostri, l’ultima partita con il Carpi risale al 14 febbraio, era L’Empoli di Sarri che in quel periodo faticava a fare risultati dopo un girone d’andata eccezionale. Finì 1-1 al vantaggio degli emiliano con Gagliolo rispose Ciccio Tavano su rigore. Poi sappiamo bene come è andata a finire quella stagione, con l’approdo nella massima serie e domenica affrontiamo il Carpi per la prima volta in serie A con la voglia di portare a casa altri tre mattoncini per dare sempre maggior forma al nostro sogno, di mantenere la massima serie per la seconda stagione consecutiva.   Stefano Scarpetti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy