Lazzari si chiama fuori per sabato

Lazzari si chiama fuori per sabato

Anche se la seduta di quest’oggi sarà a porte chiuse, dobbiamo purtroppo già da adesso dare per ufficiale il forfait di Flavio Lazzari per l’incontro di sabato contro il Bari.   Il giocatore sta convivendo da un periodo di tempo (circa due mesi e mezzo) con un problema di pubalgia, una

Commenta per primo!

Anche se la seduta di quest’oggi sarà a porte chiuse, dobbiamo purtroppo già da adesso dare per ufficiale il forfait di Flavio Lazzari per l’incontro di sabato contro il Bari.   Il giocatore sta convivendo da un periodo di tempo (circa due mesi e mezzo) con un problema di pubalgia, una situazione in cui il giocatore ha comunque stretto i denti chiamandosi sempre disponibile e confermando (le parole del post Samp ai nostri microfoni furono eloquenti) che anche quando le sue gare veniva interrotte anzi tempo era sempre e solo scelta tecnica. Purtroppo però il calciatore in questo periodo non sono non ha lenito il fastidio ma lo ha aggravato, ed è proprio la risonanza magnetica effettuata qualche giorno fa a far rilevare uno stato infiammatorio di entità non grave ma nemmeno da sottovalutare. Cosi il giocatore, di comune accordo con lo staff medico ha deciso di stopparsi un attimo chiamandosi fuori per il prossimo impegno degli azzurri. Questo anche perché il dolore aumenta progressivamente, rendendo quindi più difficili gli sforzi fisici e dando una minore libertà di pensiero al giocatore durante la fase di gioco. Un problema il suo che ad oggi rimane anche difficile capire se potrà annullarsi nel corso della stagione o se, al di la del momentaneo riposo, potrà condizionare il resto della stagione del fantasista romano.   Ed è proprio lo stesso giocatore che attraverso le pagine de “Il Tirreno” di questa mattina, che fa sapere il suo immenso dispiacere, anche se, con la solita serenità che lo contraddistingue, conferma che farà di tutto per rimettersi a disposizione di mister Aglietti dando il suo contributo per l’assalto finale alla salvezza.   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy