Le pagelle di Empoli-Bari

Le pagelle di Empoli-Bari

Queste le pagelle redatte dallo staff di PE inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri reduci dalla vittoria, importantissima, contro il Bari al Castellani.   DOSSENA: 6.5 Mostra sicurezza e grande personalita’ nelle uscite dando tranquillita’ a tutto il reparto difensivo. Si oppone alla

Commenta per primo!

Queste le pagelle redatte dallo staff di PE inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri reduci dalla vittoria, importantissima, contro il Bari al Castellani.   DOSSENA: 6.5 Mostra sicurezza e grande personalita’ nelle uscite dando tranquillita’ a tutto il reparto difensivo. Si oppone alla grande sulla bomba di De Falco, mentre sul rigore ha il merito di intuire la traiettoria del pallone e obbligare Bogliacino ad angolare troppo il tiro.   BUSCE’: 6.5 Aglietti lo arretra nel ruolo dove veniva impiegato a inizio stagione, e dopo gli imbarazzi iniziali, riesce a coprire in maniera efficace la sua zona distinguendosi con recuperi importanti. Ottimo anche il suo apporto in fase offensiva con frequenti sovrapposizioni.   STOVINI: 7 «The wall» il capitano sta tornando sui livelli di eccellenza della scorsa stagione, guida il reparto con grande autorevolezza, non sbagliando un intervento sempre concentrato e determinato per tutto l’arco del confronto. Impeccabile.   FICAGNA: 6  Nella prima parte del confronto soffre la vivacita’ dell Ex Forestieri, che comunque con le buone e con le cattive riesce a limitare (calcione alla fine del primo tempo), il fallo di mano è veniale e nemmeno la moviola chiarisce l’esistenza del penalty, a meta’ ripresa spreca in maniera incredibile la palla del 2-0. Suo il presunto fallo di mano che da il rigore al Bari.   REGINI: 6.5 Con il ritorno di Aglietti Vasco sembra rigenerato, soffre in copertura ma riesce a limitare i danni, mentre si propone in avanti con grande determinazione e continuita’ come faceva a inizio stagione.   GUITTO: 6.5 Qualche impaccio e qualche errore di troppo nella prima parte del primo tempo, con il passar del tempo prende in mano la squadra dando ordine e geometrie al gioco degli azzurri, ottima visione di gioco e senso della posizione.   MORO: 6 Nei venticinque minuti in cui viene impiegato, da il suo contributo alla causa giocando in maniera semplice e razionale, giocando buoni palloni per i compagni.   ZE EDUARDO: 6 Soffre nella prima parte della gara la mobilita’ dei centrocampisti pugliesi, dopo essersi scambiato con Coppola le cose vanno meglio, riuscendo a dare il proprio contributo di quantita’ e qualita’.   COPPOLA: 6 Consueta gara fatta di dinamismo e grande agonismo, del centrocampista romano, che si dimostra di fondamentale importanza nella zona nevralgica del campo.   BRUGMAN: 6.5 L’uruguagio mostra come in altre circostanze i suoi numeri che sono fuori l’ordinario, dando qualità e geometrie alla fase offensiva azzurra. Dialoga bene con le punte.   SAPONARA: 6 Da lui ci si aspetta sempre qualcosa di piu’, negli spazi concessi dal Bari nel tentativo di pareggiare poteva e doveva fare di piu’, ha una buona palla disinnescata da Lamanna a meta’ ripresa.   TAVANO: 6 Il casertano ha sul sinistro la palla che potrebbe regalare agli azzurri maggiore serenita’ ma il palo gli dice no. Dialoga sempre meglio con Maccarone, non riesce tuttavia ad approfittare soprattutto nella ripresa degli ampi spazi concessi dai pugliesi.   DUMITRU: 6 Ha un buon impatto nella gara, nel quarto d’ora in cui viene impiegato, va alla conclusione in due occasioni, colpendo anche un palo, meritandosi un ampia sufficienza.   MACCARONE: 7 Voto alto non solo per il gol di ottima fattura, che decide la gara, ma anche per il contributo che da alla squadra, tiene palla e fa salire la squadra subendo una quantita’ industriale di falli.   MISTER AGLIETTI: 7 Il mister ha dato una fisionomia a una squadra, che dopo la sconfitta di Reggio Calabria sembrava allo sbando, seconda vittoria consecutiva con un solo gol ma almeno quattro occasioni avute come a Varese, e una difesa  che non solo non prende gol da 200′ ma concede poco agli avversari, non è ancora stato fatto niente, perche’ ci sono Sassuolo e Torino all orizzonte, ma la strada è quella giusta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy