Le pagelle di Empoli-Cittadella 3-2

Le pagelle di Empoli-Cittadella 3-2

Queste le pagelle redatte dallo staff di PianetaEmpoli.it al termine della gara vinta per 3-2 con il Cittadella. Purtroppo non saranno queste le ultime stagionali visto che il successo non ci ha fatto evitare il playout.   DOSSENA: 7.5  Ancora una grande prestazione del portiere azzurro, ch

Commenta per primo!

Queste le pagelle redatte dallo staff di PianetaEmpoli.it al termine della gara vinta per 3-2 con il Cittadella. Purtroppo non saranno queste le ultime stagionali visto che il successo non ci ha fatto evitare il playout.   DOSSENA: 7.5  Ancora una grande prestazione del portiere azzurro, che nella prima frazione compie almeno tre interventi di grande livello. Davvero miracoloso il suo intervento sul colpo di testa di Di Carmine al 28′. Assolutamente incolpevole sulle due reti subite.   BUSCE’: 6  Parte male il napoletano come tutta la squadra, soffre la vivacità e l’intrapendenza degli esterni veneti, con il passare del tempo cresce il suo rendimento, proponendosi con maggiore efficacia in fase offensiva.   STOVINI: 6 Il neo Leone d’Argento, pur non giocando una partita eccezionale, riesce come sempre a dare il suo contributo in una difesa che nel primo tempo imbarca acqua da tutte le parti, stile Titanic. Da esperienza e combattività che saranno fondamentali nei play-out.   REGINI: 5 Schierato al centro in sostituzione di Ficagna fa molta fatica nella prima frazione, la difesa viene bucata con verticalizzazione centrali proprio dalla sua parte. Con il passar del tempo prende maggiore confidenza e sicurezza, anche se dobbiamo dire che nella ripresa i Veneti calano vistosamente, ma anche sul gol della bandiera lui non è impeccabile.   GORZEGNO: 5.5  Nei primi 10 minuti, a più riprese, Di Nardo gli fa vedere i sorci verdi, con i continui scatti facendolo girare a vuoto. Finisce la gara in crescendo proponendosi in avanti con qualche sgroppata ed un paio di buoni cross.   MORO: 6. In dubbio fino all ultimo, da il suo contributo in mezzo al campo, faticando tantissimo nella prima frazione contro i dirimpettai veneti che in più di un occasione lo mandano out. Tuttavia ha il merito di non arrendersi e di giocare con grande abnegazione e determinazione.   GUITTO: 6 Entra in campo quando la gara ha ormai detto tutto, tuttavia da il suo contributo in dinamismo e vivacità.   VALDIFIORI: 6.5  Nella prima mezzora è in netto affanno ma  ha il merito di prendere in mano la squadra e dettare i tempi della manovra dando il  la alla riscossa degli azzurri verso una vittoria purtroppo inutile.   SAPONARA: 5.5 Nella prima frazione praticamente impalpabile, talvolta sembra nascondersi non dando efficaci punti di riferimento ai centrocampisti centrali. Nella ripresa le cose vanno leggermente meglio con qualche efficace spunto sulla destra.   LAZZARI: 6.5 Come tutta la squadra nella prima mezz’ora è in difficoltà e commette qualche errore di troppo. Nella ripresa è maggiormente efficace, riuscendo a dare profondità alla manovra offensiva al di la delle due reti; la prima fortunosa e nella seconda chiude una pregevole azione.   BRUGMAN: s.v   TAVANO: 6.5 Come in altre occasioni è il salvatore della patria, il gol del pareggio viene segnato nel momento peggiore della squadra, ed è anche l’unico che nel primo tempo da segnali di pericolosità. Clamoroso il palo nella ripresa, una doppietta, per quanto fatto nella ripresa ci stava tutta.   MCHELIDZE: s.v.   MACCARONE: 6 Meno vivace ed esplosivo che in altre circostanze, ma ricordiamo che gioca stringendo i denti, non al massimo della condizione, ma la sua presenza è fondamentale. Lo dimostra nella ripresa sfiorando il gol in un paio di situazioni; il suo apporto è fondamentale anche in fase di non possesso.   AGLIETTI: 6 Temevamo che vincere stasera non potesse bastare, purtroppo sugli altri campi è successo ciò che tutti ci immaginavamo. Il bilancio da quando è arrivato può considerarsi tutto sommato positivo, dato che eravamo con un piede in Legapro. Anche se nella fase finale della stagione regolare ci sono rimpianti come il finale dissennato di Nocera. Adesso ci vorrà combattività e grande cuore per affrontare queste due partite contro il Vicenza dell ex Cagni, preoccupa che subiamo gol nei primi dieci minuti da ormai tre gare consecutive, e che dopo Nocera solo con L’albinoleffe non abbiamo subito gol, anche se oggi vanno registrare 3 marcature: mai successo da quando ritornato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy