Le pagelle di Empoli-Livorno 0-0

Le pagelle di Empoli-Livorno 0-0

L’Empoli non va oltre lo 0-0 casalingo contro il Livorno. L’errore dal dischetto di “El Topa” Forestieri alla fine pesa come un macigno, anche se l’argentino cerca di rifarsi con giocate importanti nel proseguo del match ed alla fine è uno dei pochi che dimostra di poter far cambiare il passo alla

L’Empoli non va oltre lo 0-0 casalingo contro il Livorno. L’errore dal dischetto di “El Topa” Forestieri alla fine pesa come un macigno, anche se l’argentino cerca di rifarsi con giocate importanti nel proseguo del match ed alla fine è uno dei pochi che dimostra di poter far cambiare il passo alla squadra. Positiva la prestazione di Valdifiori che, nonostante Novellino gli piantoni un paio di giocatori, frulla e gioca una quantità industriale di palloni. Dietro Stovini appare sicuro, migliora Coralli e fa ben sperare la prestazione di Lazzari che, rispetto ad inizio stagione, appare molto più sicuro di sè.

 

Pelagotti 6 – Un paio di interventi non difficili ma “delicati”, poi serata piuttosto tranquilla: sufficienza piena.

 

Marzoratti 5 – Chiamato a sostituire l’infortunato Vinci. No, la prestazione di Lino stasera non ci è piaciuta, in alcuni frangenti pasticcia un pò troppo.

 

Mori 6 – Sempre molto sicuro e determinato.

 

Stovini 6,5 – Il capitano guida con intelligenza ed esperienza la difesa azzurra. Puntuale e preciso nelle chiusure, prestazione più che sufficiente.

 

Gorzegno 6 – Un paio di iniziative sulla sinistra, alcuni buoni spunti e molte chiusure difensive. Cerca anche la via del gol, senza successo.

 

Moro 6 – Macina chilometri e gioca molti palloni, insieme a Valdifiori riesce a contrastare la superiorità numerica del Livorno a centrocampo. Nell’azione che porta al rigore, poi fallito, di Forestieri c’è anche il suo zampino.

 

Musacci 5 – Il “Musa” non è al top della condizione. Mette in campo tanta generosità e voglia di fare, ma commette troppi errori elementari, e conoscendo le sue potenzialità tecnico-tattiche ci sentiamod i dire che potrebbe fare molto, molto di più.

 

Valdifiori 6,5 – Gioca una quantità incredibile di palloni, e spesso dai suoi piedi partono le iniziative più positive. Distrugge e crea, subisce molti falli e, grazie al suo dinamismo, la superiorità numerica del centrocampo livornese viene meno.

 

Saponara 5 – Questa volta a nostro giudizio il ragazzo “stecca”: a tratti comunque si vede che ha enormi potenzialità. Mettiamola così: sono normalissimi alti e bassi della gioventù, giocando con continuità troverà anche la continuità di rendimento.

 

Mchedlidze 5,5 – Deve uscire perchè i “muscoli” non sono ancora del tutto tonici, però si vede che sta crescendo partita dopo partita. Il georgiano nel secondo tempo avrebbe la palla del possibile vantaggio azzurro… ma controlla malissimo e sciupa tutto. Nell’azione del rigore di Forestieri lavora un buon pallone e da il là a Moro per il passaggio vincente.

 

Forestieri 5,5 – “El Topa” alterna cose pregevoli ad alcuni errori tecnici non da lui. La sua prestazione sarebbe sul sei, ma l’errore dal dischetto fa propendere l’ago della bilancia a favore di una leggera insufficienza. In sala stampa non si da pace: “in allenamento non sbaglio mai..” – dirà. Nel calcio capita di sbagliare proprio quello che conta, tranquillo Fernandos… c’è una vecchia canzone che dice che… “non si giudica un giocatore da un calcio di rigore…”.

 

Lazzari 6,5 – Un voto che secondo noi ci sta tutto. Quando entra lui l’Empoli ritrova nuova verve e, considerando anche che Flavio arriva da un lungo periodo di stop, ci sentiamo di dare a Lazzari un voto importante, avvalorato dall’azione personale del secondo tempo dove, saltando mezza difesa labronica, si costruisce una palla gol che spreca lui stesso cercando più una conclusione di potenza che non una di precisione. Ma in quel tiro c’era comunque tutta la voglia di tornare a brillare e a fare gol. Bene così, lui potrebbe essere un tassello importante per l’Empoli di “domani”…

 

Coralli 6 – Sia chiaro il “Cobra” non è ancora tornato: anche contro il Livorno ci è sembrato piuttosto statico, insomma lontanto dalla forma migliore. Tuttavia si sono visti alcuni miglioramenti, e la sufficienza ci è sembrata più che doverosa.

 

Fabbrini 5,5 – Da lui ci si attendono giocate che potrebbero far cambiare il volto alla partita. Quando si toglie la casacca mostrando il numero 31 pensiamo che con lui in campo l’Empoli potrebbe anche sterzare… invece si limita al “compitino” senza provare ad osare qualcosa di più. Piccoli miglioramenti rispetto ad un mese fa, ma sempre in piena involuzione, come ha anche ammesso ai nostri microfoni il telecronista Sky Barone.

 

Il mister Aglietti 6 – Prepara abbastanza bene il match, vuole vincere e schiera la squadra con tre attaccanti. Durante il match ruota tutti gli uomini più offensivi che ha a disposizione mettendo in campo Lazzari, Coralli e Fabbrini al posto di Forestieri, Mchedlidze e Saponara. Ma, come una formula matematica, cambiando gli addendi il risultato è sempre lo stesso. L’impressione è che più che addendi si debba cambiare formula… forse il 4-4-2 potrebbe essere quella giusta (forse!) con Forestieri più vicino alla punta e due esterni di centrocampo abili a sostenere il gioco d’attacco e pronti anche a ripiegare quando c’è da difendere. Ma forse bisognerà attendere la prossima stagione con altri uomini a disposizione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy