Le pagelle di Empoli-Livorno 2-1

Le pagelle di Empoli-Livorno 2-1

Ecco le pagelle relative alla gara di questa sera degli azzurri, nel derby con il Livorno redatte come di consueto dallo staff di Pianetaempoli.it.   PELAGOTTI: 7.5 Sostituisce come meglio non potrebbe Bassi, compie almeno tre parate che salvano il risultato. Da applausi la straordinaria deviazio

Commenta per primo!

Ecco le pagelle relative alla gara di questa sera degli azzurri, nel derby con il Livorno redatte come di consueto dallo staff di Pianetaempoli.it.   PELAGOTTI: 7.5 Sostituisce come meglio non potrebbe Bassi, compie almeno tre parate che salvano il risultato. Da applausi la straordinaria deviazione su Ceccherini a 10′ dal Termine. Saracinesca.   LAURINI: 6  In difficoltà il francese nella sua corsia di competenza a disinnescare le iniziative degli amaranto nei primi 20′. Nella ripresa è bravo a prendere le misure e a proporsi in fase offensiva con discreto profitto.   TONELLI: S.V.   PRATALI: 6.5 Il Pampa si regala la prima gioia personale, e ci regala una vittoria importantissima. Dopo l’impaccio iniziale si fa trovare pronto soprattutto sulle palle alte, dove non sbaglia mai denotando un eccellente senso della posizione. Soddisfazione poi, per un pisano, affondare il Livorno.   REGINI: 6.5 Nessuna sorpresa ormai vedere guidare la difesa come il più navigato dei difensori. La sua crescita certificata dalla meritata convocazione con la U 21 di Mangia. Anche stasera bravo a tenere duro nel momento più difficile e a francobollare i temibili gli attaccanti amaranto, fondamentali i suoi raddoppi in aiuto a Hysaj per limitare lo scatenato Siligardi.   HYSAJ: 6 Siligardi lo mette costantemente in difficoltà soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa prende coraggio spingendosi con convinzione in fase offensiva.   VALDIFIORI: 6,5 Inizio molto difficile per lui come per tutta la squadra, soffre i dirimpettai amaranto, che lo mettono regolarmente fuori giri. Con il passar del tempo prende in mano le redini del centrocampo e gli azzurri ne beneficiano. Finisce davvero sugli scudi.   MORO: 6  Meno esplosivo che in altre circostanze, ma quando comincia a carburare dalla mezzora in avanti, da il consueto contributo sia nella fase di non possesso, che in fase offensiva dove è abile a far ripartire ficcanti ripartenze.   SIGNORELLI: 7 Inizio timido, poi riesce a entrare in partita e lo fa rubando palla a Schattarella e dando la scossa agli azzurri, per il resto dai suoi piedi nascono le migliori azioni dell’Empoli. Ci vuole sul finire del tempo un prodigioso Mazzoni per negargli la gioia del gol.   CASOLI: 5.5 Entra determinato e questo va bene. Sbaglia però molti appoggi e spesso strafa non convincendo a pieno   CROCE: 6 Schierato alle spalle di Tavano e Maccarone, in sostituzione di Saponara. E’ bravo ad andare a cercarsi gli spazi soprattutto a sinistra e crea qualche grattacapo agli avversari, anche se talvolta manca proprio nei 16 metri finali; tuttavia gara positiva la sua.   PUCCIARELLI: 6 In predicato di partire titolare fino all’ultimo, non sbaglia la prestazione nei 20 minuti in cui è campo, dimostrando qualità e visione di gioco.   TAVANO: 7 Regala il pareggio con un sinistro velenoso dove onestamente trova la collaborazione di Fiorillo, per il resto è bravo a mettere lo zampino in tutte le azioni degli azzurri, gettandosi negli spazi aperti da Maccarone. Ancora una grande prova di generosità in ripiegamento.   MACCARONE: 6.5 Sta tornando sui suoi livelli Big Mac che mettendo fuori causa costantemente Lambrughi, permette una costante superiorità numerica in fase offensiva. Non segna ma è una spina nel fianco della difesa labronica.   ALL.: SARRI: 7 I primi 20′ ci avevano spaventato, con il Livorno padrone del campo che oltre alla rete aveva collezionato altre due palle gol. La squadra ha saputo reagire, con testa ed ordine, dimostrando che le sue scelte erano giuste, con Signorelli e Croce che si sono espressi bene a lungo termine. Insomma in una sola giornata sono arrivati 4 punti (oltre a i tre del derby è stato restituito legittimamente quel punto tolto in estate). E’ una vittoria che vale molto sul piano mentale e dell’entusiasmo, i famosi 50 punti si avvicinano e continuando a lavorare con umiltà ma anche con consapevolezza dei nostri mezzi certi sogni si potrebbero avverare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy