Le Pagelle di Empoli-Parma 2-2

Le Pagelle di Empoli-Parma 2-2

Ecco le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri, redatte dalla redazione di PE,  relative alla gara di questo pomeriggio, contro il Parma terminata 2-2.   SEPE: 6 Non ha specifiche colpe sui due gol del Parma, per il resto vive un pomeriggio sostanzialmente tranquillo e non vi

Commenta per primo!

Ecco le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri, redatte dalla redazione di PE,  relative alla gara di questo pomeriggio, contro il Parma terminata 2-2.   SEPE: 6 Non ha specifiche colpe sui due gol del Parma, per il resto vive un pomeriggio sostanzialmente tranquillo e non viene chiamato a fare interventi particolari.   LAURINI: 6 Ritrova la maglia da titolare dopo diverso tempo. Mette in mostra una gran voglia di fare soprattutto nella prima frazione ed in fase offensiva. Dalle sue parti Gobbi e Mauri non hanno molte possibilità per pungere nella sua zona di competenza. Alla fine dei conti la prestazione del “Concorde” è da considerarsi positiva.   TONELLI: 5.5  Regala il momentaneo vantaggio degli azzurri con un ottimo terzo tempo simile a quello che aveva permesso di segnare a Firenze. Per il resto il nostro “The Wall”, come i compagni di reparto, a tratti va in difficoltà negli scontri diretti con gli attaccanti del Parma. In occasione dei due gol (soprattutto nel primo) viene coinvolto nel passaggio a vuoto che coinvolge tutto il reparto, permettendo agli avversari di segnare.   RUGANI: 5.5  Appare in calo “Golden Boy” ma ci può stare per un classe ’94 alla prima esperienza in serie A che fino ad oggi ha dato spettacolo. Soffre molto le palle profonde e Ghezzal lo mette sistematicamente in difficoltà. Anche lui in occasione dei due gol non eccelle in reattività e prontezza.   MARIO RUI: 5.5 Errore clamoroso in occasione del vantaggio di Lodi, dove, nel tentativo di far sfilare il pallone sul fondo si fa anticipare da Lila. Per il resto prestazione a corrente alternata del portoghese che si spinge con maggiore continuità nella ripresa, ma sbaglia molti palloni che favoriscono le ripartenze avversarie.   VALDIFIORI: 6 Prestazione al di sotto del suo straordinario standard. Soffre il pressing avversario e fatica a prendere il gioco dei nostri in mano. Rispetto al consueto sbaglia qualche passaggio di troppo. Nella ripresa Sarri lo toglie per un guaio muscolare.   empoli parma (15)SIGNORELLI: 6 Inizia abbastanza bene il venezuelano smistando bene palloni in mezzo al campo. Poi però si perde sbagliando qualche pallone di troppo, innescando le ripartenze degli avversari.   VECINO: 6 Probabilmente il più continuo degli azzurri. Fino a quando rimane in campo offre un buon contributo sulla fascia destra dialogando con efficacia con i compagni e dando il suo apporto in fase di non possesso. Sfiora anche il gol, nel primo tempo, con un bel diagonale.   ZIELINSKI: 6 Il Polacco dimostra le sue buone qualità ma talvolta difetta di lucidità perdendo qualche pallone di troppo sulla trequarti avversaria.   CROCE: 5.5 Meno incisivo e lucido rispetto ad altre circostanze, impreciso negli appoggi verso i compagni e poco reattivo in fase di non possesso. Nella ripresa il “Prestigiatore” non gestisce al meglio alcune ripartenze, e trova un Mirante prodigioso che gli nega la gioia del secondo gol in campionato, che avrebbe chiuso la partita.   SAPONARA: 6.5 Di gran lunga il migliore degli azzurri. Ha il merito, tra le tante, di fornire l’assist a Maccarone per il gol del momentaneo pareggio. Abile a dare profondità alla manovra , attaccando la prondità e a spaccare il centrocampo e la difesa altrui, innescando interessanti ripartenze, che purtroppo non vengono concretizzate.   MACCARONE: 6 Ha il merito di trovare il pareggio a metà primo tempo innescato da Saponara. Per il resto si muove come suo solito su tutto il fronte di attacco, difettando talvolta di lucidità, perdendo qualche tempo di gioco di troppo che favorisce la copertura dei difensori ospiti.   PUCCIARELLI: 5 Sistematicamente anticipato dagli avversari, spesso arriva in ritardo sui cross dei compagni. Non gli difetta la volontà e la determinazione, ma non riesce mai ad incidere nei sedici metri avversari.   TAVANO: S.V   MISTER SARRI: 5.5 Nella prima parte del confronto manca un pizzico di ritmo alla squadra, che pareggia e trova la forza per capovolgere la gara. Poi però dopo aver sprecato almeno 3-4 occasioni da rete, gli azzurri hanno smesso di verticalizzare, sprecando molti fraseggi. Forse il mister poteva effettuare qualche cambio prima, lascia perplesso l’entrata di Tavano a otto minuti dalla fine. In ogni caso è un pareggio che ci avvicina verso il traguardo stagionale, che per noi equivale ad uno scudetto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy