Le pagelle di Juve Stabia-Empoli 1-2

Le pagelle di Juve Stabia-Empoli 1-2

  L’Empoli esce vittorioso dalla difficile trasferta di Juve Stabia ribaltando il risultato nel finale e ottenendo tre punti strameritati. Queste le pagelle redatte dallo staff di PianetaEmpoli.it.   BASSI 6 Incolpevole su destro da fuori di Caserta in avvio, per il resto si limita a interventi di

Commenta per primo!

 

L’Empoli esce vittorioso dalla difficile trasferta di Juve Stabia ribaltando il risultato nel finale e ottenendo tre punti strameritati. Queste le pagelle redatte dallo staff di PianetaEmpoli.it.

 

BASSI 6 Incolpevole su destro da fuori di Caserta in avvio, per il resto si limita a interventi di ordinaria amministrazione anche se dimostra sicurezza e tempismo nelle uscite.

 

LAURINI 7 Dopo l’ultima gara sotto tono con il Grosseto, torna a disputare una prova di grande determinazione e spessore agonistico. Neutralizza con efficacia chiunque si trovi a passare dalle sue parti costringendo Acosty a girargli opportunamente alla larga.

 

TONELLI 6 Commette alcuni errori di disimpegno ma, nel complesso, chiude bene i varchi e concede poco agli attaccanti campani. Un intervento molto duro sull’ex Gorzegno poteva costargli il giallo.

 

REGINI 6,5 Prestazione assai incoraggiante. Con la pesante assenza di Pratali, comanda la difesa con autorità e senso della posizione. Sul campo più difficile dal punto di vista ambientale, emergono finalmente le sue indubbie qualità.

 

HYSAJ 6,5 Il giovane terzino sta crescendo a livelli esponenziali. Gioca e difende con la sicurezza di un veterano anche se stavolta, forse preoccupato dalla presenza di Acosty che a un certo punto viene dirottato da Braglia sulla sua corsia, offre minore sostegno all’azione offensiva e alle ripartenze.

 

MORO 6,5 Non è devastante come sette giorni fa con il Grosseto ma, anche in posizione più decentrata, garantisce il solito prezioso contributo in chiave tattica e in termini di personalità. Ormai comanda il centrocampo con una padronanza tale che gli consente di provare la conclusione sempre più spesso. In un’occasione sfiora la rete con un destro da fuori area.

 

VALDIFIORI 6 Inserito da Sarri nella zona nevralgica del campo, sembra il meno ispirato del trio di mediana ma ha comunque il merito di sapersi gestire con esperienza e senso tattico anche nei momenti di minore brillantezza atletica.

 

(dal 79′ SIGNORELLI 6) Sarri lo getta nella mischia nel finale nella speranza di ottenere maggiore fantasia e possesso palla, trovando nel venezuelano un autentico amuleto portafortuna. Dal suo ingresso in campo non passa neanche un minuto e Tavano è già in gol. Poi, nel finale, contribuisce ad alimentare la spinta emotiva che porta gli azzurri a impossessarsi trionfalmente del match.

 

CROCE 7,5 Il pupillo del tecnico regala la migliore prestazione da quando è in azzurro. Sciorina geometrie e verticalizzazioni con straordinaria continuità e lucidità. Quasi incredibile pensare che non doveva neppure scendere in campo. Si sta ritagliando uno spazio sempre più decisivo nell’idea di gioco elaborata da Sarri negli ultimi due mesi di campionato. Parla lo stesso linguaggio tecnico di Saponara quando lo imbecca perfettamente in area in occasione dell’azione da cui scaturirà il gol del pareggio di Tavano. (dal 85′ CAMILLUCCI S.V.)

 

SAPONARA 7,5 Dopo una partita di grande qualità nella quale dispensa giocate e soluzioni offensive a getto continuo (bellissimo l’assist per Tavano al 63′ quando l’attaccante azzurro calcia fuori da pochi metri), al 90′ decide che è arrivato il momento di accendersi in maniera decisiva. Sfrutta una triangolazione con Maccarone per arrivare di fronte a Nocchi e batterlo con un preciso tocco nell’angolo basso. Sempre più netta la sensazione che abbia movimenti e intuizioni che hanno ormai poco a che fare con questa categoria. Stato di grazia.

 

MACCARONE 7 Nonostante una carriera luminosa e densa di soddisfazioni, si mette sempre al servizio della squadra con generosità e costante applicazione. Imprescindibile punto di riferimento avanzato del gioco azzurro, sfiora il gol con un perentorio colpo di testa nel primo tempo miracolosamente sventato da Nocchi e disegna, in collaborazione con Saponara, l’azione decisiva del gol vincente.

 

TAVANO 7 Il quarto tentativo è quello buono. Fa notizia che si divori almeno tre occasioni clamorose prima di arrivare puntuale, all’80’, all’appuntamento con il “tap-in”decisivo che rimette la gara in parità. In forse fino all’ultimo momento, si rivela ancora una volta determinante con il suo più classico marchio di fabbrica: il gol di rapina (dal 92′ SPINAZZOLA S.V.).

 

SARRI 7 I suoi ragazzi disputano almeno 80 minuti di grande calcio, mettendo alle corde la quarta forza del campionato sul suo ostico e temuto terreno. La squadra, in questo momento, mostra trame e movimenti a tratti spettacolari e tiene il campo con crescente personalità e vigore atletico. E’ riuscito a dare all’Empoli una precisa identità di gioco e se crescerà numericamente la rosa a sua disposizione, soprattutto nel reparto difensivo, l’impressione è che si possa porre le basi di un progetto davvero interessante in chiave futura.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy