Le pagelle di Lazio-Empoli

Le pagelle di Lazio-Empoli

Queste le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri usciti sconfitti 2-0 dall’Olimpico di Roma contro la Lazio.   PELAGOTTI: 7 Nettamente il migliore in campo degli azzurri, in più di un’occasione evita che il passivo possa essere più pesante. Dimostra anche oggi di essere un p

Commenta per primo!

Queste le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri usciti sconfitti 2-0 dall’Olimpico di Roma contro la Lazio.   PELAGOTTI: 7 Nettamente il migliore in campo degli azzurri, in più di un’occasione evita che il passivo possa essere più pesante. Dimostra anche oggi di essere un portiere affidabile e di categoria.   LAURINI: S.V.   BITTANTE: 5.5 Entrato a freddo per sostituire l’infortunato Laurini, vive una giornata difficile come tutto il pacchetto arretrato. Quando viene attaccato spessa va in difficoltà e oggi, a differenza delle precedenti gare, il suo contributo in fase di spinta è marcatamente minore.   COSIC: 5.5 Suo il fallo di mano ingenuo che provoca il rigore, poi trasformato da Candreva. Anche sul secondo gol potrebbe fare qualcosina di più, ma come tutta la difesa soffre una Lazio quest’oggi davvero in palla. Un mezzo passo indietro rispetto alla bella prova contro la Fiorentina.   COSTA: 6 È  il migliore del reparto difensivo, riuscendo a mettere spesso delle pezze laddove i suoi compagni non sono stati perfetti. Anche per lui non una partita brillantissima, ma si muove meglio dei compagni di reparto.   MARIO RUI: 5 Il terzino portoghese perde nettamente il duello con Candreva, va sempre in sofferenza quando quest’ultimo spinge e a tratti è impalpabile, non riuscendo quasi mai a mettere un tappo alle discese del fantasista della Nazionale.   pagelle lazioBUCHEL: 5.5 Nel pessimo avvio dell’Empoli è uno dei pochi che riesce a distinguersi, ma poi la sua partita è costellata di tantissimi errori, anche nei passaggi più semplici. Nel secondo tempo ha una ghiotta occasione che calcia alle stelle.   PAREDES: 6 Dai suoi piedi passano diversi palloni e lui li smista bene, come sa fare. Ha il pregio di far ammonire tre calciatori laziali e di incassare – senza fare una piega – i fischi dell’Olimpico (visto che è di proprietà della Roma).   DIOUSSE: 6 Entra bene in partita dando sostanza al centrocampo.   CROCE: 5.5 Il Prestigiatore, schierato a destra al posto dello squalificato Zielinski, non riesce a farsi vedere molto in fase offensiva e stringe poco sugli avversari in quella di contenimento. Certamente non una grandissima prova per il centrocampista abruzzese.   SAPONARA: 5 Lontano parente del giocatore ammirato nella prima parte della stagione, anche oggi Ricky non riesce ad essere decisivo come dovrebbe. Si muove male tra le linee, sbaglia spesso l’ultimo passaggio e non riesce, a dieci minuti dalla fine, a finalizzare una palla d’oro.   PUCCIARELLI: 5.5 Anche per lui una prova al di sotto delle attese, soprattutto se rapportata alla magnifica prestazione contro la Fiorentina. Non riesce a essere quella zanzara fastidiosa che spesso gli permette di mettere in difficoltà le difese avversarie. Ha poche occasioni per segnare, su una è anche sfortunato perché il suo tiro viene contrato da una deviazione biancoceleste.   PIU: 5 Messo in campo a sorpresa al posto di Maccarone, il giovane attaccante azzurro appare troppo leggero al cospetto dei due difensori laziali, che non vengono mai impensieriti dalle sue giocate. Siamo comunque soddisfatti del suo minutaggio, in quanto passa dal giocare il suo miglioramento.   MCHEDLIDZE: 5 Al suo ingresso sembra poter spaccare il mondo, ma si spegne via via col passare dei minuti. Nel finale prende un giallo davvero sciocco.   MISTER GIAMPAOLO: 5.5 Coraggiosa la scelta iniziale di mandare in campo alcuni dei ragazzi che meritano minutaggio e che potranno essere la linfa dell’Empoli che verrà. Nel complesso, però, la squadra non offre quella prestazione che il mister aveva chiesto alla vigilia: non c’è mai la parvenza che l’Empoli possa impensierire la Lazio, se escludiamo la grande occasione nel finale di Saponara. Gli azzurri non entrano forse in campo con la fame giusta e, a differenza di quanto visto da Giampaolo in settimana, l’impressione è che il derby abbia tolto qualcosa dal punto di vista delle energie. Resta una classifica importante, ma la prestazione odierna è insufficiente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy