Le pagelle di Sassuolo-Empoli 1-1

Le pagelle di Sassuolo-Empoli 1-1

Ecco le pagelle relative al buon pareggio degli azzurri sul terreno ai limiti della praticabilità del Braglia al cospetto della capolista Sassuolo. Redatte come di consueto dallo staff di Pianetaempoli.it.   BASSI: 6 Come di consueto da sicurezza a tutto il reparto, si fa trovare sempre pronto q

Commenta per primo!

Ecco le pagelle relative al buon pareggio degli azzurri sul terreno ai limiti della praticabilità del Braglia al cospetto della capolista Sassuolo. Redatte come di consueto dallo staff di Pianetaempoli.it.   BASSI: 6 Come di consueto da sicurezza a tutto il reparto, si fa trovare sempre pronto quando viene chiamato in causa. Ottimo in alcune uscite.   LAURINI: 6 Protagonista suo malgrado in occasione del rigore, dove sembra non toccare Magnanelli che pare conquistarsi il penalty con furbizia. Per il resto combatte come un gladiatore nella zona di competenza, proponendosi anche in fase offensiva quando se ne presenta l’occasione. Esce per una botta alla milza.   TONELLI: S.V   PRATALI: 6 .5 ottima prestazione del «Pampa» al centro della difesa, bravo negli interventi acrobatici, ed a togliere le castagne del fuoco. Determinante anche il suo contributo nell’assalto dei neroverdi nel finale.   REGINI: 7.5 Prestazione ai livelli di categoria superiore.  Palesa un ottimo senso tattico che gli permette di essere sempre al posto giusto nel momento giusto, la ciliegina sulla torta è stato il suo primo sigillo in serie B con un bel colpo di testa, e così festeggia la sua prima convocazione con la Under 21.   HYSAJ: 6.5 L’albanese è tornato sui livelli a cui eravamo abituati, sbarra la strada a coloro che capitano nella sua zona, spingendo sull’ out di sinistra fino a quando il campo gli lo permette.   VALDIFIORI: 6,5 Apparso in crescita rispetto a sabato scorso, riesce a dare ordine e geometrie al gioco degli azzurri, combattendo con grande abnegazione fin quando rimane in campo.   MCHELIDZE: S.V.   MORO: 6.5 Combatte anche lui come un gladiatore nel fango di Modena, testimoniando ancora una volta il suo grado di forma psico-fisica. Da il suo contributo in fase di costruzione, dove lo vediamo in alcune circostanze anche in cabina di regia, ed anche in fase di non possesso da il suo contributo, rincorrendo tutti gli avversari sporcando molti palloni.   CROCE: 6  Uno dei calciatori maggiormente penalizzati dal terreno. Anche lui dimostra di essere più tonico rispetto a sette giorni fa. Soprattutto nel primo tempo le sue incursioni creano imprevedibilità.     SIGNORELLI: 6 Positivo nei venti minuti finali. Mette sostanza al centrocampo azzurro, sia in fase offensiva che in fase di non possesso, ripiegando sempre con ordine. Parte dai suoi piedi l’angolo che darà il pari agli azzurri.   SAPONARA: 6.5 E’ tornato “Ricky” ed è tornato su un campo che poco spazio da a giocatori come lui. Lo ferma praticamente solo il terrno che spesso (per non dire sempre) gli blocca la palla quando parte lasciando li gli avversari. Peccato per l’ammonizione che gli costa la squalifica nel posticipo dell’ 11 febbraio con il Livorno.   TAVANO: 6.5 Buona la sua prestazione, come buono era il suo gol, che sicuramente avrebbe cambiato le sorti della gara. Sfiora il gol anche nella ripresa e da una grossa mano anche in fase difensiva. Anche per lui, inutile dirlo, questo terreno è nemico.   MACCARONE: 6 Anche oggi e’ apparso poco freddo negli ultimi 16 metri. Anche se è apparso complessivamente più tonico rispetto a sabato, mostrandosi più incisivo anche se spesso il campo lo ha bloccato in alcune circostanze.   MISTER SARRI: 6.5 Prima cosa il mister valdarnese non sta molto simpatico agli arbitri (in particolare a Mariani che lo espelle per la seconda volta): quella odierna totalmente inventata. L’Empoli ha mostrato quella reazione che ci aspettavamo; squadra molto più in palla sul piano sia fisico che mentale. Il campo, è vero, ha distorto il match ma altrimenti non si poteva portar via punti sul campo della capolista che al Braglia aveva lasciato solo un pari fino ad oggi. Come detto alla vigilia l’Empoli è venuto a giocarsela, a viso aperto, un Empoli che dimostra carattere perchè dopo essere andato sotto ha avuto la forza di continuare a crederci. Bravo anche il vice Calzona (con Martuscello) nella gestione dei cambi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy