Lukasz Skorupski: “Non era mia intenzione provocare”

Lukasz Skorupski: “Non era mia intenzione provocare”

Il portiere azzurro ha precisato quanto successo a Pescara, chiedendo scusa al pubblico di casa che comunque ha ampiamente frainteso

5 commenti

Il portiere azzurro Skorupski, attualmente impegnato con la nazionale polacca, ha voluto esprimere il suo pensiero circa i fatti di Pescara che gli sono costati una multa da 10mila euro ed un’etichetta non certo piacevole soprattutto per un ragazzo sempre corretto e disponibile. Attraverso i suoi profili social Lukasz ha voluto cosi spiegare:

Nella partita contro il Pescara, dopo il quarto gol per la nostra squadra, ho alzato le mani ed applaudito felice per l’Empoli. Mi dispiace e chiedo scusa se il mio comportamento ha offeso qualcuno, ma ho solo voluto esprimere la gioia per la mia squadra e congratularmi con il compagno che è riuscito a segnare. Non era mia intenzione provocare il pubblico di casa.”

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. verità - 4 settimane fa

    solo in Italia e con questa legge sportiva, poteva succedere un’idiozia del genere, siamo solo ridicoli!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Milazzo Antonio - 4 settimane fa

    Scusate ma una cazzo di prova televisiva esiste?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Filippo Ricci - 4 settimane fa

    Ma l’ha fatto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. claudio - 4 settimane fa

    Siamo tutti con te, grande portierone!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. penneggiola - 4 settimane fa

    E’ una vergogna multare un calciatore della correttezza di Skorupski. Spero che la società faccia reclamo. Perchè lui non merita assolutamente questa pesante sanzione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy