L’ultimo viaggio del “Moro”

L’ultimo viaggio del “Moro”

Dopo l’autopsia effettuata ieri, che non ha ancora chiarito le cause della morte, la salma dello sfortunato calciatore amaranto ha lasciato Pescara poco dopo le 8 . Nel primo pomeriggio l’ultimo saluto dei tifosi toscani con un giro di campo nello stadio di Livorno.   Ad attenderlo ci sarà u

Commenta per primo!

  Ad attenderlo ci sarà un muro di sciarpe amaranto, ma anche di altre squadre, anche degli eterni avversari del Pisa, ai cancelli attorno allo stadio Picchi di Livorno dove è atteso attorno alle 14.30 il carro funebre con la salma di Piermario Morosini. I cancelli dello stadio sono già aperti ed i primi tifosi sono entrati nella tribuna e verso la curva nord per l’ultimo saluto al centrocampista. Molti dei tifosi che arrivano allo stadio lasciano la loro sciarpa legata ai cancelli; tanti i lumini accesi, i biglietti, i fiori deposti e bandiere amaranto abbrunate. A lutto e a mezz’asta anche la grande bandiera del Livorno issata davanti allo stadio.   Intanto la Procura di Pescara, titolare dell’inchiesta sulla morte di Morosini acquisirà quanto prima le immagini relative ai fatti accaduti dentro lo stadio Adriatico. Tra le intenzioni degli investigatori c’è quella di monitorare tutto quanto successo, specie in relazione ai soccorsi effettuati sul giocatore del Livorno. Fonti interne al palazzo di giustizia spiegano però che i risultati dell’autopsia effettuata ieri sera dal dottor D’Ovidio “già danno una grossa risposta”.   Ore 14,55 Entra il carro funebre, proveniente da Pescara, dentro lo Stadio “Armando Picchi” di Livorno. Un giro di campo, con sosta davanti alla curva nord, e tutto lo stadio in piedi ad appaludire il feretro dello sfortunato calciatore. Difficile descrivere l’emozione e le sensazioni, quando l’auto si ferma poi davanti alla tribuna ed il Vescovo di Livorno da il “buon viaggio” a Pier Mario che andrà a concludere la sua avventura nella sua città di sempre, Bergamo. I calciatori del Livorno, tutti con in dosso la numero 25 di Morosini, depongono le corone di fiori (una mandata anche dal presidente della repubblica, Napolitano) e chiudendo l’auto grigia se ne vanno in lacrime. In tribuna, tutta la squadra dell’Empoli.   Addio PierMario, non scorderemo mai le immagini che ti hanno visto andar via….. M.dL.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy