Lunedi partirà l’era Giampaolo

Lunedi partirà l’era Giampaolo

La stagione vera e propria partirà ai primi di luglio (la data ancora non c’è ma pensiamo tra il 6 e l’8) ma da lunedi inizierà il lavoro di Marco Giampaolo alla guida della squadra azzurra per la stagione sportiva 2015/16.   Il mister, ufficializzato la scorsa settimana, vedrà proprio ne

Commenta per primo!

giampaolo bsLa stagione vera e propria partirà ai primi di luglio (la data ancora non c’è ma pensiamo tra il 6 e l’8) ma da lunedi inizierà il lavoro di Marco Giampaolo alla guida della squadra azzurra per la stagione sportiva 2015/16.   Il mister, ufficializzato la scorsa settimana, vedrà proprio nella mattinata di lunedi anche completati gli ultimi tasselli burocratici, con il deposito in Lega Calcio del contratto annuale che lo lega alla società di Monteboro. Dagli inizi della prossima settimana verrà dunque aperto il cantiere, con Giamapolo e la dirigenza impegnati da subito nella valutazione di determinati elementi che potrebbero restare o meno (pensiamo a Brillante su tutti) e quelli che invece potrebbero arrivare dal mercato. Tra l’altro con Giampaolo, ad Empoli, arriverà il suo vice storico, Fabio Micarelli. Sul piatto, fin da subito, molto lavoro con tante situazioni da valutare, come per esempio la programmazione di tutto il ritiro precampionato (che si svolgerà come sempre ad Empoli) e la conoscenza con lo staff tecnico storico, da Selmi a Marchisio, passando anche (speriamo) per Martusciello.   Il mister inizierà a prendere possesso delle chiavi della squadra ed in attesa del ritorno dei giocatori dalle vacanze, inizierà una serie di analisi meticolose come da suo imprinting. Con la dirigenza impegnata poi in alcuni incontri importanti di mercato, proprio all’inizio della settimana che verrà, non è da escludere che la presentazione del tecnico (che sarebbe dovuta esserci lo stesso lunedi) non possa essere posticipata alla metà della settimana. Insomma, ultimi due giorni di riposo per l’italo-svizzero, e poi da lunedi maniche arricciate per continuare un sogno chiamato serie A.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy